Approfondimenti

Posso ottenere uno sconto fiscale aderendo al fondo?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

I contributi volontari versati al fondo pensione sono deducibili fiscalmente fino ad un massimo di 5.164 euro all’anno.

Le contribuzioni al fondo, essendo deducibili, abbattono il reddito imponibile, e permettono al lavoratore iscritto di beneficiare di uno “sconto fiscale” pari all’aliquota Irpef più alta applicata (mediamente il 27% + addizionali regionali e comunali).

Lavoratori dipendenti



Facciamo un esempio: Nicola, che ha un reddito di 25.000 euro (aliquota IRPEF totale, circa 28,5%), nel corso dell’anno ha versato al fondo, da busta paga, 1.000 euro.

Il vantaggio fiscale che avrà maturato è pari a circa 285 euro (il 28,5% dell’importo versato). Nel suo caso, inoltre, i versamenti al fondo gli hanno anche permesso di ottenere il “bonus 80 euro ” (960 euro, nel 2015).

Per approfondire: come ottenere il bonus 80 euro


Il vantaggio fiscale sui versamenti al fondo pensione effettuati da busta paga dai lavoratori dipendenti viene riconosciuto ogni mese nella busta paga stessa.

Il reddito indicato nella Certificazione Unica, quindi, è già ridotto dei versamenti alla previdenza complementare indicati al punto 143 della Certificazione Unica stessa. Né il Fondo, né l’aderente dovranno produrre ulteriore documentazione, rispetto a quella rilasciata dal datore di lavoro.

Concorrono al raggiungimento del limite dei 5.164 euro:

  • il contributo del lavoratore da busta paga,
  • il contributo a carico del datore di lavoro,
  • versamenti volontari diretti (senza passare per busta paga),
  • versamenti a favore dei soggetti fiscalmente a carico.

Non rientra, quindi, la quota di Tfr destinata al fondo.

Nel caso di versamento in favore di un soggetto fiscalmente a carico, è necessario riportare l’ammontare versato direttamente nella dichiarazione dei redditi per ottenere il relativo “sconto fiscale”.

Lavoratori autonomi



I lavoratori autonomi che effettuano contribuzioni al fondo pensione otterranno lo “sconto fiscale” al momento della Dichiarazione dei Redditi.

Sarà sufficiente presentare copia dell’ordine di bonifico effettuato accompagnata dalla comunicazione attestante l’effettivo versamento effettuato, che Solidarietà Veneto invia periodicamente agli interessati.

CERCHI RISPOSTA AD UNA DOMANDA?
Scivici una mail o lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su