Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Fiscalità

Versamenti volontari: dichiarazione “oneri deducibili” in arrivo

Facebook
Twitter
LinkedIn

Mancano pochi mesi all’avvio delle campagne fiscali e all’apertura delle dichiarazioni precompilate e Solidarietà Veneto si appresta ad inviare le “certificazioni” sui versamenti volontari. Attenzione però: non sempre è necessario.

Partiamo da una costante: i contributi versati al fondo pensione sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro. Il versamento, riducendo il reddito imponibile ai fini IRPEF, determina per l’iscritto uno “sconto fiscale” (minori imposte pagate) pari all’aliquota IRPEF più elevata (cosiddetta “aliquota marginale”) applicata al reddito del contribuente.

Tuttavia, il momento del riconoscimento di tale “sconto” varia a seconda che l’iscritto decida di eseguire il versamento attraverso bonifico bancario o direttamente mediante contribuzione da busta paga.

VERSAMENTI DA BONIFICO

Nel 2023 sono statoltre € 12 milioni i versamenti volontari da bonifico bancario, effettuati principalmente dai lavoratori autonomi, da coloro che hanno creato o alimentato la posizione di un famigliare fiscalmente a carico o, in generale, da tutti i lavoratori che hanno preferito contribuire volontariamente al fondo senza passare dalla busta paga.

In questi casi, la richiesta per ottenere il ritorno fiscale sul versamento eseguito è presentata in sede di compilazione del modello 730/2024: per tale ragione, Solidarietà Veneto invierà nei prossimi giorni (entro il 31 marzo) la Dichiarazione “Oneri deducibili” che attesta il valore dei bonifici eseguiti dagli iscritti da poter  presentare in sede di dichiarazione dei redditi con la copia della contabile del bonifico effettuato al fondo.

Per un maggiore approfondimento sulla corretta gestione degli aspetti qui sintetizzati e/o per verificare casi particolari, consigliamo di rivolgersi al proprio Caf o Consulente di fiducia.

VERSAMENTI DA BUSTA PAGA

Diversamente, il vantaggio fiscale sui versamenti al fondo pensione effettuati per il tramite dell’azienda viene riconosciuto mensilmente nella busta paga; il reddito indicato nella Certificazione Unica, quindi, è già ridotto dei versamenti alla previdenza complementare indicati al punto 412 della Certificazione Unica stessa.

Di conseguenza, per i lavoratori dipendenti che versano al fondo pensione esclusivamente da busta paga all’atto della Dichiarazione dei Redditi, non si rende necessaria nessuna operazione aggiuntiva.

Né il Fondo, né l’aderente, quindi, dovranno produrre ulteriore documentazione, rispetto a quella rilasciata dal datore di lavoro.

VERSAMENTI ECCEDENTI LA SOGLIA DI DEDUCIBILITA’

Gli eventuali contributi volontari versati, nel corso dell’anno 2023, in eccesso rispetto il limite dei 5.164,57 euro (e quindi non deducibili dal reddito), dovranno essere comunicati al Fondo entro il 31/12/2024 tramite la sezione CONTRIBUZIONE, presente in area iscritti, o mediante l’apposito modulo “Contributi non dedotti”.

In questi casi, al momento dell’erogazione della prestazione finale (in capitale o rendita), gli importi non dedotti e comunicati al Fondo, andranno a ridurre l’imponibile fiscale. Nella fase di erogazione, quindi, su tali importi la fiscalità sarà azzerata.

 

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

LE PRESTAZIONI DEL FONDO PENSIONE:
LE ANTICIPAZIONI PER SPESE MEDICHE

Il fondo pensione è un solido strumento per costruire la propria serenità previdenziale, ma solidità non è sempre sinonimo di rigidità: la flessibilità offerta dagli anticipi può adattarsi alle diverse necessità, anche nei momenti più difficili. In questo approfondimento tratteremo il tema delle anticipazioni per “spese mediche” che risultano interessanti sotto più punti di vista.

Febbraio 2024: Allegro ma non troppo

Una sintesi “musicale”, per un mese nel quale tutti i comparti appaiono intonati positivamente, anche se con tinte differenti a seconda dei casi. Ancora una volta a guidare l’avanzamento sono i mercati azionari, capaci di inanellare una serie di record e di sfiorare, se non addirittura superare, i massimi di fine 2021. Nonostante le minacce

Disponibile il “Prospetto delle prestazioni pensionistiche 2023”

Disponibile oggi il “PROSPETTO DELLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE – FASE DI ACCUMULO” per tutti gli iscritti attivi al 31/12/2023 e con posizione superiore a € 100 ed almeno un versamento nell’anno precedente. Il documento è consultabile dalla sezione “I tuoi documenti” dell’area Area Iscritti. Per maggiori informazioni, rimandiamo all’articolo dedicato PROSPETTO DELLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE: DI COSA

Torna in alto