Previdenza

Pensioni INPS: pubblicati i dati 2013

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

I pensionati

Nel 2013 l’INPS ha erogato 23.322.000 pensioni per una spesa totale di circa 272,746 miliardi di euro, pari al 16,86% del PIL italiano. Tra questi, il 67,1% è titolare di una sola pensione, il 25,1% ne percepisce due e il 7,8% percepisce almeno tre pensioni; per questo il numero complessivo dei pensionati è circa 16.393.000.

Alla fine dello scorso anno, in Italia il rapporto è di 71 pensionati ogni 100 occupati, un dato in linea con l’anno precedente. Se focalizziamo l’attenzione al Nord, il rapporto scende a 65 pensionati ogni 100 occupati.

Guardando all’età, tre quarti dei pensionati ha più di 64 anni: il 51% ha tra i 64 e i 79 anni e il 24,1% ha più di 80 anni d’età. Al contempo, esiste anche una quota consistente di età inferiore: il 21,2% dei pensionati ha un’età compresa tra 40 e 64 anni e il 3,7% ha meno di 40 anni.

L’importo delle pensioni

L’importo medio annuo delle pensioni è di 11.695 euro, in crescita di 213 euro annui rispetto all’anno precedente.

Il 33,7% delle pensioni è di importo mensile inferiore a 500 euro e il 32,4% raggruppa le prestazioni con importo compreso tra i 500 e 1.000 euro al mese. Poiché, come abbiamo visto in apertura, più trattamenti possono essere erogati allo stesso beneficiario, i pensionati che percepiscono meno di 1.000 euro al mese sono circa il 41%; circa il 39%, invece, riceve tra 1.000 e 2.000 euro mensili. Gli importi erogati agli uomini sono mediamente più elevati di quelli percepiti dalle donne.

Nel 2013 i nuovi pensionati sono stati quasi 560.000, con un importo medio di circa 13.152 euro, sensibilmente inferiore ai 15.303 euro annui percepiti da coloro che invece hanno smesso di percepire la pensione nello scorso anno.

Puoi leggere il comunicato completo sul sito dell’INPS

Potrebbe interessarti anche:
2014: rischio svalutazione contributi INPS
Rapporto annuale INPS 2013
Tfr in busta: ne vale la pena?
Conoscere i “minibond” in 5 semplici passi

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su