Previdenza

Boeri: flessibilità in uscita per aiutare i giovani

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Continua il dibattito sulla “flessibilità in uscita”. Dopo l’intervento tra le pagine di un giornale tedesco, Tito Boeri rilancia: la flessibilità serve di più ai giovani, un tema già toccato proprio dal Governo con le parole, di qualche mese fa, del Ministro Poletti.

«I nostri studi – ha spiegato il Presidente Inps – ci hanno documentato che nelle imprese con lavoratori bloccati dal brusco inasprimento dei requisiti anagrafici e contributivi per andare in pensione con la riforma del 2011 ci sono state molte meno assunzioni di giovani».

«Garantendo una flessibilità sostenibile in uscita – ha proseguito – noi riusciremmo ad avere un mercato del lavoro più favorevole ai giovani ed imprese più efficienti. Sarà, infatti, chi non ha più voglia di investire sul proprio lavoro a scegliere di andare in pensione prima, accettando una riduzione dell’assegno pensionistico e lasciando spazio ad un giovane più motivato».

Flessibilità: UE e casse dello Stato



Esiste il solito problema dell’impatto sulle casse dello Stato. Secondo Boeri, in questo l’Europa non aiuta.

I vincoli di bilancio imposti dall’UE rischiano: «di essere un ostacolo perché guarda al disavanzo anno per anno anziché nel corso del tempo – spiega – La flessibilità in uscita nell’immediato aumenta il disavanzo, perché ci sono più pensioni da pagare, ma in tempi relativamente brevi avremmo una riduzione del disavanzo, perché queste pensioni sarebbero di importo inferiore».

Niente risorse, dunque? L’Inps propone una soluzione.

«Per finanziare anche nell’immediato questa operazione proponiamo di intervenire su alcuni trattamenti in essere non giustificati dai contributi versati durante l’intero arco della vita lavorativa, a partire dai cosiddetti vitalizi per cariche elettive».

Quali saranno le reazioni?

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
BARETTA: AL LAVORO PER LA FLESSIBILITÀ
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
PENSIONI? FLESSIBILITÀ IN USCITA TRA TRE MESI
FORNERO: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA, CON TAGLI DEL 3,5%
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
PENSIONI INPS: FLESSIBILITÀ IN ARRIVO?
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
CALCOLO PENSIONE: I NUOVI COEFFICIENTI 2016-2018
2016: AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su