Previdenza

La busta arancione è in spedizione

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

La busta arancione, presentata in anteprima durante il convegno dello scorso 21 settembre a Mogliano Veneto, verrà spedita, in forma cartacea, a milioni di persone ancora sprovviste del Pin.


«Abbiamo superato la soglia di un milione di persone che hanno fatto la simulazione online», ha detto Presidente INPS Tito Boeri, spiegando che con l’invio delle lettere cartacee «vogliamo incoraggiarli a prendere il Pin sul sito».

Tramite il Pin si potrà infatti accedere alla simulazione che, sulla base di specifici parametri (alcuni dei quali personalizzabili), calcola l’importo presumibilmente erogato dall’Inps al momento della pensione.

La busta, come ha spiegato Boeri, conterrà non solo delle informazioni di base circa la previsione della pensione futura, ma anche l’estratto contributivo previdenziale aggiornato del lavoratore interessato.

La lettera sarà inviata ai lavoratori dipendenti del settore privato e ai lavoratori iscritti alle gestioni speciali Artigiani, Commercianti, Coltivatori Diretti, Coloni e Mezzadri ed alla Gestione Separata; dal 2016 il servizio diventerà poi pienamente disponibile anche per i dipendenti pubblici.

Dopo 20 anni, contraddistinti da tantissimi annunci e altrettante smentite, finisce l’era dell’«ignavia di Stato» e si apre quella della trasparenza; la “busta arancione” è finalmente realtà.

Per tutti i dettagli relativi all’iniziativa “la mia pensione”, ascolta l’intervista al Dott. Antonio Pone, direttore INPS Lombardia, rilasciata ai margini dell’evento “Come sarà la pensione domani?”.

Perché… arancione?



La consuetudine del colore arancione arriva… dalla Svezia che, per prima, decise di spedire a casa dei lavoratori una busta (arancione, appunto) che conteneva la stima della loro pensione.

Da allora, tutte le iniziative di questo genere vengono denominate proprio «busta arancione».

Continua a seguirci e lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
COME SARÀ LA PENSIONE DI DOMANI?
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO
PENSIONI: FLESSIBILITÀ A COSTO ZERO?
PENSIONI, RENZI: ALLO STUDIO RIFORMA, CON NUOVI PALETTI
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
CENSIS: IL 65% DEI GIOVANI IN PENSIONE CON MENO DI 1.000 EURO
RAPPORTO INPS: IL 2014 SI CHIUDE IN PASSIVO
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI
FORNERO: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA, CON TAGLI DEL 3,5%
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su