Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Novità

Novità: on-line la nuova area riservata

Facebook
Twitter
LinkedIn

«Il restyling dell’area riservata è stato realizzato per rendere l’esperienza degli associati a Solidarietà Veneto moderna, intuitiva e ancora più facile».

Con queste parole, Paolo Stefan, direttore del Fondo, presenta l’aggiornamento della parte del sito web dedicata agli iscritti.

Le novità, in questa prima fase, sono sostanzialmente due:

  • la grafica
  • la procedura di cambio comparto

«Il rilascio di oggi è una “versione beta” – spiega Stefan – È un passaggio necessario ai nostri sviluppatori per testare i nuovi processi e verificare che siano in grado di rispondere alle richieste degli utenti».

Ultimati i test, verranno messe a disposizione tante nuove funzionalità e aperta la consultazione ad un maggior numero di dati relativi alla posizione.

In questo breve periodo di transizione, il Fondo sarà concentrato a perfezionare ogni aspetto della navigazione; ci scusiamo sin d’ora per eventuali piccole anomalie che potrebbero verificarsi.

Cosa aspetti a provarla?
Clicca sul pulsante AREA RISERVATA e scopri cosa c’è di nuovo!

Vediamo intanto le due novità già disponibili

Le novità: la grafica



La novità principale è la grafica; la struttura dei contenuti è stata completamente ripensata per permetterne l’immediata fruizione.

Già dalla “Home”, tutto è a portata di click: la situazione dell’investimento, gli ultimi versamenti e la scelta beneficiari.

Ma non solo; sempre nella schermata principale è possibile visualizzare eventuali avvisi, consultare i documenti più importanti e aggiornare i recapiti.

Le novità: il cambio comparto



Con la nuova area riservata, anche il cambio comparto diventa più semplice.

Come accaduto per l’anticipo per “altre motivazioni”, anche per il cambio comparto on-line non è più necessario l’invio di alcun documento cartaceo.

La procedura per modificare la scelta di investimento è molto semplice:

  1. clicca sul menù “Il tuo investimento“,
  2. seleziona “Modifica comparto“,
  3. scegli il comparto (o i comparti) di investimento per il capitale maturato,
  4. seleziona il comparto (o i comparti) cui destinare i versamenti futuri,
  5. prendi visione del regolamento sul cambio comparto,
  6. conferma l’operazione.

COSA NE PENSI? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
DISPONIBILE LA COMUNICAZIONE PERIODICA 2015
SOLIDARIETÀ VENETO È SU TELEGRAM
ESTRATTO CONTO ON-LINE: UN PIENO DI RISPARMIO
È ARRIVATA LA NOSTRA APP
È IL NOSTRO COMPLEANNO, MA I “REGALI” SONO PER VOI
FLESSIBILITÀ IN USCITA, DAMIANO: SE NON ORA, QUANDO?
BENVENUTA GIULIA!

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti di agosto 2022. Termina il “Sogno di una notte di mezza estate”. 

Un mese fa, cercando di “raffreddare gli animi” di fronte agli straordinari rialzi di luglio, sottolineavamo che l’economia globale, infilatasi da inizio anno in un diabolico labirinto, sembrava ancora lontana dal trovare il “filo di Arianna”. Ad agosto si ritorna con i piedi per terra.  Non vi è pace per l’investitore in questo tormentato 2022,

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

Torna su