Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Gestione Finanziaria

La quiete… prima della tempesta? I rendimenti del mese di novembre 2018

Facebook
Twitter
LinkedIn

Dodici mesi fa raccontavamo della sorprendente stabilità del 2017…

Oggi, all’opposto, osserviamo stupiti l’altrettanto eccezionale volatilità del 2018 (forse con un po’ di nostalgia per l’anno passato).

La spiegazione?
Sta forse terminando uno dei più lunghi periodi di forte, seppur molto disomogenea, crescita economica: la propulsione che ha alimentato il “ciclo”, ossia le politiche espansive delle Banche Centrali (FED e BCE in primis), sembra agli sgoccioli e ciò determina una notevole incertezza per il futuro.

Il peggioramento del sentiment è stato più evidente nella seconda metà dell’anno e sta avendo effetto su tutte le asset class, persino sui classici beni rifugio come l’oro.

Così, commentando i principali indicatori economici – recentemente aggiornati – appare con crescente insistenza un termine: recessione.

L’attenzione va agli Stati Uniti, da sempre anticipatori del ciclo: cosa accadrà, infatti, se l’economia USA dovesse rallentare?

Valentina Scarpa, gestore UNIPOL per i “mandati istituzionali”, conferma che

Al momento nessuna altra Area sembra in grado di sostituirsi agli USA quale locomotiva per la crescita globale”. Il cambio di scenario, dopo anni di crescita, appare quasi fisiologico, ci si chiede però quanto violenta possa essere la correzione. “Lo scenario più probabile per i prossimi mesi sia quello di un cosiddetto “soft landing”, vale a dire un rallentamento, ma non una recessione. Il contesto economico globale permane complessivamente favorevole.”

La view di Unipol trova fondamento nella stabilizzazione dello scenario USA:


La stessa ripresa dei mercati USA registrata a novembre trova supporto nel preannunciato stop nel progressivo rialzo dei tassi USA e nella tregua di 90 giorni sul fronte commerciale con la Cina.

È invece l’Area Euro a confermarsi quale “zona calda”:

“l’incertezza politica riguarda principalmente il nostro Paese e la dialettica in atto con l’Unione Europea sulla legge di bilancio. Ma anche il tema Brexit è entrato nel vivo. Sul fronte politico italiano la posizione più accomodante dell’esecutivo sul tema del rapporto deficit/PIL contenuto nella legge di bilancio, al fine di evitare la procedura di infrazione da parte della UE, ha portato a un restringimento dello spread nelle ultime settimane.“

Insomma, pare proprio che novembre sarà ricordato come mese positivo (anche per i Comparti di Solidarietà Veneto), ma nel mezzo di uno periodo un po’ cupo, soprattutto come prospettive.

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE


Vediamo ora come i comparti di Solidarietà Veneto hanno reagito nel mese di novembre:

Dinamico



Novembre chiude positivamente (+0,26%), consentendo alla performance annuale di restare aggrappata alla soglia di parità (-0,19% netto; benchmark: + 0,58%): un risultato che conferma il comparto dedicato ai più giovani fra i migliori nella sua categoria, in questo complesso 2018. Se, peraltro, i mercati azionari continuassero a scontare l’ipotizzato scenario recessivo, ci sarà da attendersi, per il Dinamico, qualche segno “-”. Un boccone amaro, peraltro facilmente digeribile alla luce dello sfavillante +82% netto, accumulato negli ultimi 10 anni.

Reddito



Il positivo risultato di novembre (+0,24%) deriva dalla ripresa dei mercati azionari, ma anche dalle buone performance dell’obbligazionario e, più nello specifico, dei titoli di stato Italiani, in recupero grazie al parziale restringimento dello spread Btp- Bund. Così anche il Reddito, grazie alla sua forte diversificazione, riesce a chiudere i primi undici mesi di quest’anno così sfidante, alla soglia della parità e, con lo -0,07% netto da inizio anno (benchmark +0,34%), si conferma fra i più solidi prodotti disponibili nel medesimo segmento. Se poi i mercati dovessero subire, nei prossimi mesi, le aspettative negative sull’economia, siamo certi che l’assetto difensivo del Reddito, saprà proteggere efficacemente l’abbondante rendimento (+40% netto) accumulato negli ultimi 10 anni.

