Normativa

Naspi e fondo pensione

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

La ridefinizione dell’assetto degli ammortizzatori sociali attualmente in corso, pone all’ordine del giorno alcune riflessioni anche sul mondo della previdenza complementare.

In particolare, in alcune assemblee, alcuni lavoratori ci hanno chiesto: quali sono le possibilità per un aderente che, a seguito della perdita del posto di lavoro, si trova in Naspi?

Il dubbio sollevato dai lavoratori è legittimo proprio per il processo, attualmente in corso, di riforma legislativa – avviato con la legge Fornero 92/2012 e poi ripreso dal Jobs act – che prevede un graduale assorbimento nella Naspi di tutti gli ammortizzatori sociali. Vediamo la situazione oggi.

La Naspi è la nuova indennità di disoccupazione che, allo stato attuale, ha natura differente rispetto all’indennità di mobilità. Quest’ultima affonda le radici nella legislazione sugli ammortizzatori sociali conseguenti a licenziamenti collettivi ex legge 223/91.

Le due indennità (mobilità e Naspi) non sono cumulabili, per cui l’accesso all’una esclude l’altra (Circolare Inps n.142/2015).

In particolare dal 1 gennaio 2017 la Naspi assorbirà l’indennità di mobilità secondo modalità che andranno senz’altro meglio definite.

Tuttavia, al momento, la nuova Naspi riformula semplicemente la vecchia indennità di disoccupazione, prevedendo condizioni differenti ed un prolungamento della durata (fino ad un massimo di due anni).

In sintesi, allo stato attuale, la Naspi ridefinisce, ma non modifica, la natura della precedente indennità di disoccupazione (rimane sempre collegata allo status di “disoccupato”) e, per questo motivo, non può ancora essere assimilata alla “mobilità”.

Alla luce di tali considerazioni, per l’aderente che percepisce la Naspi e che si trova in difficoltà, rimane quindi confermata la possibilità, già prevista dall’attuale normativa, di procedere al “riscatto agevolato” del 50% della posizione in caso di inoccupazione pari o superiore a 12 mesi.

Fonte: Mefop SpA

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
COSA SUCCEDE AL MIO FONDO PENSIONE SE PERDO IL LAVORO?
E SE IL FONDO PENSIONE FALLISCE?
È ARRIVATA LA NOSTRA APP
BENVENUTA GIULIA!
CALCOLO PENSIONE: I NUOVI COEFFICIENTI 2016-2018
LA STORIA DI LEONARDO E MICHELE
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 3/3)

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su