Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Tutte

Solidarietà Veneto: avanti con gli investimenti territoriali

Facebook
Twitter
LinkedIn

Avviato il secondo progetto di investimento nelle imprese del territorio; sale a 30 milioni la quota di patrimonio destinato al sistema economico regionale.

Sottoscritto il secondo progetto


L’11 settembre 2015, nella sede di Unindustria Treviso, sono state sottoscritte le quote di un secondo fondo di private equity: il fondo APE III.

L’ammontare complessivo dedicato al progetto è pari 7 milioni di euro; le aziende target del fondo APE III sono le PMI del nord, nord-est Italia.

Il progetto si affianca al “Fondo Sviluppo PMI” (dotazione complessiva per 50 milioni di euro) sottoscritto da Solidarietà Veneto il 19 febbraio scorso, sempre per un ammontare di 7 milioni di euro.

La quota del patrimonio gestito da Solidarietà Veneto attualmente destinata all’investimento diretto è pari a circa 30 milioni di euro; il Consiglio di Amministrazione sta già valutando l’avvio di un terzo progetto, che verrà annunciato entro la fine dell’anno.

Andrea Tomat, Presidente di Solidarietà Veneto, dichiara: «Come unico fondo pensione negoziale italiano ad aver avviato l’investimento diretto, stiamo gradualmente diventando un importante interlocutore per la crescita del sistema economico territoriale».

Economia del territorio: progetto concreto


Tra le aziende investite dal fondo APEIII anche una vicentina: è la Brenta P.C.M.

L’azienda di Molvena è già oggi tra i primi 10 produttori al mondo di componentistica per auto ed elettrodomestici per lo sviluppo e la fornitura di stampi e particolari realizzati con tecnopolimeri, per un fatturato complessivo di 25 milioni di euro.

L’obiettivo del Fondo APEIII, che ne ha acquisito la maggioranza del capitale (il 64%, per un investimento complessivo di 5,64 milioni di euro), è lo sviluppo dell’azienda e una maggiore penetrazione sul mercato.

A dimostrazione delle intenzioni del Fondo APEIII, si rileva un dato significativo: nei primi tre mesi di attività, sono stati trasformati a tempo indeterminato 30 contratti interinali.

Approfondiamo: cos’è APE III?


APE III (Assietta Private Equity III) è un fondo chiuso gestito da Assietta SGR le cui professionalità operano da molti anni nel settore dell’investimento non quotato.

APE III si pone l’obiettivo di investire in PMI del nord Italia con fatturato compreso tra i 10 ed i 30 milioni di euro operanti in settori di “nicchia” e alla ricerca di nuovi capitali e professionalità da utilizzare per espandere e sviluppare la propria attività sia con nuovi prodotti sia con la crescita in nuovi mercati.


VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Riscatto per decesso/premorienza, cosa cambia?

Cosa succede alla posizione accumulata in Solidarietà Veneto nel malaugurato caso venissimo improvvisamente a mancare?Si attiva il riscatto totale del fondo pensione, a favore dei soggetti designati. Già in vigore da aprile 2022, il termine “soggetti designati” indica le persone beneficiarie in caso di premorienza dell’aderente. In breve, i “soggetti designati” sono coloro che riceveranno

Rendimenti aprile 2024: cambia il clima

Dopo cinque mesi di continuo incremento, i mercati finanziari, in aprile, si prendono una pausa che appare perfino fisiologica e che riporta i rendimenti da inizio anno in una dimensione maggiormente allineata alle attese. Dopo un avvio d’anno “champagne”, con i mercati ai massimi e i rendimenti dei fondi in pieno recupero, il secondo trimestre

Torna in alto