Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Approfondimenti

La storia di Leonardo e Michele

Facebook
Twitter
LinkedIn

È nato tutto così, da un post sulla nostra pagina Facebook


Siamo andati subito a controllare… ed è proprio vero! I piccoli Leonardo e Michele sono iscritti a Solidarietà Veneto dal 16 gennaio 2015, prima di aver compiuto un mese d’età.

Così, abbiamo deciso di fare due chiacchiere con mamma Elisa e papà Marco.

E abbiamo scoperto una bellissima storia fatta di previdenza, aspirazioni e pianificazione.

L’intervista



Siamo partiti dalla domanda più classica: qual è il motivo di un’iscrizione così “precoce”?

La risposta è stata tanto semplice, quanto importante: «Abbiamo deciso di iscrivere subito i nostri figli al fondo perché così hanno la possibilità di costruire una solida base per una pensione, visto la situazione futura sempre più incerta».

Con un periodo di capitalizzazione così lungo, infatti, Leonardo e Michele potranno raggiungere, con pochissimo sforzo, un futuro previdenziale in linea con i loro desideri.

Uno degli elementi più importanti che ha guidato la scelta di Elisa e Marco, infatti, è stato quello di fornire ai loro piccoli gli strumenti per raggiungere le aspettative.

«Ai nostri figli quando saranno grandi, spiegheremo l’importanza di avere un fondo pensione per avere un po’ di soldi per potersi costruire un futuro magari anche all’estero o per poter realizzare anche qualche loro sogno».


C’è stato anche il tempo di parlare di pianificazione; Marco ci ha spiegato come ha organizzato il risparmio per la famiglia: «Ogni anno riusciamo a risparmiare, per tutti e due, almeno un mio stipendio, mi auguro di cuore che un domani loro faranno lo stesso per i loro figli».

Un impegno vero, il loro, che comporta, come è nella natura del risparmio, qualche sacrificio: «La cosa difficile, al giorno d’oggi, è di continuare a risparmiare e versare soldi, ma questo è un obiettivo che ci siamo prefissati, soprattutto per Michele e Leonardo».

Le parole di Elisa e Marco ci hanno davvero colpito. Nelle loro parole si manifestano alcuni dei più importanti valori della famiglia: cultura, risparmio, condivisione e lungimiranza.

Valori che hanno guidato la scelta delle famiglie degli oltre 1.200 soggetti fiscalmente a carico iscritti a Solidarietà Veneto.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
BENVENUTA GIULIA!
ARRIVA IL CONCORSO “SECONDO ME IL NATALE È…”
CENSIS: IL 65% DEI GIOVANI IN PENSIONE CON MENO DI 1.000 EURO
RIPENSIAMO IL RISPARMIO
ISTAT: L’ITALIA CONTINUA AD INVECCHIARE
GLI ITALIANI TEMONO IL RISCHIO NON AUTOSUFFICIENZA
PENSIONE: SONO PESSIMISTA, MA NON SO PERCHÉ
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #1 – ISCRIZIONI IN CRESCITA, MA NON BASTA.

L’annuale relazione, che illustra lo stato della previdenza complementare nel nostro Paese, ci presenta numerosi segnali di miglioramento, anche se rimangono delle zone d’ombra: in questo approfondimento, vedremo chi si iscrive ai fondi pensione, in che misura e in quali regioni è più radicata la cultura previdenziale.  31 dicembre 2021: 8,8 milioni di italiani hanno

Nuovo Sportello Informativo a Valdobbiadene

Novità in provincia di Treviso: apre a VALDOBBIADENE un nuovo recapito del fondo pensione regionale Solidarietà Veneto potenzia il servizio nel trevigiano. Lo sportello sarà attivo da settembre 2022 ogni 1° lunedì del mese, dalle 15.00 alle 18.00 presso la sede Cisl, in via Piva, 39 I referenti diretti di Solidarietà Veneto sono a tua disposizione per: informazioni

Relazione Covip 2021: luci e ombre per la previdenza complementare italiana

L’annuale relazione, che illustra lo stato della previdenza complementare nel nostro Paese, ci presenta numerosi segnali di miglioramento, anche se rimangono delle zone d’ombra: la modesta diffusione del fondo fra giovani, donne e nel Meridione d’Italia, il nodo dei costi di gestione, le incognite finanziarie. Venerdì scorso, 10 giugno, il Presidente della Commissione di Vigilanza

Torna su