Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Previdenza

Boeri: flessibilità in uscita per aiutare i giovani

Facebook
Twitter
LinkedIn

Continua il dibattito sulla “flessibilità in uscita”. Dopo l’intervento tra le pagine di un giornale tedesco, Tito Boeri rilancia: la flessibilità serve di più ai giovani, un tema già toccato proprio dal Governo con le parole, di qualche mese fa, del Ministro Poletti.

«I nostri studi – ha spiegato il Presidente Inps – ci hanno documentato che nelle imprese con lavoratori bloccati dal brusco inasprimento dei requisiti anagrafici e contributivi per andare in pensione con la riforma del 2011 ci sono state molte meno assunzioni di giovani».

«Garantendo una flessibilità sostenibile in uscita – ha proseguito – noi riusciremmo ad avere un mercato del lavoro più favorevole ai giovani ed imprese più efficienti. Sarà, infatti, chi non ha più voglia di investire sul proprio lavoro a scegliere di andare in pensione prima, accettando una riduzione dell’assegno pensionistico e lasciando spazio ad un giovane più motivato».

Flessibilità: UE e casse dello Stato



Esiste il solito problema dell’impatto sulle casse dello Stato. Secondo Boeri, in questo l’Europa non aiuta.

I vincoli di bilancio imposti dall’UE rischiano: «di essere un ostacolo perché guarda al disavanzo anno per anno anziché nel corso del tempo – spiega – La flessibilità in uscita nell’immediato aumenta il disavanzo, perché ci sono più pensioni da pagare, ma in tempi relativamente brevi avremmo una riduzione del disavanzo, perché queste pensioni sarebbero di importo inferiore».

Niente risorse, dunque? L’Inps propone una soluzione.

«Per finanziare anche nell’immediato questa operazione proponiamo di intervenire su alcuni trattamenti in essere non giustificati dai contributi versati durante l’intero arco della vita lavorativa, a partire dai cosiddetti vitalizi per cariche elettive».

Quali saranno le reazioni?

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
BARETTA: AL LAVORO PER LA FLESSIBILITÀ
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
PENSIONI? FLESSIBILITÀ IN USCITA TRA TRE MESI
FORNERO: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA, CON TAGLI DEL 3,5%
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
PENSIONI INPS: FLESSIBILITÀ IN ARRIVO?
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
CALCOLO PENSIONE: I NUOVI COEFFICIENTI 2016-2018
2016: AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti di agosto 2022. Termina il “Sogno di una notte di mezza estate”. 

Un mese fa, cercando di “raffreddare gli animi” di fronte agli straordinari rialzi di luglio, sottolineavamo che l’economia globale, infilatasi da inizio anno in un diabolico labirinto, sembrava ancora lontana dal trovare il “filo di Arianna”. Ad agosto si ritorna con i piedi per terra.  Non vi è pace per l’investitore in questo tormentato 2022,

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

Torna su