Novità

Prestazioni accessorie volontarie: ci siamo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn


Gli inglesi hanno un modo particolare, qui irripetibile, per dire che “gli imprevisti capitano”: al lavoro, facendo le pulizie di casa, viaggiando in macchina o attraversando la strada. Tutti lo sanno, ed ognuno dedica una parte del proprio reddito per creare una “rete di protezione” rispetto ai rischi della nostra quotidianità. Ma cosa accadrebbe se le protezioni non dovessero bastare?

Se, ad esempio, causa un incidente, non dovessimo più riuscire a lavorare?
O, nella situazione più severa: se dovessimo mancare, quale futuro toccherebbe alla nostra famiglia?


Sono quesiti che vorremmo eludere, ma forse sarebbe un atteggiamento irresponsabile. Cerchiamo dunque le riposte.

Innanzitutto, lo Stato: in caso di decesso del coniuge, il sistema “contributivo” (Legge “Dini”, 1995), prevede l’erogazione al “superstite” (e, sotto alcune condizioni, ai figli) di un assegno il cui valore dipende dai contributi previdenziali versati, senza “integrazioni al minimo”. Un diritto importante, ma limitato, e che difficilmente permette di mantenere il tenore di vita precedente all’evento, specie se il fatto capita ad un giovane, che dunque ha versato pochi contributi.

Si può vivere con un assegno di 200-300 Euro al mese? Crediamo di no.



La soluzione può essere una polizza di assicurazione, ma con quali costi? E le regole? La burocrazia (esami medici, autocertificazioni, ecc…)?

Una chiara necessità, sulla quale da tempo gli organi di Solidarietà Veneto si sono interrogati, fino a giungere ad un’importante innovazione: dal primo aprile 2018, per la prima volta nel nostro Paese, un fondo pensione contrattuale offrirà agli iscritti la possibilità di sottoscrivere volontariamente una copertura assicurativa (prestazione accessoria) “caso morte ed invalidità permanente”, finalizzata al completamento del piano previdenziale.

Lo scopo? Erogare agli eredi dei più sfortunati, somme analoghe a quelle spettanti se il fatto non fosse accaduto se, cioè, il deceduto fosse giunto al pensionamento.



Lo scopo, la protezione degli “ultimi”, è nobile, ma costa (tempo e soldi), specialmente se lo si persegue individualmente.

Ecco allora che Solidarietà Veneto offre il servizio consentendo risparmi di tempo (poca burocrazia, compilazione moduli web), costi ridotti (circa un terzo rispetto alla media di mercato) e un plus ulteriore, il vantaggio fiscale. Per il premio viene infatti utilizzata la contribuzione al Fondo pensione che, come sappiamo, è deducibile dal reddito.

Solidarietà, dunque, non solo nel nome: il Fondo territoriale, mettendo assieme capitali e persone, riesce a negoziare con la compagnia assicurativa condizioni economiche inaccessibili per il singolo cliente.

Insieme si fa molto, di più e meglio. Unendosi a Solidarietà Veneto, ogni iscritto trova riposte per il suo futuro previdenziale, prendendo parte ad un progetto sempre più ampio: il benessere collettivo del nostro territorio!



VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
PRESTAZIONI ACCESSORIE: TUTTO CIO’ CHE SERVE SAPERE

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su