Il futuro delle pensioni oltre “Quota 100”

Le cronache politiche di questi giorni ci raccontano del progetto “Quota 100”, con cui il Governo permetterebbe di accedere alla pensione con 62 anni di età e 38 di contributi, 4 in meno rispetto alla “Legge Fornero”.

Fra le tante riflessioni possibili, il pensiero va innanzitutto all’instabilità del sistema previdenziale italiano: dagli anni ’90 si susseguono riforme fra loro non sempre coerenti, con evidenti squilibri fra prestazioni. Cosa si racconterà, ad esempio, a chi, nel 2017, è andato in pensione con quasi 42 anni di contributi?

C’è poi il tema dell’incertezza sul futuro, specie per i più giovani, che si chiedono quale prospettiva guiderà i futuri governi riguardo alle pensioni.

Infine, la questione “copertura economica”: lo squilibrio demografico (calo nascite – invecchiamento popolazione) mette a dura prova il nostro sistema previdenziale; a meno che non si vogliano alzare i contributi o aumentare il debito pubblico, sembrerebbe inevitabile abbassare l’importo della pensione, oppure innalzare l’età pensionabile.

Parlando di lavoro si intravede poi, ambiguo e strisciante, un aspetto ulteriore: quale “valore” diamo al lavoro e, dunque, alla nostra stessa esistenza?

Attraverso il lavoro (e non tramite rendite o sussidi) il cittadino acquisisce dignità, fa qualcosa di utile per sé stesso e per la collettività. Ora, sembra qui che lo scopo della nostra vita sia quello di… scappare dal lavoro prima possibile, andando in pensione: un paradosso.


Certo, non si discutono le situazioni gravose (…“precoci”, “usuranti”, ecc.) sulle quali anzi, data la carenza di risorse, andrebbe concentrata l’attenzione e, in generale, non potrebbe essere più utile qualche forma di flessibilità, che svincoli l’uscita dal mondo del lavoro dalle novecentesche rigidità assicurando, al contempo, maggiore attenzione alla libertà individuale?

Gli interventi sul sistema pensionistico dovrebbero ripartire proprio da qui: flessibilità delle prestazioni e buona gestione del fattore “tempo”; in sintesi, dalla qualità della vita di ciascuno.

In effetti, mentre politica e media si focalizzano su “quota 100”, tanti italiani (pensionati di domani e dopodomani) mettono da parte qualche risparmio per la loro “terza età”. Vogliono essere liberi di programmare il loro futuro, con consapevolezza e responsabilità, convinti che sarebbe poco lungimirante farlo dipendere solo dallo Stato.

Alcuni utilizzano il risparmio tradizionale, altri i Fondi Pensione che, dal 1993, permettono di integrare la pensione pubblica e che oggi, attraverso la “R.I.T.A.” (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata), consentono di anticipare l’uscita dal mondo del lavoro.

Risposte concrete per chi ha il coraggio di pianificare.

Tuttavia, poiché si parla d’altro, è lecito chiedersi: in quanti se ne sono accorti?

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
GIOVANI: PENSIONI PROSSIMA BOMBA SOCIALE. SOLUZIONI?
GLI ITALIANI RISPARMIANO DI PIU’, MA NON PER LA PENSIONE
PENSIONE CONTRIBUTIVA PER I GIOVANI

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su