GLOSSARIO DELLA FINANZA – TITOLI DI DEBITO “MINI-BOND”

Approfondiamo insieme il significato del termine “TITOLI DI DEBITO MINI-BOND”

A partire dal 2012, a seguito di alcuni aggiornamenti normativi, è possibile per le “PMI” italiane, solitamente finanziate esclusivamente con il ricorso al debito bancario, emettere degli strumenti finanziari per far fronte al proprio fabbisogno anche per importi ridotti (da qui “mini-bond”) qualora vengano rispettate determinate condizioni.

In particolare:

  • l’emissione potrà essere sottoscritta solo da investitori qualificati (banche, sgr, impresi di assicurazioni, fondi pensione, ecc..);
  • l’ultimo bilancio dell’emittente dovrà essere soggetto a revisione contabile da parte di una società di revisione;
  • l’emissione dovrà essere assistita da un intermediario che fornisca il proprio supporto nel corso dell’emissione e del collocamento del titolo.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su