Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Approfondimenti

Area Riservata: come recuperare le password in meno di 2 minuti

Facebook
Twitter
LinkedIn

Quante volte ci troviamo a fissare lo schermo del pc o del cellullare, pronti ad entrare nell’area riservata …  senza ricordarci l’ultima password? Molto spesso se guardiamo ai dati del 2020: in dodici mesi, sono state oltre 30.000 le richieste online di recupero delle credenziali di accesso!

Ecco i nostri consigli per minimizzare i tempi di risposta.

Il procedimento per ricevere le nuove credenziali è di per sé molto semplice: una volta entrati nella sezione AREA ISCRITTI, è sufficiente cliccare sull’opzione “Password Smarrita? Recupera la password” ed inserire:

  • il tuo codice fiscale (in maiuscolo)
  • il numero di iscrizione al Fondo.

E qui, spesso, ci si ferma: il numero di iscrizione? Cos’è e dove lo trovo?

NUMERO DI ISCRIZIONE

Il numero di iscrizione viene comunicato, per la prima volta, con l’invio della “LETTERA DI BENVENUTO” a valle dell’adesione a Solidarietà Veneto.

Tuttavia, il fondo pensione mette a disposizione questo dato ogni anno, per mezzo della consueta “Comunicazione periodica agli iscritti”.

Dove trovare l’informazione?

  • Per chi ha attivato l’invio telematico delle comunicazioni (via mail): il numero di iscrizione è riportato nella MAIL che informa della disponibilità del documento in area riservata. Le comunicazioni vengono inviate dal dominio del service amministrativo: cerca nella tua casella di posta le mail inviate da noreply@previnet.it: il numero di iscrizione è presente nel testo (vedi sotto)
  • Per chi invece riceve le comunicazioni via posta: negli “estratti conto” il numero di iscrizione è riportato nella sezione dedicata ai dati personali.

CREAZIONE NUOVO PASSWORD

Con il numero di iscrizione puoi avviare la procedura di recupero password e decidere COME RICEVERE le credenziali temporanee per accedere all’area riservata:

  • VIA MAIL O VIA SMS, se hai dato il consenso all’utilizzo dei recapiti
  • VIA POSTA ORDINARIA. E’ l’unica modalità di spedizione se non ci hai autorizzato all’uso di mail o del numero di telefono. 

Vuoi aggiornare le tue autorizzazioni? Compila il modulo VARIAZIONE DATI ISCRITTO, alla sezione 4, ed invialo a protocollo@solidarietaveneto.it (l’aggiornamento avviene in pochi giorni).

Con la comunicazione ricevuta, crea la tua nuova password che sarà composta da almeno 8 caratteri facendo attenzione ad inserire

  • una lettera maiuscola
  • un numero
  • un carattere speciale tra i seguenti: $ % & ( @ # = ) , : ; – _ + ^
Ricorda che una password sicura non può prescindere dall’essere sufficientemente lunga, con caratteri speciali, senza riferimenti personali e cambiata periodicamente. E’ per la tua sicurezza; la sicurezza del tuo futuro previdenziale.
 
 
 

Nonostante tutto, rilevi ancora dei problemi? Nel nostro approfondimento PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD illustriamo le principali cause e le relative soluzioni per “fare pace” con il mondo IT. 

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #1 – ISCRIZIONI IN CRESCITA, MA NON BASTA.

L’annuale relazione, che illustra lo stato della previdenza complementare nel nostro Paese, ci presenta numerosi segnali di miglioramento, anche se rimangono delle zone d’ombra: in questo approfondimento, vedremo chi si iscrive ai fondi pensione, in che misura e in quali regioni è più radicata la cultura previdenziale.  31 dicembre 2021: 8,8 milioni di italiani hanno

Nuovo Sportello Informativo a Valdobbiadene

Novità in provincia di Treviso: apre a VALDOBBIADENE un nuovo recapito del fondo pensione regionale Solidarietà Veneto potenzia il servizio nel trevigiano. Lo sportello sarà attivo da settembre 2022 ogni 1° lunedì del mese, dalle 15.00 alle 18.00 presso la sede Cisl, in via Piva, 39 I referenti diretti di Solidarietà Veneto sono a tua disposizione per: informazioni

Relazione Covip 2021: luci e ombre per la previdenza complementare italiana

L’annuale relazione, che illustra lo stato della previdenza complementare nel nostro Paese, ci presenta numerosi segnali di miglioramento, anche se rimangono delle zone d’ombra: la modesta diffusione del fondo fra giovani, donne e nel Meridione d’Italia, il nodo dei costi di gestione, le incognite finanziarie. Venerdì scorso, 10 giugno, il Presidente della Commissione di Vigilanza

Torna su