Prestazioni accessorie volontarie: tutto ciò che serve sapere

Da sempre Solidarietà Veneto dedica particolare attenzione alla famiglia. La prima dimostrazione concreta risale al 2009, con l’apertura alla possibilità di iscrizione ai soggetti fiscalmente a carico. Questo percorso, orientato alla tutela dei propri cari, è proseguita con l’introduzione delle cosiddette “prestazioni accessorie”. Siamo nell’ambito di una forma particolare di coperture assicurative che, infatti, sono “accessorie” alla prestazione principale, quella previdenziale.

Come anticipato nel nostro precedente approfondimento, la copertura, una volta attivata, prevede l’erogazione (all’iscritto o ai suoi eredi) di un capitale in caso di morte o di invalidità permanente pari o superiore al 50%. L’obiettivo è quello di integrare la prestazione pensionistica come se l’evento non fosse accaduto e la contribuzione al Fondo fosse proseguita regolarmente.

Dal primo aprile 2018, per la prima volta nel nostro Paese, un fondo pensione contrattuale offre agli iscritti la possibilità di sottoscrivere volontariamente una copertura assicurativa (prestazione accessoria) “caso morte ed invalidità permanente”. Vendiamone ora insieme tutte le caratteristiche.

I COSTI DI SOLIDARIETA’ VENETO: IMBATTIBILI



Il costo delle prestazioni accessorie volontarie è calcolato applicando il tasso (diverso per ogni fascia d’età) all’importo assicurato.

Nella tabella si riporta un esempio basato su un capitale assicurato di 30.000 euro.
Puoi tuttavia optare per la copertura di un capitale più elevato, fino a 200.000 euro!

Facciamo un esempio: Andrea, iscritto al Fondo, ha 45 anni e sta valutando l’attivazione della copertura assicurativa.

Il premio dovuto in base alla sua età è pari a 0,10% del capitale assicurato, Andrea scegliere un capitale di 30.000€; il costo annuo della copertura è così calcolato:

  • Capitale assicurato € 30.000 x tasso 0,10% = costo annuo € 30

Se, invece, si volesse assicurare un capitale di 80.000€, il costo annuo della copertura corrisponde a:

  • Capitale assicurato € 80.000 x tasso 0,10% = costo annuo € 80

COME CALCOLARE L’INDENNIZZO



Basandoci sugli esempi sopra riportati, per determinare l’indennizzo riconosciuto è sufficiente moltiplicare il 14% della somma assicurata per ogni anno tra il momento dell’evento e il compimento del 60° anno d’età. Se l’indennizzo così determinato risultasse inferiore al capitale inizialmente prescelto, tieni in considerazione che sarà erogato il 100% della somma assicurata.

COME ATTIVARE LE PRESTAZIONI ACCESSORIE



Accedi all’Area Riservata del sito e sul menù iniziale seleziona “Copertura accessoria


Dopo aver preso visione del fascicolo informativo, hai la possibilità di scegliere il capitale da assicurare.
E’ possibile selezionare capitali assicurabili da € 20.000 a € 200.000 con variazioni di “unità” da € 10.000.

A questo punto, avrai la possibilità di visualizzare i dati di sintesi relativi alla copertura assicurativa:

  • Il tipo di polizza: copertura accessoria caso morte e invalidità
  • L’ammontare dell’indennizzo: è l’importo del capitale erogato nel caso in cui si manifesti la premorienza o invalidità permanente.
  • Il premio annuale: è il costo totale annuo della polizza (su 12 mensilità)
  • Il costo polizza: è il costo totale effettivo della polizza dalla data di decorrenza
  • La validità: tutte le richieste complete recepite entro il 20 del mese, saranno attivate dal 1° giorno del mese successivo e assicureranno l’iscritto sino alla data del 30 novembre di ciascun anno. Salvo diversa indicazione da parte dell’associato, il rinnovo della polizza sarà automatico.

La procedura guidata prosegue verificando, attraverso alcune domande, tutti gli elementi utili all’avvio della copertura assicurativa, tra cui ad esempio:

  • assenza di altre polizze vita che prevedono un capitale in caso di morte;
  • mancato test HIV o test epatite B/C con esito positivo;
  • percezione di pensioni di invalidità o di assegno di accompagnamento.

Se si risponde positivamente a uno dei quesiti posti, non sarà possibile procedere con la procedura e, conseguentemente, l’attivazione della copertura. Qualora si volesse rivedere una delle risposte fornite, sarà sufficiente iniziare nuovamente la procedura.

Al termine della procedura verrà visualizzato un documento precompilato di sintesi da stampare e sottoscrivere laddove richiesto.

Qualora non disponessi di una stampante, puoi recuperare il documento in qualsiasi momento nella sezione “Archivio”. Il preventivo sarà valido di compilazione.

Per finalizzare la tua richiesta sarà sufficiente caricare, oltre al modulo di attivazione della polizza debitamente firmato, una copia del documento di identità in corso di validità.

Ti sarà chiesto di inviare tale documentazione altresì in originale direttamente agli uffici del Fondo.

Il dettaglio della richiesta, nonché lo stato di avanzamento della pratica, saranno sempre disponibili nella sezione “Archivio” dell’Area riservata dedicata alle coperture accessorie.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
PRESTAZIONI ACCESSORIE: CI SIAMO!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su