Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Previdenza

La busta arancione è in spedizione

Facebook
Twitter
LinkedIn

La busta arancione, presentata in anteprima durante il convegno dello scorso 21 settembre a Mogliano Veneto, verrà spedita, in forma cartacea, a milioni di persone ancora sprovviste del Pin.


«Abbiamo superato la soglia di un milione di persone che hanno fatto la simulazione online», ha detto Presidente INPS Tito Boeri, spiegando che con l’invio delle lettere cartacee «vogliamo incoraggiarli a prendere il Pin sul sito».

Tramite il Pin si potrà infatti accedere alla simulazione che, sulla base di specifici parametri (alcuni dei quali personalizzabili), calcola l’importo presumibilmente erogato dall’Inps al momento della pensione.

La busta, come ha spiegato Boeri, conterrà non solo delle informazioni di base circa la previsione della pensione futura, ma anche l’estratto contributivo previdenziale aggiornato del lavoratore interessato.

La lettera sarà inviata ai lavoratori dipendenti del settore privato e ai lavoratori iscritti alle gestioni speciali Artigiani, Commercianti, Coltivatori Diretti, Coloni e Mezzadri ed alla Gestione Separata; dal 2016 il servizio diventerà poi pienamente disponibile anche per i dipendenti pubblici.

Dopo 20 anni, contraddistinti da tantissimi annunci e altrettante smentite, finisce l’era dell’«ignavia di Stato» e si apre quella della trasparenza; la “busta arancione” è finalmente realtà.

Per tutti i dettagli relativi all’iniziativa “la mia pensione”, ascolta l’intervista al Dott. Antonio Pone, direttore INPS Lombardia, rilasciata ai margini dell’evento “Come sarà la pensione domani?”.

Perché… arancione?



La consuetudine del colore arancione arriva… dalla Svezia che, per prima, decise di spedire a casa dei lavoratori una busta (arancione, appunto) che conteneva la stima della loro pensione.

Da allora, tutte le iniziative di questo genere vengono denominate proprio «busta arancione».

Continua a seguirci e lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
COME SARÀ LA PENSIONE DI DOMANI?
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO
PENSIONI: FLESSIBILITÀ A COSTO ZERO?
PENSIONI, RENZI: ALLO STUDIO RIFORMA, CON NUOVI PALETTI
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
CENSIS: IL 65% DEI GIOVANI IN PENSIONE CON MENO DI 1.000 EURO
RAPPORTO INPS: IL 2014 SI CHIUDE IN PASSIVO
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI
FORNERO: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA, CON TAGLI DEL 3,5%
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

CCNL Industria CEMENTO, CALCE, GESSO : DA LUGLIO, SALE IL CONTRIBUTO AZIENDALE

Dal 1° luglio 2024 aumenta il contributo aggiuntivo a carico azienda. Più risparmio previdenziale per i dipendenti iscritti ai fondi pensione contrattuali. Un altro settore, quello del CCNL Industria Cemento, Calce e Gesso, registra un incremento delle contribuzioni a favore della previdenza complementare dei lavoratori. Dal 1° luglio 2024, come previsto dall’accordo di rinnovo del 15/03/2022, è previsto

CCNL Industria LAPIDEI E MARMOMACCHINE : DA LUGLIO, IL CONTRIBUTO AZIENDALE SALE AL 2,90%

Dal 1° luglio, sarà in vigore la nuova aliquota contributiva stabilita nel rinnovo contrattuale sottoscritto il 24/11/2022. Importanti novità per i lavoratori del settore. Dal 1° luglio 2024, la contribuzione a carico del datore di lavoro passerà dall’attuale 2,70% al 2,90% calcolato sulla retribuzione utile al calcolo del TFR. Nulla cambia, invece, per il contributo

CCRL ARTIGIANO – COMUNICAZIONE: NUOVO CONTRIBUTO AZIENDA, NUOVA PRESTAZIONE EBAV

Da gennaio 2024, i lavoratori artigiani del comparto “comunicazione” beneficiano di un nuovo contributo riconosciuto dal datore di lavoro: arriva il “contributo contrattuale veneto”. Il recente rinnovo del CCRL Comunicazione Artigiano ha introdotto non poche novità per i lavoratori del settore. Le Parti firmatari dell’accordo, nell’intento di valorizzare il ruolo della previdenza complementare per i lavoratori

Torna in alto