Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Eventi

Solidarietà Veneto è il miglior fondo pensione italiano

Facebook
Twitter
LinkedIn

Nel corso della conferenza annuale dei fondi pensione di tutta Europa, Solidarietà Veneto raggiunge un prestigioso traguardo e si aggiudica il titolo di “Best Pension Fund in Italy”.

«Siamo particolarmente orgogliosi – dichiara Andrea Tomat – che venga premiata una realtà come Solidarietà Veneto che offre un programma di welfare di primo livello e si impegna a portare sul territorio le risorse per investimenti pubblici e privati».

«È un riconoscimento – continua – alle Parti Istitutive, datoriali e sindacali, che con grande lungimiranza hanno avviato questo progetto oltre 26 anni fa. Ed è un premio meritato al Direttore e alla Squadra del Fondo, giovane e motivata, che con grande intelligenza e pari impegno svolge un prezioso lavoro di supporto ai lavoratori e alle imprese del Veneto».

«Infine – conclude il Presidente di Solidarietà Veneto – mi permetto di dire che è anche un premio al Veneto; un territorio che nonostante le avversità, continua ad essere esempio di innovazione, buona gestione e solidarietà, con una visione moderna e dinamica».

Caratteristiche che trovano conferma nella dichiarazione con cui i giudici degli IPE Awards hanno motivato la loro scelta: «Solidarietà Veneto si aggiudica il premio grazie alle stabili performance registrate nel corso degli anni e per il progetto di investimento a focus territoriale».

2016: anno di traguardi importanti



Per il fondo pensione territoriale del Veneto, è stato un anno contrassegnato da due ulteriori traguardi di grande rilevanza: il raggiungimento del miliardo di euro di patrimonio gestito e il superamento dei 50.000 iscritti attivi.

Il premio riconosciuto agli IPE Awards 2016 può essere considerato come la chiusura di un importantissimo ciclo di attività di Solidarietà Veneto.

Un ciclo nel quale sono state introdotte innovazioni, sia nella gestione finanziaria, come appunto il progetto investimenti diretti citato dai giudici del premio, sia nell’offerta di welfare, come la possibilità di iscrivere i familiari a carico e il recentissimo avvio delle prestazioni accessorie (tutela della famiglia in caso di morte o invalidità dell’iscritto a Solidarietà Veneto).

Il premio come miglior fondo pensione italiano arriva quando l’anno sta per volgere al termine, il che ci consente di tracciare un primo, sommario, bilancio.

«Anche nel 2016 – spiega Paolo Stefan, Direttore del Fondo – registriamo sostanziale stabilità dei rendimenti ottenuti nei quattro comparti del Fondo, frutto della strategia che ha consentito di contenere il rischio, specie in questi anni».

«Nel 2016 si conferma anche la costante crescita del numero degli iscritti – sottolinea Maurizio Doppio, Vicepresidente – stimiamo di chiudere l’anno superando quota 51.000 iscritti, con una crescita del 3% rispetto al 2015, confermandoci ancora il fondo pensione più diffuso in Veneto».

«Il premio – conclude Andrea Tomat – unito ai risultati che si prospettano alla chiusura di quest’anno, sono per noi motivo di orgoglio, ma anche di forte responsabilità. Dobbiamo ripartire da qui, per un altro importante ciclo che ci condurràassieme ai nostri associati, verso nuovi e più importanti traguardi».

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti di agosto 2022. Termina il “Sogno di una notte di mezza estate”. 

Un mese fa, cercando di “raffreddare gli animi” di fronte agli straordinari rialzi di luglio, sottolineavamo che l’economia globale, infilatasi da inizio anno in un diabolico labirinto, sembrava ancora lontana dal trovare il “filo di Arianna”. Ad agosto si ritorna con i piedi per terra.  Non vi è pace per l’investitore in questo tormentato 2022,

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

Torna su