Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Previdenza

Padoan: pensioni, la flessibilità avrà un costo

Facebook
Twitter
LinkedIn

Brevi accelerazioni e brusche frenate. È così che si procede nel percorso (piuttosto arduo) che dovrebbe portare all’introduzione della “flessibilità in uscita”.

Dopo l’apertura pronunciata davanti alle Commissioni riunite Bilancio e Lavoro di Camera e Senato, il Ministro Padoan schiaccia il pedale del freno: «l’idea che si possa fare a costo zero è semplicemente inesatta».


Lo scorso 26 settembre, infatti, Pier Carlo Padoan si è espresso sulla tanto chiacchierata flessibilità nell’accesso al pensionamento: «L’operazione costa, bisogna vedere come viene attribuito questo costo e a chi».

Problema coperture finanziarie, ma non solo. Il Ministro teme che eventuali interventi di riforma delle pensioni possano non essere graditi dall’Unione Europea e minare una «credibilità acquisita in Europa dal nostro sistema previdenziale, apprezzato oggi come il più equilibrato».

Il Presidente INPS Tito Boeri, invece, accelera. In un suo intervento ad Assisi ha dichiarato: «credo che oggi ci siano le condizioni per fare veramente l’ultima riforma delle pensioni», interrompendo così una lunga lista di riforme, iniziata ancora negli anni ’90.

Per mettere in atto tali modifiche, Boeri sostiene siano sufficienti «piccoli interventi su chi ha avuto trattamenti eccessivamente di favore e sulla sostenibilità del sistema», con il risultato di rendere «il patto tra le generazioni più equo e sostenibile, che regga la sfida economica e quella demografica».

Chi sarà il prossimo ad accelerare (o frenare)?

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
PENSIONI: FLESSIBILITÀ… A COSTO ZERO?
COME SARÀ LA PENSIONE DI DOMANI?
PENSIONI, RENZI: ALLO STUDIO RIFORMA, CON NUOVI PALETTI
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
CENSIS: IL 65% DEI GIOVANI IN PENSIONE CON MENO DI 1.000 EURO
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI
FORNERO: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA, CON TAGLI DEL 3,5%
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

CCNL Industria CEMENTO, CALCE, GESSO : DA LUGLIO, SALE IL CONTRIBUTO AZIENDALE

Dal 1° luglio 2024 aumenta il contributo aggiuntivo a carico azienda. Più risparmio previdenziale per i dipendenti iscritti ai fondi pensione contrattuali. Un altro settore, quello del CCNL Industria Cemento, Calce e Gesso, registra un incremento delle contribuzioni a favore della previdenza complementare dei lavoratori. Dal 1° luglio 2024, come previsto dall’accordo di rinnovo del 15/03/2022, è previsto

CCNL Industria LAPIDEI E MARMOMACCHINE : DA LUGLIO, IL CONTRIBUTO AZIENDALE SALE AL 2,90%

Dal 1° luglio, sarà in vigore la nuova aliquota contributiva stabilita nel rinnovo contrattuale sottoscritto il 24/11/2022. Importanti novità per i lavoratori del settore. Dal 1° luglio 2024, la contribuzione a carico del datore di lavoro passerà dall’attuale 2,70% al 2,90% calcolato sulla retribuzione utile al calcolo del TFR. Nulla cambia, invece, per il contributo

CCRL ARTIGIANO – COMUNICAZIONE: NUOVO CONTRIBUTO AZIENDA, NUOVA PRESTAZIONE EBAV

Da gennaio 2024, i lavoratori artigiani del comparto “comunicazione” beneficiano di un nuovo contributo riconosciuto dal datore di lavoro: arriva il “contributo contrattuale veneto”. Il recente rinnovo del CCRL Comunicazione Artigiano ha introdotto non poche novità per i lavoratori del settore. Le Parti firmatari dell’accordo, nell’intento di valorizzare il ruolo della previdenza complementare per i lavoratori

Torna in alto