Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Fiscalità

Bonus 80 euro: come ottenerlo

Facebook
Twitter
LinkedIn

Di fatto è un tema che avevamo già trattato lo scorso anno ma, come dice il saggio: “repetita iuvant”.

I versamenti volontari effettuati al fondo pensione sono deducibili fiscalmente (abbattono il reddito, quindi).

Se i versamenti vengono effettuati tramite busta paga (sottolineiamo, tramite busta paga) offrono un vantaggio in più: concorrono a diminuire il reddito complessivo considerato per l’attribuzione del bonus.

La soluzione, quindi, è presto individuata: un iscritto a Solidarietà Veneto può modulare i versamenti al fondo, anche con l’obiettivo di rientrare nei requisiti per ottenere il bonus..

Interessante, vero?

Esempio: il caso di Giacomo



Come abbiamo visto nell’articolo della scorsa settimana, per ottenere il bonus, il reddito complessivo deve essere compreso tra 8.145 e 26.000 euro. Il bonus viene riconosciuto per “intero” (pari a circa 80 euro al mese, 960 euro in un anno) se il reddito complessivo non supera i 24.000 euro.

Giacomo ha un reddito complessivo di 26.000 euro: bonus pari a zero, quindi. Però, come abbiamo visto, può “sfruttare” a suo vantaggio l’iscrizione a Solidarietà Veneto.

A inizio anno, ha deciso allora di effettuare un versamento, da busta paga, di circa 167 euro al mese (2.000 euro all’anno). Risultato? Il reddito complessivo scende a 24.000 euro e, quindi, scatta il bonus (960 euro annui).

Riepiloghiamo la sua situazione:

Con 39 euro al mese… Giacomo ne ha 2.000 nel suo fondo pensione!

Giacomo ha sfruttato tutte le opportunità offerte dal fondo pensione:

  • risparmio previdenziale per un futuro migliore,
  • riduzione la tassazione sui suoi redditi (deducibilità fiscale),
  • elemento che permette di ottenere i vantaggi previsti dalla normativa (bonus 80 euro, in questo caso).

Calcola il tuo bonus: il simulatore



Da oggi è disponibile il “Calcolatore bonus 80 euro”, con il quale stimare l’ammontare bonus 80 euro considerando i versamenti al fondo e il tuo reddito complessivo (per sapere come si calcola, leggi il nostro approfondimento).

Per maggiori informazioni o chiarimenti, gli uffici del fondo e i nostri referenti di zona sono a completa disposizione.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
BONUS 80 EURO: FACCIAMO I CONTI
VERSAMENTI VOLONTARI DIRETTI, SI CAMBIA
PREMIO DI RISULTATO… MA QUANTO MI COSTI?
COVIP: IN MEDIA, LE POLIZZE COSTANO DI PIÙ
CRISI GRECA: LA STRATEGIA DI SOLIDARIETÀ VENETO
BANKITALIA: DALLE BANCHE EROGAZIONI PIÙ SELETTIVE
VEGAS (CONSOB): PMI DIPENDONO TROPPO DALLE BANCHE
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

ISEE 2023: SCADENZE E VALORI DA INDICARE

In questi giorni molti lavoratori stanno compilando la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per il calcolo dell’Isee. Quali dati inserire per gli iscritti al fondo pensione?

GENNAIO 2023: MESE DI AUMENTI CONTRATTUALI

Dai lavoratori della ceramica, agli addetti ai materiali refrattari, passando per il settore carta/cartotecnico, approfondiamo nel dettaglio chi e come percepirà i nuovi incrementi previsti a favore degli iscritti ai fondi pensione contrattuali. Importanti novità nel primo mese del 2023: alcuni settori della grande industria e dell’artigianato vedranno aumentare l’importo corrisposto a titolo di “contributo azienda”.

CCRL Artigiano – METALMECCANICO – ORAFO/ARGENTIERO – ODONTOTECNICO

Da dicembre 2022 i lavoratori artigiani del comparto “metalmeccanico” beneficiano di un nuovo contributo riconosciuto dal datore di lavoro: arriva il “contributo contrattuale veneto”. Il recente rinnovo del CCRL Metalmeccanico Artigiano ha introdotto non poche novità per i lavoratori  del settore metalmeccanico, orafo/argentiero e odontotecnico. Le Parti firmatari dell’accordo, nell’intento di valorizzare il ruolo della