Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Previdenza

Poletti: pensioni flessibili per agevolare i giovani

Facebook
Twitter
LinkedIn

In un dibattito sempre più fitto, qualche giorno dopo l’intervento della Professoressa Fornero, arrivano anche le dichiarazioni del Ministro del Lavoro Poletti sulla Riforma delle Pensioni, pubblicate oggi da Il Corriere della Sera.

Da Via Veneto il messaggio è chiaro: «Bisogna reintrodurre un certo grado di flessibilità sulle pensioni».

La direzione che porta alla cosiddetta “flessibilità in uscita”, ipotizzata su più fronti, sembra ormai tracciata. Anche perché, come ha detto il Ministro, «non si può tornare alle regole che avevamo prima della legge Fornero»

Riforma e bilancio



Le scelte del Governo dovranno necessariamente tener conto del loro impatto sulle finanze dello Stato. Per questo, ipotesi troppo costose, come quella Damiano – Baretta, sembrano già archiviate.

Sulle risorse stanziabili, il Ministro non si esprime; c’è chi parla di 1 miliardo di euro.

Si può parlare di Riforma, solo se a costo zero, dunque? Il Ministro apre: «non deve essere per forza a costo zero, le penalizzazioni non possono essere insostenibili. Bisognerà fare un ragionamento complessivo nel governo, tenendo a mente che quello non è solo un intervento sulle pensioni».

Sì, perché l’obiettivo del Governo non è solo riformare il sistema delle pensioni, ma «quello di aiutare l’occupazione giovanile – ha dichiarato Poletti – Perché tenere le persone dentro le aziende è uno dei fattori che impedisce ai giovani di trovare un lavoro. E una delle cause per cui le aziende stesse faticano a tenere il passo con un mondo sempre più veloce».

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
FORNERO: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA, CON TAGLI DEL 3,5%
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
PENSIONE: SONO PESSIMISTA, MA NON SO PERCHÉ
ISTAT: L’ITALIA CONTINUA AD INVECCHIARE
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI
PRESTAZIONI ACCESSORIE: PUBBLICATO IL BANDO DI SELEZIONE
CENSIS: IL 65% DEI GIOVANI IN PENSIONE CON MENO DI 1.000 EURO
ISTAT: A RISCHIO IL RICAMBIO GENERAZIONALE
RAPPORTO INPS: IL 2014 SI CHIUDE IN PASSIVO

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

BILANCIO RECORD E CRISI UCRAINA AL CENTRO DELLA 45° ASSEMBLEA DI SOLIDARIETA’ VENETO

Dopo due anni, sono tornati a incontrarsi in “presenza” i duecento delegati componenti l’Assemblea del fondo pensione regionale, riuniti per approvare il Bilancio 2021 e affrontare le complessità dello scenario attuale, fortemente influenzato dal conflitto in Ucraina. Il 2021 è stato forse il miglior esercizio nei 32 anni di attività del Fondo: gli associati crescono

I rendimenti del 1° trimestre 2022. “Signori si cambia” …

…verrebbe da dire osservando i mercati finanziari nel primo trimestre: dopo tre anni di “segni +”, il conflitto russo-uscraino ed il rialzo dei tassi colpiscono infatti azioni e obbligazioni, penalizzando il risparmio nel breve termine. Guardando oltre non mancano tuttavia interessanti opportunità. Sono passati soltanto tre mesi dalla fine del 2021, con gli ottimi risultati

AL VIA LA CAMPAGNA FISCALE: COME DICHIARARE I VERSAMENTI AL FONDO PENSIONE?

Tempo di modello 730: da poche settimane, la campagna fiscale 2022 è ufficialmente iniziata e dal 23 maggio sarà disponibile la dichiarazione precompilata online. Tutte le info utili sui contributi versati al fondo pensione. Deducibilità, fiscalità del welfare aziendale e dei premi di risultato: temi che, in fase di presentazione della dichiarazione dei redditi, raccolgono

Torna su