Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Novità

CCRL ARTIGIANO – COMUNICAZIONE: NUOVO CONTRIBUTO AZIENDA, NUOVA PRESTAZIONE EBAV

Facebook
Twitter
LinkedIn

Da gennaio 2024, i lavoratori artigiani del comparto “comunicazione” beneficiano di un nuovo contributo riconosciuto dal datore di lavoro: arriva il “contributo contrattuale veneto”.

Il recente rinnovo del CCRL Comunicazione Artigiano ha introdotto non poche novità per i lavoratori del settore.

Le Parti firmatari dell’accordo, nell’intento di valorizzare il ruolo della previdenza complementare per i lavoratori e imprenditori artigiani veneti, hanno attivato interventi mirati volti ad incentivare l’adesione ai fondi pensione contrattuali di riferimento. 

Il limitato numero di lavoratori iscritti alla previdenza integrativa del comparto artigiano del Veneto ha infatti rappresentato un “campanello d’allarme” rendendo primario l’avvio, in particolar modo per i lavoratori più giovani, di un percorso di risparmio utile a costituire, negli anni, un accantonamento necessario a offrire una integrazione o, un’anticipazione, a quanto previsto dal sistema pensionistico pubblico.

A tal fine, per i dipendenti (operai/impiegati/quadri/apprendisti professionalizzanti) iscritti o che si iscriveranno ad un fondo pensione contrattuale di riferimento (Fon.te: nazionale; Solidarietà Veneto: territoriale) sarà corrisposto un nuovo “contributo contrattuale veneto”, a carico dell’azienda, pari a 1,4% della retribuzione tabellare vigente.

La decorrenza del nuovo contributo sarà:

  • per i lavoratori già iscritti ad un fondo contrattuale, il versamento è fissato da gennaio 2023
  • per i lavoratori che si iscriveranno ad un fondo contrattuale, il contributo sarà riconosciuto dal mese successivo a quello di adesione.

Il “contributo contrattuale veneto” assorbe il contributo azienda previsto dal CCNL di riferimento (1,00%) ad oggi eventualmente attivato. 

La nuova prestazione EBAV per i "neo" iscritti

Quale ulteriore strumento per favorire l’adesione alla previdenza complementare, le Parti introducono due nuove prestazioni Ebav che, a partire dall’anno di competenza 2024 (con pagamento 2025), prevedono l’erogazione di un contributo “una tantum” in favore di

  • lavoratori che, dopo la firma del CCRL, si iscriveranno ad uno dei due fondi pensione contrattuali di riferimento 
  • aziende: l’importo sarà riconosciuto per ciascun dipendente che nell’anno 2024 aderirà ad un fondo pensione contrattuale.

Vuoi saperne di più? Contattaci o prendi appuntamento, anche online, su www.solidarietaveneto.it/contattaci/

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti maggio 2024

Se apprezzate le citazioni, potremmo definire il mese di maggio “radioso”, per i quattro comparti di Solidarietà Veneto. Merito dei mercati, complessivamente positivi, ma anche di una gestione efficace. Sì, è l’anno delle elezioni e, storicamente, questo dovrebbe causare incertezza nei sistemi economici e nella finanza. Tuttavia, le turbolenze elettorali questa volta sembrano non interessare

Come i fondi pensione resistono alle crisi finanziarie?

Le crisi finanziarie, spesso innescate da eventi globali imprevedibili, portano con sé ondate di perdite economiche e un generale calo della fiducia negli investimenti. Cosa accade a un fondo pensione come Solidarietà Veneto in questi momenti di incertezza? Resiste, mantenendo la fiducia delle persone aderenti.Capiamo perché. Una prospettiva di lungo periodo Uno degli elementi chiave

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Torna in alto