Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Approfondimenti

CCNL Industria – CERAMICA – PIASTRELLE – MATERIALI REFRATTARI: tempo di incrementi contrattuali

Facebook
Twitter
LinkedIn

Dal 1° gennaio 2022 le aziende del settore aumentarono il contributo datoriale a favore di tutti i dipendenti iscritti ai fondi pensione contrattuali.

È sicuramento un anno ricco di novità per i contratti del raggruppamento “ceramica” industria. Dal 1° gennaio 2022, come previsto dal rinnovo del 26/11/2020, il contributo a carico azienda sarà elevato al

1,90% nel comparto ceramica (in precedenza, 1,80%)

2,20% nel comparto materiali refrattari (in precedenza, 2,10%)

2,30% nel comparto piastrelle (in precedenza, 2,10%)

Tutti i contributi sono espressi in percentuale sulla retribuzione utile al calcolo del TFR.

Nulla cambia, invece, per il contributo minimo a carico del lavoratore, che resta pari, in tutti i settori, all’1,40%.

Ma quanto vale il contributo azienda in Euro?

Se prendiamo ad esempio un lavoratore con livello medio (D3), il contributo azienda è di circa € 500 annui che chi non è iscritto ai fondi pensione negoziali perde, anno dopo anno.

Per i settori CERAMICA e PIASTRELLE, inoltre, al lavoratore che beneficia del contributo azienda è attivata automaticamente la COPERTURA ASSICURATIVA ACCESSORIA. Una polizza assicurativa caso morte ed invalidità permanente il cui costo è totalmente a carico dell’azienda. Una protezione in più per i lavoratori iscritti e per le loro famiglie 

Vuoi saperne di più o chiedere stima personalizzata? Contattaci o prendi appuntamento, anche online, su www.solidarietaveneto.it/contattaci/

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #3. LA SCELTA DEI COMPARTI E I RENDIMENTI ACCUMULATI

Dopo 6 mesi di tensioni finanziarie, la “terza puntata” di analisi della Relazione Covip “cade a fagiuolo”: l’approfondimento è infatti dedicato a rendimenti che, nel lungo periodo e soprattutto sui comparti azionari, restano soddisfacenti. Ma quali sono i benefici reali per gli iscritti? I rendimenti dei fondi pensione si misurano nel… lungo termine. L’affermazione, per quanto

Torna su