Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Normativa

Modifiche statutarie

Facebook
Twitter
LinkedIn

Il documento in deposito, approvato dalla Commissione il 26 marzo scorso, contiene le modifiche statutarie introdotte dal CdA di Solidarietà Veneto il 9 ottobre 2014.

In funzione di quanto disciplinato dall’articolo 36 dello Statuto, il Consiglio di Amministrazione ha infatti provveduto ad apportare allo Statuto le modifiche che si sono rese necessarie in seguito all’acquisizione, da parte degli uffici del fondo, di due accordi stipulati dalle Parti Istitutive.

Accordo Confimi Imprese Verona Vicenza



L’Accordo, stipulato dalle Parti Istitutive del Fondo e da Confimi Verona – Vicenza in data 30 luglio 2014 a favore delle aziende dalla stessa associazione rappresentate, conferma la possibilità di adesione per i lavoratori dipendenti da imprese, che svolgono la loro attività in Veneto, rappresentate da Confimi Impresa Verona – Vicenza ovvero ai quali sia applicata la contrattazione sottoscritta dalla stessa associazione od alla sue emanazioni.

Accordo “Prestazioni accessorie”



L’Accordo, stipulato dalle Parti Istitutive in data 1/10/2014, prevede che il Fondo si attivi, compatibilmente con le esigenze amministrative che saranno individuate dagli organi, nel completare l’attuale offerta previdenziale con uno schema di prestazioni accessorie che preveda, in prima istanza, le tipologie “invalidità” e “caso morte”.

L’Accordo prevede inoltre che la contribuzione dedicata alle prestazioni accessorie debba corrispondere alle previsioni dalla contrattazione di primo o di secondo livello, per ciascun ambito lavorativo ove tale istituto sussista.

Allo stato attuale si osserva che le categorie lavorative interessate da tale possibilità sono quelle riconducibili ai contratti Chimica, Ceramica e Moda di “Confindustria”, Parte datoriale interessata in via diretta alla sottoscrizione dell’Accordo.

Gli Uffici del fondo hanno già attivato tutte le procedure per del bando di gara pubblico di selezione del partner cui affidare la gestione di tali prestazioni. Nei prossimi giorni pubblicheremo un primo approfondimento sul tema, continua a seguirci.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE…
L’ASSEMBLEA DEI DELEGATI APPROVA IL BILANCIO 2014
I RENDIMENTI DI MARZO 2015
TFR E FONDI PENSIONE: LA TASSAZIONE SUI RENDIMENTI
TFR IN BUSTA: SI O NO?
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti 2022:
Anno nuovo, vita (finanziaria) nuova!

L’“euforia” finanziaria di questi giorni, con le borse in ripresa e i più ottimisti che già pregustano un 2023 di riscossa per i mercati, potrebbe far sembrare “stonate” e lontane le valutazioni sul difficilissimo 2022, e sui fatti finanziari di dicembre. L’investitore previdenziale, tuttavia, osserva le convulsioni dei mercati con un certo distacco, cercando chiavi

ISEE 2023: SCADENZE E VALORI DA INDICARE

In questi giorni molti lavoratori stanno compilando la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per il calcolo dell’Isee. Quali dati inserire per gli iscritti al fondo pensione?

GENNAIO 2023: MESE DI AUMENTI CONTRATTUALI

Dai lavoratori della ceramica, agli addetti ai materiali refrattari, passando per il settore carta/cartotecnico, approfondiamo nel dettaglio chi e come percepirà i nuovi incrementi previsti a favore degli iscritti ai fondi pensione contrattuali. Importanti novità nel primo mese del 2023: alcuni settori della grande industria e dell’artigianato vedranno aumentare l’importo corrisposto a titolo di “contributo azienda”.

Scroll to Top