I rendimenti di settembre 2015

Dopo aver delineato il contesto finanziario che ha caratterizzato questa prima parte dell’anno, esaminiamo ora nel dettaglio i risultati dei singoli comparti.

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE

Garantito Tfr



Il comparto ha registrato un positivo 0,31% che porta il rendimento da inizio anno a +1,84% (benchmark netto +0,58%). Il Garantito TFR, il cui patrimonio è prevalentemente investito in titoli di stato italiani, ha beneficiato positivamente dell’aumento di prezzo registrato nei mercati obbligazionari.

In questo senso si conferma, nel mese, il valore “difensivo” della strategia del comparto dedicato a chi non ama il rischio.

Prudente



Resta positiva la performance del 2015 per il Comparto Prudente: +0,71% (benchmark netto 1,31%), nonostante il -0,28% del mese di settembre. Le performance negative dei titoli azionari, che pesano mediamente il 10% del portafoglio, sono state quasi completamente assorbite dal risultato positivo delle obbligazioni in cui è investito mediamente il residuo 90% del patrimonio del comparto.

Reddito



Il Comparto Reddito, grazie alla limitata esposizione all’ “equity” (25% del portafoglio) e all’elevata diversificazione, risente in maniera tutto sommato contenuta (-0,52% nel mese di settembre) delle difficoltà dei mercati azionari.

La performance del comparto da inizio anno +1,67% (benchmark netto +1,86%) supera la rivalutazione del TFR e si conferma una delle migliori fra quelle offerte da strumenti aventi caratteristiche analoghe.

Dinamico



il comparto a rischio medio-alto rileva nel mese -1,53% e da inizio anno un + 0,94% (benchmark netto +1,13%). Fra i quattro comparti di Solidarietà Veneto, il Dinamico è quello che, nel lungo temine, sta realizzando i risultati migliori.

Gli aderenti che hanno scelto il Dinamico (13% circa del totale), sanno tuttavia che qui si registrano i livelli di volatilità (vedi introduzione) più elevati, sia in senso positivo che, come in questo mese, in senso negativo.

Ecco perché riteniamo importante che la scelta del Comparto sia assistita da una consulenza accurata: affinché se ne apprezzino le caratteristiche positive contemperandole con gli elementi di rischio.

Anche per questo vogliamo sottolineare la disponibilità della nostra struttura: se vi fossero dubbi riguardo al proprio percorso di investimento, prendete contatti con la nostra funzione finanza o venite ad incontrarci ai nostri sportelli informativi.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
I RENDIMENTI DI SETTEMBRE: QUADRO COMPLESSIVO
SOLIDARIETÀ VENETO: AVANTI CON GLI INVESTIMENTI TERRITORIALI
DINAMICO: 10… E LODE – 01
DINAMICO: 10… E LODE – 02
DINAMICO: 10… E LODE – 03
CRISI GRECA: LA STRATEGIA DI SOLIDARIETÀ VENETO
BANKITALIA: DALLE BANCHE EROGAZIONI PIÙ SELETTIVE
VEGAS (CONSOB): PMI DIPENDONO TROPPO DALLE BANCHE
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su