Vaia un anno dopo. L’investimento sostenibile di Solidarietà Veneto

Un anno fa la tempesta Vaia sconvolgeva la montagna veneta, segnando il paesaggio con ferite profonde. La violenza dei fenomeni atmosferici scatenò, da allora, una gara di solidarietà nei confronti delle popolazioni colpite. Una presa di coscienza forte sui cambiamenti climatici da cui è scaturita una domanda: “cosa possiamo fare?”

Il quesito, in qualche modo, ha coinvolto anche la fredda finanza, a cominciare dai fondi pensione, come Solidarietà Veneto. Perché qualcosa non torna: che senso ha infatti risparmiare per il futuro… se il futuro, di questo passo, rischia di non esistere?


Obiezione vera, reale, forte. Che non ha lasciato indifferenti i vertici di Solidarietà Veneto. Pochi giorni dopo la tempesta Vaia, il Consiglio di Amministrazione del fondo approvava le linee guida del “Documento sulla politica di investimento”, andando ad attivare i criteri ESG (Ambiente, Sociale, Governo dell’impresa) nella selezione degli investimenti.

Prendeva così corpo il progetto di investimento sostenibile. L’importante innovazione ha dato via ad un’esperienza che sarà presentata il 28 ottobre al Direttivo della Femca Cisl Belluno Treviso.

All’evento saranno presenti:
Luca Mercalli, presidente della società meteorologica italiana, climatologo e giornalista divulgativo che introdurrà il tema del riscaldamento globale e, più in generale, del significato di crisi ambientale, soffermandosi sulle responsabilità dell’uomo, sul suo impatto sull’ecosistema, e sulle possibili contromisure per evitare di compromettere per sempre il pianeta.
Carlo Anelli, responsabile del Dipartimento Politiche Industriali della Cisl nazionale, che si addentrerà in un terreno ancora poco esplorato in Italia, ossia l’intreccio fra contrattazione aziendale e sviluppo sostenibile.
Paolo Stefan, direttore di Solidarietà Veneto che presenterà i primi risultati della strategia di investimento “sostenibile” attuata dal Fondo pensione più diffuso in Regione.
I fondi pensione, a cui confluiscono risorse “pazienti” per investimenti di lungo periodo, si configurano quale mezzo ideale per “guidare” il cambiamento, anche nell’ambito della sostenibilità. Ma basterà?

Il “ritmo” del cambiamento dipende anche dalle intenzioni del singolo cittadino, che è anche investitore. Se chi “mette i soldi” sarà capace di farlo con lungimiranza, allora sarà più facile avanzare.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
CAMBIANO GLI SCENARI, CAMBIANO I COMPARTI DEL FONDO
FONDO PENSIONE=RISPARMIO PER IL FUTURO. E SE IL FUTURO NON CI FOSSE?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su