Slitta a fine maggio l’invio dell’estratto conto 2016

Con una delibera del 22 febbraio 2017 la Covip, Commissione di Vigilanza dei Fondi Pensione, ha eccezionalmente posticipato al 31 maggio 2017 (dal 31 marzo) il termine per l’invio agli aderenti della “comunicazione periodica”.

Con questo documento, chiamato in gergo anche “estratto conto”, il Fondo fornisce tutte informazioni sull’andamento della posizione previdenziale: i versamenti effettuati, le eventuali omissioni contributive e, soprattutto, il valore della posizione individuale al 31 dicembre dell’anno precedente.

I perché dello slittamento



L’intervento della Covip si è reso necessario per consentire ai Fondi di apportare al documento alcune modifiche richieste dalla stessa Commissione di Vigilanza, in ottica di ancora maggiore trasparenza.

In particolare viene modificato il “prospetto esemplificativo personalizzato”, che prenderà il nome di “La mia pensione complementare”; un documento che fornisce, fra l’altro, la stima della futura pensione complementare che l’aderente può attendersi alla luce della propria situazione (versamenti, comparto d’investimento scelto, ecc).

Di fatto, questo strumento realizza, per la previdenza complementare, la funzione che il progetto “La mia pensione” (busta arancione INPS) assolve nella previdenza pubblica.

Come accedere ai dati con maggiore tempestività?



La Comunicazione periodica non è l’unico strumento per accedere alla propria posizione previdenziale: sicuramente più efficace è l’accesso all’area riservata nel sito web del Fondo.

È possibile, poi, disporre di tutti i dati anche dal proprio smartphone iOs o Android; è sufficiente scaricare la app di Solidarietà Veneto; sono già migliaia gli aderenti che la utilizzano regolarmente.

Le informazioni riportante nella app, infatti, sono sempre le più aggiornate; ad oggi (24 marzo2017), ad esempio, si possono visualizzare le contribuzioni ed il valore quota di fine febbraio.

Attenzione!



Solidarietà Veneto provvederà all’invio della “Comunicazione periodica” nei tempi e secondo le indicazioni della Covip; è possibile ricevere l'”estratto conto”, come pure tutte le altre comunicazioni ufficiali di Solidarietà Veneto, direttamente via e-mail, risparmiando anche sulla quota associativa annua.

Attiva anche tu la “comunicazione periodica on line”; nel caso l’avessi già fatto, assicurati che l’indirizzo comunicato a suo tempo al Fondo sia ancora attivo!

Per qualsiasi ulteriore informazione gli uffici del Fondo e i referenti attivi sul territorio sono, come sempre, a vostra disposizione.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
ESTRATTO CONTO: SCEGLI L’ON-LINE
SOLIDARIETÀ VENETO È IL MIGLIOR FONDO PENSIONE ITALIANO
I RENDIMENTI DI DICEMBRE 2016
FRANCESCO: ISCRITTO A 9 GIORNI DI VITA. INTERVISTA AL PAPÀ
CRESCE IL RISPARMIO, MA NON SI INVESTE
TORNA IL CUMULO GRATUITO DEI CONTRIBUTI
CENSIS: CRESCE LA DOMANDA DI WELFARE
2016: AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE
ARRIVA LA BUSTA: «NON MI ASPETTAVO QUESTI DATI»
AL VIA LA BUSTA ARANCIONE (STAVOLTA È VERO)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su