Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Gestione Finanziaria

GLOSSARIO DELLA FINANZA – TITOLI DI DEBITO “MINI-BOND”

Facebook
Twitter
LinkedIn

Approfondiamo insieme il significato del termine “TITOLI DI DEBITO MINI-BOND”

A partire dal 2012, a seguito di alcuni aggiornamenti normativi, è possibile per le “PMI” italiane, solitamente finanziate esclusivamente con il ricorso al debito bancario, emettere degli strumenti finanziari per far fronte al proprio fabbisogno anche per importi ridotti (da qui “mini-bond”) qualora vengano rispettate determinate condizioni.

In particolare:

  • l’emissione potrà essere sottoscritta solo da investitori qualificati (banche, sgr, impresi di assicurazioni, fondi pensione, ecc..);
  • l’ultimo bilancio dell’emittente dovrà essere soggetto a revisione contabile da parte di una società di revisione;
  • l’emissione dovrà essere assistita da un intermediario che fornisca il proprio supporto nel corso dell’emissione e del collocamento del titolo.

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

ISEE 2023: SCADENZE E VALORI DA INDICARE

In questi giorni molti lavoratori stanno compilando la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per il calcolo dell’Isee. Quali dati inserire per gli iscritti al fondo pensione?

GENNAIO 2023: MESE DI AUMENTI CONTRATTUALI

Dai lavoratori della ceramica, agli addetti ai materiali refrattari, passando per il settore carta/cartotecnico, approfondiamo nel dettaglio chi e come percepirà i nuovi incrementi previsti a favore degli iscritti ai fondi pensione contrattuali. Importanti novità nel primo mese del 2023: alcuni settori della grande industria e dell’artigianato vedranno aumentare l’importo corrisposto a titolo di “contributo azienda”.

CCRL Artigiano – METALMECCANICO – ORAFO/ARGENTIERO – ODONTOTECNICO

Da dicembre 2022 i lavoratori artigiani del comparto “metalmeccanico” beneficiano di un nuovo contributo riconosciuto dal datore di lavoro: arriva il “contributo contrattuale veneto”. Il recente rinnovo del CCRL Metalmeccanico Artigiano ha introdotto non poche novità per i lavoratori  del settore metalmeccanico, orafo/argentiero e odontotecnico. Le Parti firmatari dell’accordo, nell’intento di valorizzare il ruolo della