Avvisi

Le scadenze del mese di dicembre

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

20 dicembre 2014

Per permetterne la corretta gestione, la modulistica relativa alle richieste di cambio comparto, anticipazione e liquidazione, accompagnata da tutta la documentazione prevista, dovrà pervenire ai nostri uffici, anche via mail, entro il 20 dicembre prossimo. Le richieste inviate successivamente, verranno prese in carico nel mese di gennaio.

Dove inviare la documentazione
La documentazione relativa al cambio comparto potrà essere inviata a: gestione@solidarietaveneto.it.

Le richieste di anticipazione e liquidazione, invece, potranno essere inoltrate a: liquidazioni@solidarietaveneto.it

Suggerimenti

  1. Assicurati di aver firmato la modulistica in tutti gli spazi indicati.
  2. Controlla di aver allegato la copia del tuo documento di identità e del tuo codice fiscale, ove richiesto.
  3. Per le richieste di anticipazione e liquidazione, verifica di aver compilato e firmato tutti gli allegati richiesti.
  4. Conserva una copia di tutta la documentazione inviata ai nostri uffici.

I versamenti volontari diretti

Ricordiamo che sono deducibili fiscalmente al momento della Dichiarazione dei Redditi relativa all’anno 2014, i versamenti volontari diretti al fondo effettuati entro il 31 dicembre 2014.

Tutti i versamenti volontari effettuati entro il 20 dicembre prossimo, verranno investiti nel/i comparto/i con valore quota di dicembre stesso. Eventuali versamenti eseguiti dopo tale data, fermo restando lo “sconto fiscale” in sede di Dichiarazione, verranno investiti con valore quota del mese successivo, cioè gennaio 2015.

I contributi non dedotti

Ai sensi dell’art. 1, comma 2, del D.Lgs. 252/05 entro il 31 dicembre 2014 è necessario comunicare agli Uffici del fondo l’importo dei contributi che non sono stati dedotti in sede di dichiarazione dei redditi nell’anno 2013 in quanto eccedenti la quota di deducibilità prevista dalla vigente normativa (pari a 5.164,56 €). L’importo da indicare non deve comprendere la quota di contribuzione riferibile al TFR.

Si ricorda che con la presente comunicazione non devono essere indicati gli eventuali contributi versati a favore di familiari fiscalmente a carico. In tale ipotesi, il familiare interessato deve effettuare analoga separata comunicazione alla forma previdenziale cui è iscritto, segnalando che l’ammontare dei contributi versati e non dedotti, non è stato dedotto neanche dal soggetto di cui è fiscalmente a carico.

Gli uffici del Fondo e i nostri referenti di zona sono a completa disposizione per fornirti tutta l’assistenza di cui hai bisogno; contattaci.

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

SOLIDARIETA’ VENETO ASSUME: RESPONSABILE AMMINISTRATIVO E DEL PERSONALE

Solidarietà Veneto, fondo pensione negoziale più diffuso tra i lavoratori del Veneto e realtà in forte crescita, ricerca un Responsabile Amministrativo e del Personale. La figura, riportando direttamente al Direttore dovrà assicurare il presidio e la gestione dei processi amministrativi e del personale, così come di seguito declinato. AREA AMMINISTRATIVA organizzazione e gestione degli adempimenti contabili,

I rendimenti al 31 luglio. E’ l’anno dell’Italia sportiva. Anche per quella finanziaria?

Ci siamo lasciati a giugno commentando l’entusiasmo che respiravamo nella quotidiana attività di consulenza finanziaria. Un ottimismo generale, ispirato anche dal procedere a pieno regime della manifattura veneta e, come scordarlo, dai successi della nazionale italiana di calcio…   …ci ritroviamo oggi a commentare i rendimenti di luglio e, a quanto pare… non ci siamo

COPERTURE ACCESSORIE CASO MORTE – INVALIDITA’ PERMANENTE: PUBBLICATO BANDO DI GARA

ESTRATTO DI BANDO Il Consiglio di Amministrazione di “SOLIDARIETA’ VENETO – FONDO PENSIONE”, iscritto alla Sezione I dell’Albo tenuto dalla COVIP con il n. 87, ha deliberato di procedere alla selezione di una Compagnia di assicurazione con cui stipulare una Convenzione per una polizza collettiva per la copertura del rischio “Temporanea Caso Morte e Invalidità

Torna su