Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Normativa

Naspi e fondo pensione

Facebook
Twitter
LinkedIn

La ridefinizione dell’assetto degli ammortizzatori sociali attualmente in corso, pone all’ordine del giorno alcune riflessioni anche sul mondo della previdenza complementare.

In particolare, in alcune assemblee, alcuni lavoratori ci hanno chiesto: quali sono le possibilità per un aderente che, a seguito della perdita del posto di lavoro, si trova in Naspi?

Il dubbio sollevato dai lavoratori è legittimo proprio per il processo, attualmente in corso, di riforma legislativa – avviato con la legge Fornero 92/2012 e poi ripreso dal Jobs act – che prevede un graduale assorbimento nella Naspi di tutti gli ammortizzatori sociali. Vediamo la situazione oggi.

La Naspi è la nuova indennità di disoccupazione che, allo stato attuale, ha natura differente rispetto all’indennità di mobilità. Quest’ultima affonda le radici nella legislazione sugli ammortizzatori sociali conseguenti a licenziamenti collettivi ex legge 223/91.

Le due indennità (mobilità e Naspi) non sono cumulabili, per cui l’accesso all’una esclude l’altra (Circolare Inps n.142/2015).

In particolare dal 1 gennaio 2017 la Naspi assorbirà l’indennità di mobilità secondo modalità che andranno senz’altro meglio definite.

Tuttavia, al momento, la nuova Naspi riformula semplicemente la vecchia indennità di disoccupazione, prevedendo condizioni differenti ed un prolungamento della durata (fino ad un massimo di due anni).

In sintesi, allo stato attuale, la Naspi ridefinisce, ma non modifica, la natura della precedente indennità di disoccupazione (rimane sempre collegata allo status di “disoccupato”) e, per questo motivo, non può ancora essere assimilata alla “mobilità”.

Alla luce di tali considerazioni, per l’aderente che percepisce la Naspi e che si trova in difficoltà, rimane quindi confermata la possibilità, già prevista dall’attuale normativa, di procedere al “riscatto agevolato” del 50% della posizione in caso di inoccupazione pari o superiore a 12 mesi.

Fonte: Mefop SpA

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
COSA SUCCEDE AL MIO FONDO PENSIONE SE PERDO IL LAVORO?
E SE IL FONDO PENSIONE FALLISCE?
È ARRIVATA LA NOSTRA APP
BENVENUTA GIULIA!
CALCOLO PENSIONE: I NUOVI COEFFICIENTI 2016-2018
LA STORIA DI LEONARDO E MICHELE
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 3/3)

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti 2022:
Anno nuovo, vita (finanziaria) nuova!

L’“euforia” finanziaria di questi giorni, con le borse in ripresa e i più ottimisti che già pregustano un 2023 di riscossa per i mercati, potrebbe far sembrare “stonate” e lontane le valutazioni sul difficilissimo 2022, e sui fatti finanziari di dicembre. L’investitore previdenziale, tuttavia, osserva le convulsioni dei mercati con un certo distacco, cercando chiavi

ISEE 2023: SCADENZE E VALORI DA INDICARE

In questi giorni molti lavoratori stanno compilando la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per il calcolo dell’Isee. Quali dati inserire per gli iscritti al fondo pensione?

GENNAIO 2023: MESE DI AUMENTI CONTRATTUALI

Dai lavoratori della ceramica, agli addetti ai materiali refrattari, passando per il settore carta/cartotecnico, approfondiamo nel dettaglio chi e come percepirà i nuovi incrementi previsti a favore degli iscritti ai fondi pensione contrattuali. Importanti novità nel primo mese del 2023: alcuni settori della grande industria e dell’artigianato vedranno aumentare l’importo corrisposto a titolo di “contributo azienda”.

Scroll to Top