Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Fiscalità

Polizze e fiscalità. Come triplicare il vantaggio fiscale.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Dall’anno scorso le vecchie polizze vita “ante 2000” e, più in generale, le altre forme di risparmio in ambito assicurativo/bancario/previdenziale, hanno subito una significativa modifica del loro trattamento fiscale. Più precisamente, è stato stabilito che per il 2014 il massimale, sul quale si applica la detrazione d’imposta al 19%, sia ridotto a 530 euro (contro i 1.291 euro previsti prima del Decreto e i 630 euro dello scorso anno).

Quali sono gli impatti di questa riduzione? Il caso di Andrea

Andrea, oltre al fondo pensione, da dicembre 2000 detiene anche una polizza vita – risparmio. Il contratto prevede un versamento annuo di 1.291 euro per la durata di 15 anni. Fino al 2012, Andrea ha potuto detrarre dalle proprie tasse il 19% del premio versato; un “plus” che talvolta ha reso convenienti anche prodotti non sempre efficienti dal punto di vista dei costi. Complessivamente il vantaggio fiscale è stato di circa 245 euro all’anno (1.291 x 19%).

Nel 2013, con il massimale a 630 euro, Andrea ha visto il suo risparmio fiscale ridursi a 120 euro. Quest’anno, invece, con il limite fissato a 530 euro, il risparmio fiscale sarà ancora più basso: circa 101 euro… meno della metà di quanto detratto fino al 2012.

Di fronte a questa riduzione del risparmio fiscale realizzato con le “vecchie” polizze, è opportuno considerare altri strumenti di investimento dei propri risparmi per i quali i vantaggi fiscali sono rimasti inalterati. In particolare il Decreto non ha modificato la fiscalità applicata ai versamenti effettuati ai Fondi Pensione: confermata quindi la deducibilità fiscale dei versamenti volontari fino ad un massimo di 5.164 euro all’anno.

Tornando all’esempio. Andrea ha un reddito annuo di 22.000 euro: versando al fondo pensione i 1.291 euro che avrebbe dovuto destinare alla sua polizza, al momento della Dichiarazione dei Redditi, beneficerà indicativamente di uno sconto fiscale di 368 euro (1.291 x 28,5%). Tre volte di più dello sconto fiscale garantito da una vecchia “polizza detraibile”.

Le trasformazioni… lasciale ai prestigiatori

“Trasformare“ un prodotto assicurativo in uno sostitutivo, dunque simile nell’impianto, è possibile, ma non sempre conveniente.

La normativa fiscale sui fondi pensione, infatti, è uguale per tutti: fondi pensione contrattuali, fondi aperti e polizze previdenziali (PIP). Fai attenzione a non vincolare i tuoi risparmi ad un prodotto costoso limitando conseguentemente la tua possibilità di disporre delle somme versate prima della scadenza del contratto. Valuta sempre attentamente quindi la tipologia del nuovo prodotto e le sue implicazioni, la durata del contratto e, soprattutto, i costi. Per aiutarti nel confronto, prova il calcolatore dei costi.

Ormai Andrea non ha più dubbi: decide di sospendere il pagamento del premio di polizza (possibilità sempre prevista da contratto) e di effettuare un versamento volontario nel suo fondo pensione!

E tu, cosa faresti al suo posto?

Potrebbe interessarti anche:
Versamenti volontari, si cambia
Dichiarazione dei redditi & fondo pensione
Bonus 80 euro & fondo pensione

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

49^ ASSEMBLEA DI SOLIDARIETA’ VENETO: APPROVATO BILANCIO 2023

Lunedì 6 maggio 2024 si è svolta la 49^ Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, fondo pensione regionale, dedicata all’approvazione del Bilancio 2023 e all’elezione di un nuovo membro del Consiglio di amministrazione: si tratta di Stefano Bacchi, eletto in rappresentanza dei lavoratori. L’evento ha visto la convocazione dei 200 delegati dell’Assemblea e la partecipazione

Rendimenti 1° trimestre 2024: col vento in poppa.

Si chiude un trimestre molto positivo per la gestione finanziaria di Solidarietà Veneto: tre mesi – che diventano cinque se li affianchiamo al rush finale del 2023 – durante i quali il “segno meno” non ha mai fatto breccia in nessuno dei quattro comparti del Fondo. Per una gestione finanziaria come quella di Solidarietà Veneto,

Avviso: problemi alla linea telefonica – 18 aprile 2024

Avvisiamo che, nella giornata di oggi, 18 aprile 2024, le linee telefoniche della sede centrale del Fondo potrebbero essere momentaneamente irraggiungibili dalle ore 16.00 alle ore 18.00 per manutenzione tecnica. Nel frattempo, lo Staff di Solidarietà Veneto rimane a completa disposizione ai consueti indirizzi di riferimento. protocollo@solidarietaveneto.it (per l’invio di mail contenenti allegati) gestione@solidarietaveneto.it (per

Torna in alto