Gestione Finanziaria

GLOSSARIO DELLA FINANZA – TITOLI DI DEBITO “MINI-BOND”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Approfondiamo insieme il significato del termine “TITOLI DI DEBITO MINI-BOND”

A partire dal 2012, a seguito di alcuni aggiornamenti normativi, è possibile per le “PMI” italiane, solitamente finanziate esclusivamente con il ricorso al debito bancario, emettere degli strumenti finanziari per far fronte al proprio fabbisogno anche per importi ridotti (da qui “mini-bond”) qualora vengano rispettate determinate condizioni.

In particolare:

  • l’emissione potrà essere sottoscritta solo da investitori qualificati (banche, sgr, impresi di assicurazioni, fondi pensione, ecc..);
  • l’ultimo bilancio dell’emittente dovrà essere soggetto a revisione contabile da parte di una società di revisione;
  • l’emissione dovrà essere assistita da un intermediario che fornisca il proprio supporto nel corso dell’emissione e del collocamento del titolo.

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su