Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Fiscalità

Lavoratori autonomi: info su versamenti e tassazione

Facebook
Twitter
LinkedIn

IL VERSAMENTO

La normativa attualmente in vigore (e non sottoposta a modifica da parte del disegno di legge di stabilità 2015), stabilisce che i versamenti effettuati a Solidarietà Veneto siano deducibili fiscalmente fino ad un massimo di 5.164 euro all’anno.

In questo senso, occorre subito precisare la distinzione tra deducibilità (quella applicata ai versamenti al fondo pensione) e detraibilità. Gli oneri detraibili riducono l’imposta una volta che è già stata calcolata; gli oneri deducibili, invece, riducono la base imponibile (cioè il reddito) su cui verranno calcolate le imposte.

Quali sono le implicazioni fiscali? Vediamole.

LO SCONTO FISCALE

I versamenti a Solidarietà Veneto, come abbiamo visto, abbattono il reddito e quindi l’importo su cui viene calcolata la tassazione.

Quanto maggiore è il reddito, tanto più elevata sarà l’aliquota marginale IRPEF e quindi tanto maggiore sarà il lo “sconto fiscale” che ne consegue.

Gli scaglioni e le relative aliquote marginali Irpef vigenti, alle quali andranno sommate le addizionali comunali e regionali (mediamente pari a circa l’1,5%), sono le seguenti:

Vediamo un esempio: il lavoratore autonomo o l’imprenditore artigiano, con reddito di circa 20.000 euro, che effettua un versamento volontario a Solidarietà Veneto di 2.000 euro a Solidarietà Veneto, beneficia di una riduzione della tassazione pari a circa 570 euro già nella prossima Dichiarazione dei Redditi.

LA GESTIONE DEL VERSAMENTO

Il versamento è libero e non vincolante. L’importo verrà stabilito di volta in volta, senza limiti minimi e massimi e senza scadenze.

Per eseguirlo, è sufficiente eseguire un bonifico bancario dell’importo desiderato sul conto corrente: IT 88 G 03163 01696 076025930287 intestato a Solidarietà Veneto, presso State Street Bank (Milano).

Il versamento andrà a buon fine specificando nella causale del bonifico la sigla “SODEVEN” seguita da: codice fiscale, cognome e nome dell’iscritto. Ad esempio, l’iscritto Mario Rossi dovrà utilizzare la seguente causale “SODEVEN RSSMRA70A01L736S ROSSI MARIO”.

L’utilizzo della causale corretta è un passaggio fondamentale; per qualsiasi dubbio i nostri uffici e i referenti di zona sono a completa disposizione.


LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

Al momento della Dichiarazione dei Redditi, per il riconoscimento dello “sconto fiscale”, occorrerà presentare copia dell’ordine di bonifico effettuato accompagnata dalla comunicazione attestante l’effettivo versamento effettuato, che Solidarietà Veneto provvederà ad inviare agli interessati indicativamente alla fine del mese di febbraio di ogni anno.

Per beneficiare dei vantaggi fiscali già nella prossima Dichiarazione, è necessario effettuare il versamento entro il 31 dicembre 2014.

Meno tasse e più pensione per i lavoratori autonomi.
Due esigenze, una sola soluzione. Con Solidarietà Veneto si può.

Potrebbe interessarti anche:
Le scadenze di dicembre 2014
Ddl stabilità: un intervento che guarda lo specchietto retrovisore
Conoscere i “minibond” in 5 semplici passi
Investimenti e territorio: Solidarietà Veneto c’è

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti di agosto 2022. Termina il “Sogno di una notte di mezza estate”. 

Un mese fa, cercando di “raffreddare gli animi” di fronte agli straordinari rialzi di luglio, sottolineavamo che l’economia globale, infilatasi da inizio anno in un diabolico labirinto, sembrava ancora lontana dal trovare il “filo di Arianna”. Ad agosto si ritorna con i piedi per terra.  Non vi è pace per l’investitore in questo tormentato 2022,

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

Torna su