Normativa

Ddl concorrenza: stop alla portabilità

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Sono molti i settori toccati dalle disposizioni del “decreto concorrenza”: professionisti (avvocati, ingegneri e notai), turismo, farmacie, assicurazioni, servizi postali e energia. Ma non solo.

Nel “pacchetto” rientra anche la previdenza complementare: nel primo passaggio parlamentare (alla Camera) del testo firmato dal Ministro Guidi, è stata eliminata la proposta di “portabilità” del contributo a carico del datore di lavoro, contenuta nella prima stesura del decreto.

Nel testo approvato nei giorni scorsi, è stata soppressa anche la parte di norma che dava facoltà alle forme di previdenza complementare di raccogliere adesioni tra i lavoratori appartenenti a categorie professionali diverse da quelle di riferimento.

«Sulla portabilità del contributo azienda – dice Paolo Stefan, direttore di Solidarietà Veneto – abbiamo assistito ad una vistosa inversione ad U. Rispetto alla prima stesura, il legislatore sembra voler valorizzare l’esperienza dei Fondi negoziali. Ammesso che il Senato confermi tale impianto, toccherà ora alle Parti sociali far sì che i Fondi si meritino tale “incarico”».

Riforma dei fondi pensione



Al contempo è stato approvato un emendamento che prevede l’istituzione di uno specifico tavolo di confronto tra tutte le parti, costituito al Ministero del Welfare, con l’obiettivo di definire, entro 6 mesi, una riforma del sistema della previdenza complementare.

«Crediamo che il mandato di interpretare un processo di riforma, conferito nella norma ai rappresentanti delle aziende e dei lavoratori – prosegue Stefan – debba puntare decisamente allo sviluppo: una sfida importante, che va vinta».

«Se non ci saranno coraggio e apertura, ma prevarrà lo spirito di conservazione dello status quo, – precisa – il sistema ne uscirà perdente, e i lavoratori preferiranno i costosi pip: tanto valeva allora mantenere la portabilità».

«Servirà, in questa sessione, un attivo coinvolgimento anche delle Parti istitutive territoriali, che potranno evidenziare al legislatore le peculiarità del modello Solidarietà Veneto, uno dei pochi Fondi che in questi anni ha innovato, ha investito nell’economia reale e, suscitando la soddisfazione dei potenziali aderenti, è cresciuto nella sua dimensione» ha concluso il Direttore.


Il testo passa ora all’esame del Senato; «L’obiettivo è l’approvazione della legge definitiva entro l’anno» ha detto il Ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
COME SARÀ LA PENSIONE DI DOMANI?
TOMAT: AFFRONTEREMO LE NUOVE SFIDE PUNTANDO A INNOVAZIONE E SERVIZIO
BANKITALIA: DALLE BANCHE EROGAZIONI PIÙ SELETTIVE
VEGAS (CONSOB): PMI DIPENDONO TROPPO DALLE BANCHE
STABILITÀ ’14: UN INTERVENTO CHE GUARDA LO SPECCHIETTO RETROVISORE
TFR IN BUSTA, STORIA DI UN FLOP
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
PENSIONI: FLESSIBILITÀ… A COSTO ZERO?
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su