Prudente



Cresce anche a novembre (+0,41% netto) il valore quota del Comparto a vocazione “socialmente responsabile”; centrale, in tal senso, la minore sensibilità del comparto alle volatilità dei mercati azionari ed il parallelo rialzo dei titoli di Stato, specialmente quelli italiani (riduzione dello spread). La performance maturata da inizio anno (+0,48% netto; benchmark +0.82%) è, sorprendentemente, una delle migliori (in assoluto) per la previdenza complementare del nostro paese nel 2018. Un risultato per nulla scontato, dato anche il periodo di notevole volatilità, e che lascia ben sperare (in termini di protezione del rendimento accumulato) anche se gli senari finanziari dovessero deteriorarsi.

Garantito Tfr



Continua il recupero del valore quota rispetto ai minimi di maggio-giugno. La parziale riduzione dello spread registrata nel mese, ha infatti prodotto un rialzo del valore dei titoli di stato italiani, che ha determinato la positiva performance di novembre (+0,47%). Come sappiamo, il Comparto è dotato di “garanzia assicurativa” ed offre a chi giunge al prelievo finale, la restituzione del capitale versato e di un rendimento minimo almeno pari alla rivalutazione netta del TFR. Tale garanzia resta il punto di forza del comparto: nel turbolento 2018, con il valore quota fermo a -1,53% da inizio anno (benchmark -0,46%), i pensionandi potranno contare su un rendimento minimo garantito pari a +1,82% (rivalutazione netta del TFR nel 2018).

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
GARANTITO TFR: UN OMBRELLO PER RIPARARSI DALL’INFLAZIONE E DAL RIALZO DEI TASSI
IL GLOSSARIO DELLA FINANZA
PRESTAZIONI ACCESSORIE: COSA SONO E PERCHE’ ATTIVARLE

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

CCNL Industria CEMENTO, CALCE, GESSO : DA LUGLIO, SALE IL CONTRIBUTO AZIENDALE

Dal 1° luglio 2024 aumenta il contributo aggiuntivo a carico azienda. Più risparmio previdenziale per i dipendenti iscritti ai fondi pensione contrattuali. Un altro settore, quello del CCNL Industria Cemento, Calce e Gesso, registra un incremento delle contribuzioni a favore della previdenza complementare dei lavoratori. Dal 1° luglio 2024, come previsto dall’accordo di rinnovo del 15/03/2022, è previsto

CCNL Industria LAPIDEI E MARMOMACCHINE : DA LUGLIO, IL CONTRIBUTO AZIENDALE SALE AL 2,90%

Dal 1° luglio, sarà in vigore la nuova aliquota contributiva stabilita nel rinnovo contrattuale sottoscritto il 24/11/2022. Importanti novità per i lavoratori del settore. Dal 1° luglio 2024, la contribuzione a carico del datore di lavoro passerà dall’attuale 2,70% al 2,90% calcolato sulla retribuzione utile al calcolo del TFR. Nulla cambia, invece, per il contributo

CCRL ARTIGIANO – COMUNICAZIONE: NUOVO CONTRIBUTO AZIENDA, NUOVA PRESTAZIONE EBAV

Da gennaio 2024, i lavoratori artigiani del comparto “comunicazione” beneficiano di un nuovo contributo riconosciuto dal datore di lavoro: arriva il “contributo contrattuale veneto”. Il recente rinnovo del CCRL Comunicazione Artigiano ha introdotto non poche novità per i lavoratori del settore. Le Parti firmatari dell’accordo, nell’intento di valorizzare il ruolo della previdenza complementare per i lavoratori

Torna in alto