Signori, si cambia! (Tappa 3/3)

L’ultima, decisiva, tappa è quella che riguarda le riflessioni sulla strategia di investimento operata dal Fondo.

In estrema sintesi, ci si è chiesti: l’attuale struttura dei comparti, consente di raggiungere i risultati finanziari necessari per centrare l’obiettivo finale? Una riflessione che diventa ancora più importante perché inserita nel contesto complicato di cui abbiamo parlato a più riprese (tassi bassi e della volatilità).

L’analisi, eseguita con il supporto di advisor esterni e altamente professionali, ha portato a due conclusioni principali: la modifica dell’assetto del comparto Prudente e la ridefinizione degli orizzonti temporali di permanenza nei singoli comparti.

Ecco come sono cambiati.

Il Comparto Prudente



Nei comparti Garantito TFR, Reddito e Dinamico la composizione degli investimenti è risultata coerente, anche rispetto al nuovo scenario.

Riguardo al Comparto Prudente è stato invece necessario variare la distribuzione “debito – capitale” (obbligazioni – azioni). Dall’attuale 90% obbligazioni e 10% azioni, si è giunti a configurare un assetto rinnovato: 85% obbligazionario, 15% azionario.

Nell’introdurre questa modifica, non è stata variata la connotazione “socialmente responsabile” della quota azionaria, elemento che il CdA ha ritenuto assolutamente decisivo nell’assetto della politica di investimento del Fondo.

È inoltre stata indetta una gara per la selezione di un gestore del Comparto, che andrà a sostituire Groupama AM (convenzione in scadenza a fine aprile) affiancando UnipolSai.

NOTA: il nuovo assetto prenderà avvio da maggio 2016. Fino al 20/05/16 è data facoltà agli iscritti al Comparto Prudente di modificare il posizionamento a prescindere dal periodo minimo di permanenza nel Comparto (un anno). Maggiori dettagli a tal riguardo sono disponibili nella Nota informativa.

Gli orizzonti temporali



In ottica di maggiore coerenza e di trasparenza di informazione, nella stesura del nuovo Documento sulla politica di investimento (DPI), sono stati ridefiniti i periodi di permanenza (nella tabella che segue, si veda la colonna evidenziata in verde “anni alla pensione”).


Si tratta dell’indicazione principale a cui l’aderente potrà far riferimento per impostare il proprio percorso di investimento, modulando il rischio ad esso connesso.

Un percorso che, se seguito con coerenza, ci si aspetta possa favorire il raggiungimento del rendimento obiettivo, funzionale a realizzare la copertura previdenziale, ovvero quel “tasso di sostituzione” tale da permettere il mantenimento di un adeguato benessere anche dopo il pensionamento.

Vediamo quindi il modello 2016 – 2018:


Una sottolineatura: l’adozione del percorso illustrato non dovrà naturalmente essere meccanicistica, ma flessibile e ragionata. Meglio ancora se affiancata da un confronto con il Fondo, come di norma accade.

Si suggerisce agli aderenti il cui posizionamento non risulti allineato con quello proposto, in particolare qualora ci si trovi in un comparto caratterizzato da un livello di rischio maggiore, di approfondire la situazione contattando il Fondo.

Dopo questa necessaria premessa sull’assetto finanziario del Fondo nel triennio 2016-2018, riprenderemo al solito, nei prossimi giorni la stesura degli usuali commenti sui risultati finanziari di ogni singolo mese, auspicando che possano essere utili per una lettura ragionata degli eventi che impattano sulla previdenza complementare.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 2/3)
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 1/3)
RENDIMENTI 2015: IL PUNTO CON IL DIRETTORE
I RENDIMENTI DI DICEMBRE
CALCOLO PENSIONE: I NUOVI COEFFICIENTI 2016-2018
2016: AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE
MERCATI FINANZIARI: IL PUNTO CON IL DIRETTORE
SOLIDARIETÀ VENETO: AVANTI CON GLI INVESTIMENTI TERRITORIALI
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su