Pensioni INPS: pubblicati i dati 2013

I pensionati

Nel 2013 l’INPS ha erogato 23.322.000 pensioni per una spesa totale di circa 272,746 miliardi di euro, pari al 16,86% del PIL italiano. Tra questi, il 67,1% è titolare di una sola pensione, il 25,1% ne percepisce due e il 7,8% percepisce almeno tre pensioni; per questo il numero complessivo dei pensionati è circa 16.393.000.

Alla fine dello scorso anno, in Italia il rapporto è di 71 pensionati ogni 100 occupati, un dato in linea con l’anno precedente. Se focalizziamo l’attenzione al Nord, il rapporto scende a 65 pensionati ogni 100 occupati.

Guardando all’età, tre quarti dei pensionati ha più di 64 anni: il 51% ha tra i 64 e i 79 anni e il 24,1% ha più di 80 anni d’età. Al contempo, esiste anche una quota consistente di età inferiore: il 21,2% dei pensionati ha un’età compresa tra 40 e 64 anni e il 3,7% ha meno di 40 anni.

L’importo delle pensioni

L’importo medio annuo delle pensioni è di 11.695 euro, in crescita di 213 euro annui rispetto all’anno precedente.

Il 33,7% delle pensioni è di importo mensile inferiore a 500 euro e il 32,4% raggruppa le prestazioni con importo compreso tra i 500 e 1.000 euro al mese. Poiché, come abbiamo visto in apertura, più trattamenti possono essere erogati allo stesso beneficiario, i pensionati che percepiscono meno di 1.000 euro al mese sono circa il 41%; circa il 39%, invece, riceve tra 1.000 e 2.000 euro mensili. Gli importi erogati agli uomini sono mediamente più elevati di quelli percepiti dalle donne.

Nel 2013 i nuovi pensionati sono stati quasi 560.000, con un importo medio di circa 13.152 euro, sensibilmente inferiore ai 15.303 euro annui percepiti da coloro che invece hanno smesso di percepire la pensione nello scorso anno.

Puoi leggere il comunicato completo sul sito dell’INPS

Potrebbe interessarti anche:
2014: rischio svalutazione contributi INPS
Rapporto annuale INPS 2013
Tfr in busta: ne vale la pena?
Conoscere i “minibond” in 5 semplici passi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su