Pensioni: flessibilità in uscita grazie alla complementare

Rispetto alla flessibilità in uscita (l’APE), che ormai sembra verrà strutturata attraverso il meccanismo del prestito, dal Governo spunta un’ulteriore novità, particolarmente interessante per chi ha aderito ad un fondo pensione.

Siamo ancora alle indiscrezioni (riportate anche da Il Sole 24 Ore), ma il Governo, e in particolare il sottosegretario alla Presidenza Nannicini, sembra stia lavorando ad una soluzione per rendere meno gravosa l’uscita flessibile dal mondo del lavoro.

La nuova proposta sarebbe rivolta ai lavoratori over63 anni che abbiano aderito alla previdenza complementare e vogliano accedere alla pensione in anticipo rispetto a quanto previsto dalla normativa, avvalendosi dell’APE.

Rita: ipotesi di funzionamento



In pratica, il lavoratore con le caratteristiche appena individuate, potrà incassare da subito una parte della pensione integrativa dal proprio fondo pensione, per ridurre gli effetti della penalizzazione prevista dall’Anticipo pensionistico (APE).

Con questa nuova possibilità, per cui sembra sia pronto anche il nuovo acronimo Rita (Rendita integrativa temporanea anticipata), il lavoratore potrà integrare il suo reddito nei mesi di anticipo utilizzando i risparmi previdenziali accantonati nel fondo pensione e quindi richiedere un “prestito Ape” inferiore (per esempio del 50%).

Con l’obiettivo di rendere strutturale questo intervento, la prima sperimentazione dovrebbe durare tre anni e interessare i lavoratori nati tra il 1951 e il 1953 (compresi i dipendenti pubblici).

Se le indiscrezioni dovessero essere confermate, questo intervento andrebbe a rafforzare il ruolo della previdenza complementare, avvalorando ulteriormente la scelta dei lavoratori che hanno destinato il loro risparmio previdenziale ai fondi pensione.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
PENSIONI, ARRIVA L’APE. RENZI CONFERMA LA FLESSIBILITÀ
PENSIONI: COSA C’È NELLA BUSTA ARANCIONE?
CANTIERE PREVIDENZA: SI PUNTA ANCHE ALLA “COMPLEMENTARE”
AL VIA LA BUSTA ARANCIONE (STAVOLTA È VERO)
“BUSTA ARANCIONE”: I NUMERI IN VENETO
PENSIONI: PADOAN RIAPRE IL CANTIERE
FLESSIBILITÀ IN USCITA, DAMIANO: SE NON ORA, QUANDO?
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
BARETTA: AL LAVORO PER LA FLESSIBILITÀ
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su