Posso ottenere uno sconto fiscale aderendo al fondo?

I contributi volontari versati al fondo pensione sono deducibili fiscalmente fino ad un massimo di 5.164 euro all’anno.

Le contribuzioni al fondo, essendo deducibili, abbattono il reddito imponibile, e permettono al lavoratore iscritto di beneficiare di uno “sconto fiscale” pari all’aliquota Irpef più alta applicata (mediamente il 27% + addizionali regionali e comunali).

Lavoratori dipendenti



Facciamo un esempio: Nicola, che ha un reddito di 25.000 euro (aliquota IRPEF totale, circa 28,5%), nel corso dell’anno ha versato al fondo, da busta paga, 1.000 euro.

Il vantaggio fiscale che avrà maturato è pari a circa 285 euro (il 28,5% dell’importo versato). Nel suo caso, inoltre, i versamenti al fondo gli hanno anche permesso di ottenere il “bonus 80 euro ” (960 euro, nel 2015).

Per approfondire: come ottenere il bonus 80 euro


Il vantaggio fiscale sui versamenti al fondo pensione effettuati da busta paga dai lavoratori dipendenti viene riconosciuto ogni mese nella busta paga stessa.

Il reddito indicato nella Certificazione Unica, quindi, è già ridotto dei versamenti alla previdenza complementare indicati al punto 143 della Certificazione Unica stessa. Né il Fondo, né l’aderente dovranno produrre ulteriore documentazione, rispetto a quella rilasciata dal datore di lavoro.

Concorrono al raggiungimento del limite dei 5.164 euro:

  • il contributo del lavoratore da busta paga,
  • il contributo a carico del datore di lavoro,
  • versamenti volontari diretti (senza passare per busta paga),
  • versamenti a favore dei soggetti fiscalmente a carico.

Non rientra, quindi, la quota di Tfr destinata al fondo.

Nel caso di versamento in favore di un soggetto fiscalmente a carico, è necessario riportare l’ammontare versato direttamente nella dichiarazione dei redditi per ottenere il relativo “sconto fiscale”.

Lavoratori autonomi



I lavoratori autonomi che effettuano contribuzioni al fondo pensione otterranno lo “sconto fiscale” al momento della Dichiarazione dei Redditi.

Sarà sufficiente presentare copia dell’ordine di bonifico effettuato accompagnata dalla comunicazione attestante l’effettivo versamento effettuato, che Solidarietà Veneto invia periodicamente agli interessati.

CERCHI RISPOSTA AD UNA DOMANDA?
Scivici una mail o lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su