Ddl Stabilità: un intervento che guarda lo specchietto retrovisore

Nel disegno di legge si ipotizzano due interventi che potrebbero impattare sulla previdenza complementare: il Tfr in busta paga e l’incremento della tassazione sui rendimenti dei fondi pensione.

Tfr in busta

Riguardo al “Tfr in busta” molto si è detto: l’iniziativa colpisce il “motore” dei Fondi Pensione e rischia di buttare all’aria vent’anni di progettualità ed innovazione. Se si vuole dare al lavoratore la possibilità di scegliere, questa dovrebbe essere affiancata dall’informazione chiara e completa, soprattutto per i più giovani. Per questo chiediamo al Governo di dar corso alle previsioni di legge riguardo all’educazione previdenziale. Una campagna informativa sulle possibilità di “utilizzo” del Tfr e delle relative implicazioni (previdenziali, fiscali e di risparmio) non è solo utile: è improrogabile.

Tassazione sui rendimenti

Dai giovani partiamo per commentare l’altra novità: il paventato incremento dall’11,5% al 20% dell’aliquota sui rendimenti dei Fondi Pensione (che segue quello dall’11% all’11,5% dello scorso giugno) realizza un radicale e sorprendente cambio di impostazione rispetto agli ultimi vent’anni. Lavoratori ed aziende ci manifestano, con uno stillicidio di mail e telefonate, che condividiamo profondamente e a cui daremo spazio e voce, crescente sfiducia nella stabilità del sistema. Si ha la sensazione di un “tradimento” da parte delle istituzioni o, come qualcuno ci indica, di un “furto del futuro”.

La legge (Dlgs 252/05) e, ancor prima, il buon senso (finanziario), affidano ai Fondi Pensione il ruolo di strumento dedicato al risparmio di lungo periodo (e di benessere collettivo futuro). In tale contesto crediamo siano miopi disposizioni che vanno ad alimentare la percezione di instabilità. Evidenziamo quindi al Governo che la previdenza complementare non è un risparmio come tutti gli altri: l’incremento di tassazione non va a colpire un “surplus”! I lavoratori, scegliendo i fondi pensione negoziali, hanno rinunciato ad una quota di reddito attuale (contrattato), per integrare la futura pensione che “non c’è più”. Lungimiranti e penalizzati: danno e beffa.

Confronto sul merito

Crediamo che il mantenimento dell’aliquota all’11% sia irrinunciabile, l’abbiamo evidenziato anche alle Parti Istitutive del Fondo. Se le proposte della legge di stabilità fossero dei “pungoli” per spingerci ad innovare, noi accettiamo la sfida: abbiamo pronte alternative, immediatamente realizzabili, che auspichiamo vengano valutate.

Siamo delusi, ma confidiamo nel dibattito che sarà sviluppato nelle sedi istituzionali. Auspichiamo un lavoro lungimirante e di strategia nel quale la previdenza complementare, non a parole, ma con i fatti, possa essere costruzione di futuro, per i giovani, per il nostro paese. Rottamiamo pure ciò che non è più attuale, ma se la rottamazione riguarda il futuro dei giovani, allora è il momento di fermarsi, riflettere e riprogrammare.

Noi siamo pronti al confronto.

Andrea Tomat – Presidente Solidarietà Veneto Fondo Pensione
Maurizio Doppio – Vicepresidente Solidarietà Veneto Fondo Pensione

VERSIONE STAMPABILE PER LA TUA BACHECA

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su