Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Approfondimenti

VIDEO LIVE. La previdenza complementare… conviene ancora?

Facebook
Twitter
LinkedIn

Disponibile da oggi il nuovo video realizzato in collaborazione con RadioPiù e Solidarietà Veneto.

“La previdenza complementare conviene ancora?” una domanda che negli ultimi mesi molti iscritti ci hanno rivolto, a fronte di un periodo finanziario complesso.

Oggi, assieme al direttore Paolo Stefan ospite a Radio Più, parliamo di finanza oltre l’emotività e delle azioni messe in campo dal Fondo.

Per maggiori informazioni, leggi il nostro articolo dedicato.

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti: termina il primo semestre 2022.
I temporali estivi della finanza

Nel mezzo di questa torrida estate, forse un po’ distratti dalla prospettiva vacanziera, commentiamo i risultati del primo semestre 2022 che, surriscaldato dall’inflazione e dal rischio recessione, si chiude con un violento… “temporale”. Almeno nel breve, si prospetta una rasserenante rinfrescata (finanziaria). Fin troppo facile, in queste settimane, il parallelo fra il meteo ed una

AREA RISERVATA: LE NUOVE FUNZIONALITA’.
IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE 

Dallo scorso giugno, l’area riservata dedicata agli iscritti è stata arricchita da nuove sezioni e funzioni. In questa prima “puntata” di approfondimento, analizziamo il Questionario di Autovalutazione, lo strumento dedicato alla valutazione dei comparti d’investimento da parte degli iscritti al fondo pensione regionale.  Come si sceglie il comparto più “giusto” per ciascun lavoratore? Esiste un

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #2 – FONDI & FONDI, ADESIONI & ADESIONI

L’annuale relazione, che illustra lo stato della previdenza complementare nel nostro Paese, ci presenta numerosi segnali di miglioramento, anche se rimangono delle zone d’ombra. In questo approfondimento: oltre 3,4 milioni di lavoratori (37%) scelgono i fondi negoziali; sono invece 5,1 milioni gli italiani che preferiscono Fondi aperti e PIP messi a disposizione dalle reti bancarie

Torna su