Luglio 2019: il secondo semestre delle “innovazioni” comincia sotto i migliori auspici.

Molti lettori avranno ricevuto, nelle settimane passate, l’informativa che descrive le modifiche all’asset allocation strategica di Solidarietà Veneto che, dall’inizio del secondo semestre, stanno diventando realtà. Ne abbiamo anticipato e descritto i contenuti in più occasioni ; da oggi possiamo invece cominciare a misurare gli effetti di queste novità che puntano ad incrementare i rendimenti attesi dei comparti Prudente, Reddito e Dinamico e, al tempo stesso, comprimere i rischi a cui è soggetto il risparmiatore previdenziale.

Un cambio di passo importante per la gestione del Fondo: lo sfidante contesto economico – finanziario degli ultimi anni ci impone crescente attenzione e capacità di innovazione. Ecco allora la maggiore diversificazione geografica, l’investimento in titoli di stato con più elevata duration , i nuovi benchmark (parametro di riferimento che sintetizza gli investimenti effettuati dai gestori), l’investimento sostenibile dal punto di vista “ESG” (Ambientale, Sociale e di Governo dell’impresa) e non solo.

Il “nuovo corso” comprende anche due nuove collaborazioni: dal 1° luglio sono infatti operativi i gestori Groupama (Comparto Reddito) ed Eurizon (per il Prudente), in sostituzione rispettivamente di Mediobanca e Candriam. I primi riscontri, sono positivi: non si giudicano certo i progetti pluriennali dopo un solo mese tuttavia, poiché si dice che “…chi ben inizia è a metà dell’opera”, possiamo certamente guardare al futuro con fiducia.

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE

Vediamo il rendimento di ciascun comparto nel mese di luglio:

Dinamico


Il +1,45% di luglio si aggiunge al buon risultato del primo semestre, per un rendimento netto da inizio anno (+7,63%; benchmark +8,76%) che è il migliore (nei sette mesi) dell’ultimo decennio! La discussione sui dazi “USA – Resto del Mondo”, i dubbi sulle prospettive economiche in Europa e le incertezze politiche (Brexit, ecc.), non hanno scalfito la fiducia degli operatori finanziari. Merito delle banche centrali (soprattutto BCE e FED): l’adozione di un atteggiamento accomodante (confermato anche di recente) ha infatti favorito la riduzione dei tassi sui titoli di stato europei, alimentando parallelamente il rialzo dei mercati azionari, che ha fatto da base per la performance del Dinamico.

Reddito


Il +0,94% di luglio consolida la performance 2019, che giunge alla soglia del 5% netto (+4,90%; benchmark +5,69%) Si tratta del miglior risultato (periodo gennaio – luglio) degli ultimi dieci anni ed il “merito”, come per il comparto Dinamico, va ricondotto in larga misura alla buona performance dei mercati azionari. In questo 2019, le banche centrali (FED e BCE soprattutto) hanno adottato nuovamente un atteggiamento espansivo, che ha favorito il positivo sentiment dei mercati. E se l’entusiasmo dovesse diminuire? Gli iscritti al “Reddito” potranno contare sulla “riserva di rendimento” maturata in questi mesi: una efficace protezione qualora dovesse ripresentarsi la volatilità (come accaduto lo scorso anno).

Prudente


Il comparto, nel quale prevale la componente obbligazionaria, ci offre risultati superiori alle aspettative. Grazie anche al +0,92% di luglio, la variazione del valore quota da inizio anno (+4,54%; benchmark +4,44%) spicca quale miglior risultato del decennio. Una performance determinata dal buon andamento delle borse, ma anche dall’incremento di valore dei titoli di stato presenti in portafoglio, che si manifesta in parallelo alla riduzione dei tassi di interesse. I numeri non devono indurre a pensare di poter avere rendimento senza rischio. Potremmo infatti descrivere i buoni risultati del 2019 come una sorta di “anticipo” di parte del risultato che, a tassi d’interesse stabili, sarebbe maturato in un arco di tempo più lungo. Un aspetto interessante, sul quale i nostri uffici sono disponibili per ogni approfondimento, specialmente a beneficio di chi si sta approssimando alla pensione.

Garantito Tfr


+0,19% il rendimento del mese; +1,22% quello da inizio anno (benchmark +0,15%). A 12 mesi alla scadenza del contatto con Cattolica Assicurazioni (gestore finanziario ed assicurativo del comparto), la performance supera il “minimo garantito” (rivalutazione del TFR) maturato nello stesso periodo (1,09% netto). Sappiamo peraltro che il risultato finanziario riveste, per gli iscritti al comparto, un interesse relativo: a prescindere dell’andamento del valore quota, infatti, potranno contare, al momento del pensionamento, sulla garanzia di restituzione del capitale e di un rendimento minimo pari appunto alla rivalutazione del TFR.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
CAMBIANO GLI SCENARI, CAMBIANO I COMPARTI DEL FONDO
IL GLOSSARIO DELLA FINANZA
1 LUGLIO 2019, SIGNORI SI CAMBIA
PRIMO SEMESTRE 2019 A GONFIE VELE
A TU PER TU CON IL DIRETTORE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su