Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Novità

Un sito totalmente rinnovato

Facebook
Twitter
LinkedIn

Dal punto di vista dei contenuti, Solidarietà Veneto si è sempre dimostrato all’avanguardia: primo fondo territoriale a nascere in Italia, primo fondo ad aver avviato la gestione multicomparto, primo fondo ad aver immaginato gli investimenti a “focus geografico” e il primo ad essere stato autorizzato agli “investimenti diretti”.

Questi sono solo alcuni dei traguardi raggiunti negli ultimi anni; quello che risulta evidente è la continua ricerca di “rompere” gli schemi e andare sempre un po’ più in là, verso il miglioramento.

Anche nel modo di comunicare con i nostri associati, o potenziali tali, abbiamo cercato di essere innovativi: abbattere le barriere per una comunicazione diretta e personale.

Quando entra in gioco la comunicazione, non possiamo non parlare di internet. La Rete è diventata essenziale per il lavoro, la scuola o la vita sociale di tutti noi, spesso per tutti questi tre aspetti messi assieme. Per una realtà come la nostra, che ha sempre voluto essere parte del cambiamento anziché subirlo, ignorare lo sviluppo di questi nuovi strumenti non era accettabile.

Ecco che l’occasione della nascita del nuovo logo è stata propizia per avviare il percorso di rinnovamento anche del nostro sito web. Abbiamo voluto renderlo: più facile da consultare, più completo, più social. Potrai facilmente navigarci dal tuo cellulare, dal tablet o dal computer di casa e rimanere sempre in contatto con il tuo fondo pensione.

Sono molte le novità che troverai nel nostro nuovo portale, a partire da una grafica più leggera e pulita, per agevolare la lettura, fino ad arrivare a nuove funzioni tutte da scoprire.

Il nuovo sito è una porta aperta a tutti: agli iscritti che vogliono conoscere il proprio fondo pensione, a coloro che invece desiderano saperne di più su Solidarietà Veneto per decidere di iscriversi o a chi ha semplicemente voglia di curiosare un po’.

Il sito solidarietaveneto.it da oggi propone un’offerta completa: news, approfondimenti e strumenti interattivi per rispondere alle esigenze di tutti gli utenti, anche dei più esigenti.

Inizieremo il nostro “viaggio” alla scoperta del nuovo sito con una serie di approfondimenti, nei quali conosceremo, nel dettaglio, le sezioni che compongono il sito e condivideremo tutti i consigli per sfruttare al meglio tutte le sue funzionalità.

Nel frattempo, metti alla prova il nostro sito e aiutaci a migliorarlo. I tuoi suggerimenti saranno per noi fondamentali. Non ci resta che augurarti…. buona navigazione!

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti maggio 2024

Se apprezzate le citazioni, potremmo definire il mese di maggio “radioso”, per i quattro comparti di Solidarietà Veneto. Merito dei mercati, complessivamente positivi, ma anche di una gestione efficace. Sì, è l’anno delle elezioni e, storicamente, questo dovrebbe causare incertezza nei sistemi economici e nella finanza. Tuttavia, le turbolenze elettorali questa volta sembrano non interessare

Come i fondi pensione resistono alle crisi finanziarie?

Le crisi finanziarie, spesso innescate da eventi globali imprevedibili, portano con sé ondate di perdite economiche e un generale calo della fiducia negli investimenti. Cosa accade a un fondo pensione come Solidarietà Veneto in questi momenti di incertezza? Resiste, mantenendo la fiducia delle persone aderenti.Capiamo perché. Una prospettiva di lungo periodo Uno degli elementi chiave

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Torna in alto