Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Previdenza

Pensioni: flessibilità in uscita grazie alla complementare

Facebook
Twitter
LinkedIn

Rispetto alla flessibilità in uscita (l’APE), che ormai sembra verrà strutturata attraverso il meccanismo del prestito, dal Governo spunta un’ulteriore novità, particolarmente interessante per chi ha aderito ad un fondo pensione.

Siamo ancora alle indiscrezioni (riportate anche da Il Sole 24 Ore), ma il Governo, e in particolare il sottosegretario alla Presidenza Nannicini, sembra stia lavorando ad una soluzione per rendere meno gravosa l’uscita flessibile dal mondo del lavoro.

La nuova proposta sarebbe rivolta ai lavoratori over63 anni che abbiano aderito alla previdenza complementare e vogliano accedere alla pensione in anticipo rispetto a quanto previsto dalla normativa, avvalendosi dell’APE.

Rita: ipotesi di funzionamento



In pratica, il lavoratore con le caratteristiche appena individuate, potrà incassare da subito una parte della pensione integrativa dal proprio fondo pensione, per ridurre gli effetti della penalizzazione prevista dall’Anticipo pensionistico (APE).

Con questa nuova possibilità, per cui sembra sia pronto anche il nuovo acronimo Rita (Rendita integrativa temporanea anticipata), il lavoratore potrà integrare il suo reddito nei mesi di anticipo utilizzando i risparmi previdenziali accantonati nel fondo pensione e quindi richiedere un “prestito Ape” inferiore (per esempio del 50%).

Con l’obiettivo di rendere strutturale questo intervento, la prima sperimentazione dovrebbe durare tre anni e interessare i lavoratori nati tra il 1951 e il 1953 (compresi i dipendenti pubblici).

Se le indiscrezioni dovessero essere confermate, questo intervento andrebbe a rafforzare il ruolo della previdenza complementare, avvalorando ulteriormente la scelta dei lavoratori che hanno destinato il loro risparmio previdenziale ai fondi pensione.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
PENSIONI, ARRIVA L’APE. RENZI CONFERMA LA FLESSIBILITÀ
PENSIONI: COSA C’È NELLA BUSTA ARANCIONE?
CANTIERE PREVIDENZA: SI PUNTA ANCHE ALLA “COMPLEMENTARE”
AL VIA LA BUSTA ARANCIONE (STAVOLTA È VERO)
“BUSTA ARANCIONE”: I NUMERI IN VENETO
PENSIONI: PADOAN RIAPRE IL CANTIERE
FLESSIBILITÀ IN USCITA, DAMIANO: SE NON ORA, QUANDO?
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
BARETTA: AL LAVORO PER LA FLESSIBILITÀ
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti di agosto 2022. Termina il “Sogno di una notte di mezza estate”. 

Un mese fa, cercando di “raffreddare gli animi” di fronte agli straordinari rialzi di luglio, sottolineavamo che l’economia globale, infilatasi da inizio anno in un diabolico labirinto, sembrava ancora lontana dal trovare il “filo di Arianna”. Ad agosto si ritorna con i piedi per terra.  Non vi è pace per l’investitore in questo tormentato 2022,

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

Torna su