Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Tutte

Sottoscritte le quote del fondo Alcedo IV

Facebook
Twitter
LinkedIn

Solidarietà Veneto prosegue nel progetto di selezione di fondi chiusi dedicati all’investimento nel capitale delle PMI del territorio. Il Fondo Pensione territoriale del Veneto, è stato il primo, e per il momento ancora l’unico, fondo pensione contrattuale ad avere avviato questo tipo di esperienza in Italia.

Solidarietà Veneto, al termine dell’attività di due diligence condotta in partnership con lo Studio Adacta di Vicenza, annuncia la sottoscrizione dell’impegno per complessivi 10 milioni di euro nel fondo Alcedo IV in fase di closing e gestito da Alcedo SGR, società di gestione del risparmio indipendente con sede a Treviso e specializzata in operazioni nel capitale di società non quotate orientate alla crescita.

Maurizio Masetti, Presidente di Alcedo SGR S.p.A., ha commentato: «Siamo molto soddisfatti della fiducia accordataci dai nostri investitori, che ci consente di andare a completare la raccolta del Fondo Alcedo IV in poco più di sei mesi, dopo aver ricevuto richieste ampiamente superiori al limite massimo che ci eravamo prefissati».

«Siamo in particolare lieti di avere quale investitore il Fondo Solidarietà Veneto, – prosegue Masetti – al quale ci lega non solo la vicinanza geografica, ma anche una comunanza di intenti e di approccio, basata su serietà, competenza e concretezza. Siamo certi che questo sia solo il primo passo di una lunga e proficua collaborazione».

60 milioni sul territorio


Con l’investimento in Alcedo IV, Solidarietà Veneto chiude la terza operazione di “private equity”; le altre due hanno riguardato il “Fondo Sviluppo PMI” (impegno 7 milioni di euro, sottoscritto il 19 febbraio 2015; Friulia Veneto Sviluppo SGR SpA) e “Fondo APE III” (impegno 7 milioni di euro; sottoscritto 26 giugno 2015; Assietta Private Equity Sgr SpA).

L’impegno complessivo supera quindi i 24 milioni di euro.

«Il patrimonio gestito da Solidarietà Veneto si appresta a superare il miliardo di euro – spiega Andrea Tomat, Presidente del Fondo – Nel contesto odierno, caratterizzato da elevati livelli di volatilità sui mercati azionari e carenza di rendimento per gli asset obbligazionari, la diversificazione attraverso operazioni come questa con Alcedo SGR e quelle che abbiamo sottoscritto precedentemente, sono uno strumento imprescindibile per una gestione efficace».

«Il nostro obiettivo è migliorare l’equilibrio dell’asset allocation – prosegue Tomat – dei comparti con investimenti decorrelati che permettano di comprimere la volatilità, e dunque il rischio, per chi ha destinato i risparmi previdenziali al nostro Fondo».

L’importo complessivo che Solidarietà Veneto destina alla diversificazione dell’investimento (capitale e debito) con ricaduta sul territorio supera i 60 milioni di euro.

Oltre alla diversificazione della parte “capitale” con l’investimento in private equity, infatti, Solidarietà Veneto è da tempo attivo sul lato “debito”, per circa 40 milioni di euro, con il mandato di gestione specifico a “focus territoriale” affidato a Finanziaria Internazionale.

«Siamo soddisfatti della partnership con Alcedo – conclude Tomat – che ha dimostrato di possedere elevati livelli di professionalità e un’eccellente vision».

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #3. LA SCELTA DEI COMPARTI E I RENDIMENTI ACCUMULATI

Dopo 6 mesi di tensioni finanziarie, la “terza puntata” di analisi della Relazione Covip “cade a fagiuolo”: l’approfondimento è infatti dedicato a rendimenti che, nel lungo periodo e soprattutto sui comparti azionari, restano soddisfacenti. Ma quali sono i benefici reali per gli iscritti? I rendimenti dei fondi pensione si misurano nel… lungo termine. L’affermazione, per quanto

Torna su