Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Approfondimenti

Chi sono i beneficiari in caso di decesso?

Facebook
Twitter
LinkedIn

La scelta riguardo i beneficiari che viene effettuata al momento dell’adesione o con comunicazioni successiva, riguarda solo il caso di premorienza, cioè di decesso dell’aderente durante la fase di accumulo.

L’eventuale designazione dei beneficiari per le prestazioni legate alla rendita (rendita reversibile o rendita contro assicurata) andrà invece effettuata al momento dell’avvio della rendita, quindi dopo il pensionamento.


In particolare, l’art. 14, comma 3, della vigente normativa stabilisce che, in caso di decesso dell’iscritto prima della maturazione del diritto alle prestazioni, l’intera posizione individuale maturata è riscattata dagli eredi ovvero dai diversi beneficiari dallo stesso designati, siano essi persone fisiche o giuridiche.

Al momento della prima adesione a Solidarietà Veneto, i beneficiari in caso di decesso sono gli “eredi legittimi”. Successivamente, compilando l’apposito modulo, l’iscritto potrà eventualmente modificare tale scelta, designando dei beneficiari specifici.

Quali sono le differenze tra eredi legittimi e beneficiari designati? Vediamole.

I beneficiari designati



La Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione (Covip), con proprio documento approvato il 15 luglio 2008, ha precisato che il diritto al riscatto spetta ai beneficiari designati dal titolare della posizione e solo l’assenza di esplicita volontà dell’aderente conferisce tale diritto agli eredi legittimi (vedi sotto).

Indicando uno (o più) beneficiari, quindi, questi avranno la precedenza su quelli previsti dalla legge e, in mancanza, la suddetta posizione resta acquisita al fondo pensione.

Alla luce delle indicazioni normative e degli orientamenti emanati dalla Covip, si raccomanda di valutare la designazione di beneficiari specifici considerando attentamente anche questi aspetti.

Gli eredi legittimi



Più volte in questo articolo abbiamo citato gli “eredi legittimi”: ma chi sono?
La risposta ci viene data dal secondo libro del Codice Civile: gli eredi legittimi sono il coniuge, i discendenti, gli ascendenti (genitori, nonni), i fratelli e le sorelle e gli altri parenti fino al sesto grado.

Come viene diviso tra gli eredi legittimi l’ammontare maturato presso il Fondo?

Se vi sono solo figli: hanno diritto a tutto il patrimonio ereditario da dividersi fra loro in parti uguali; la loro presenza esclude la successione degli altri parenti, ad eccezione del coniuge.

Se vi sono figli e coniuge: l’eredità si divide in parti uguali tra il coniuge e i figli;

Se vi sono coniuge e genitori e/o fratelli e sorelle: l’eredità si divide in parti uguali tra il coniuge e i genitori e/o fratelli;

Se vi è il solo coniuge: a lui spetta tutta l’eredità.

Se vi sono solo i genitori: spetta loro tutta l’eredità da dividersi in parti uguali.

Se vi sono solo fratelli e sorelle: l’eredità si divide fra loro in parti uguali.

In mancanza di eredi legittimi la posizione maturata rimarrà acquisita dal Fondo Pensione.

CERCHI RISPOSTA AD UNA DOMANDA?
Scivici una mail o lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

49^ ASSEMBLEA DI SOLIDARIETA’ VENETO: APPROVATO BILANCIO 2023

Lunedì 6 maggio 2024 si è svolta la 49^ Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, fondo pensione regionale, dedicata all’approvazione del Bilancio 2023 e all’elezione di un nuovo membro del Consiglio di amministrazione: si tratta di Stefano Bacchi, eletto in rappresentanza dei lavoratori. L’evento ha visto la convocazione dei 200 delegati dell’Assemblea e la partecipazione

Rendimenti 1° trimestre 2024: col vento in poppa.

Si chiude un trimestre molto positivo per la gestione finanziaria di Solidarietà Veneto: tre mesi – che diventano cinque se li affianchiamo al rush finale del 2023 – durante i quali il “segno meno” non ha mai fatto breccia in nessuno dei quattro comparti del Fondo. Per una gestione finanziaria come quella di Solidarietà Veneto,

Avviso: problemi alla linea telefonica – 18 aprile 2024

Avvisiamo che, nella giornata di oggi, 18 aprile 2024, le linee telefoniche della sede centrale del Fondo potrebbero essere momentaneamente irraggiungibili dalle ore 16.00 alle ore 18.00 per manutenzione tecnica. Nel frattempo, lo Staff di Solidarietà Veneto rimane a completa disposizione ai consueti indirizzi di riferimento. protocollo@solidarietaveneto.it (per l’invio di mail contenenti allegati) gestione@solidarietaveneto.it (per

Torna in alto