Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Gestione Finanziaria

I rendimenti di giugno 2015

Facebook
Twitter
LinkedIn

Gli “anticorpi finanziari“, uniti alla strategia di Solidarietà Veneto, hanno consentito agli iscritti di beneficiare del buon andamento dei mercati nella prima parte dell’anno e di attenuare la flessione rilevata nell’ultimo periodo. Vediamo i risultati del primo semestre 2015

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE

Garantito Tfr



È il comparto che più degli altri ha risentito dell’incertezza rilevata negli ultimi mesi dai mercati in relazione ai negoziati sul debito ellenico. Il -1,49% dell’ultimo mese giugno “erode” una parte importante del rendimento maturato da inizio anno, che resta comunque in territorio positivo: +0,28% netto (benchmark netto +0,73%). Uno scenario nel quale emerge preziosa la caratteristica offerta dal comparto: il rendimento minimo garantito pari, per l’appunto, alla rivalutazione netta del TFR in azienda/INPS.

Prudente



La limitata duration (durata finanziaria dei titoli) e l’elevata diversificazione che caratterizzano in modo particolare gli asset obbligazionari presenti del portafoglio, consentono al Prudente di attenuare in modo significativo la flessione dei mercati.

Un prezioso contribuito, in termini di diversificazione, al positivo risultato maturato da inizio anno (+1,60% netto; benchmark netto +1,90%) viene, in questa fase, anche dal mandato a “focus geografico” assegnato a gennaio 2013 a Finanziaria Internazionale.

Reddito



Il comparto, caratterizzato da una componente azionaria maggiore rispetto ai precedenti, ha registrato, nel primo trimestre, rendimenti che sfioravano il 5%.

Nonostante la fisiologica flessione degli ultimi mesi, il risultato al 30 giugno: +3,11% netto, (benchmark netto +3,35%) corrisponde ad un rendimento che supera il 6% netto su base annua. Numeri che si pongono al vertice dell’offerta dedicata agli iscritti che abbiano un orizzonte temporale superiore ai 10 anni.

Dinamico



La volatilità dei mercati azionari del mese di giugno incide anche sui risultati del comparto che, comunque, spunta da inizio anno un risultato abbondantemente positivo: +4,81% netto (benchmark +4,48%).

Negli ultimi tre mesi, tra l’altro, proprio per effetto della “questione Greca” i rendimenti del comparto hanno beneficiato di un interessante e positivo effetto collaterale: l’incertezza ha comportato un indebolimento dell’Euro nei confronti delle altre principali divise. Di conseguenza, gli asset in valuta estera, nei quali il comparto investe, hanno aumentano il loro valore.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
CRISI GRECA: LA STRATEGIA DI SOLIDARIETÀ VENETO
BANKITALIA: DALLE BANCHE EROGAZIONI PIÙ SELETTIVE
VEGAS (CONSOB): PMI DIPENDONO TROPPO DALLE BANCHE
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI
“BUSTA ARANCIONE”: I NUMERI IN VENETO
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti maggio 2024

Se apprezzate le citazioni, potremmo definire il mese di maggio “radioso”, per i quattro comparti di Solidarietà Veneto. Merito dei mercati, complessivamente positivi, ma anche di una gestione efficace. Sì, è l’anno delle elezioni e, storicamente, questo dovrebbe causare incertezza nei sistemi economici e nella finanza. Tuttavia, le turbolenze elettorali questa volta sembrano non interessare

Come i fondi pensione resistono alle crisi finanziarie?

Le crisi finanziarie, spesso innescate da eventi globali imprevedibili, portano con sé ondate di perdite economiche e un generale calo della fiducia negli investimenti. Cosa accade a un fondo pensione come Solidarietà Veneto in questi momenti di incertezza? Resiste, mantenendo la fiducia delle persone aderenti.Capiamo perché. Una prospettiva di lungo periodo Uno degli elementi chiave

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Torna in alto