Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Approfondimenti

Istat: l’Italia continua ad invecchiare

Facebook
Twitter
LinkedIn

Al 31 dicembre 2014 risiedono in Italia 60.795.612 persone, di cui più di 5 milioni (8,2%) di cittadinanza straniera.

La popolazione in età attiva (15-64 anni), ha comunicato l’Istat, prosegue la sua contrazione passando da un valore superiore al 65% nel 2011 al 64,5% nel 2014. Continua anche la riduzione della popolazione con meno di 15 anni di età: al 31 dicembre 2014 è pari al 13,8%, 2 punti decimali in meno rispetto al 2011.

Nel quadro del processo di invecchiamento risulta in aumento, come di consueto, la popolazione anziana (65 anni e oltre) che è pari al 21,7%, quasi un punto percentuale in più rispetto al 2011.

L’età media della popolazione è pari a 44,4 anni, risultando in costante aumento di due decimi all’anno nel periodo 2011-2014.

Crescono anche i “grandi vecchi” (80 anni e più); nel 2014 sono pari al 6,5% della popolazione. Le persone ultracentenarie, in vita al 31 dicembre 2014, sono 19.000 (3.000 uomini e 16.000 donne).

Le persone con almeno 105 anni sono più di 800, di cui un centinaio di genere maschile. Infine, le persone ultracentenarie (110 anni e oltre) sono 18, tutte di genere femminile.

La piramide della popolazione



Per comprendere meglio come si stia evolvendo la struttura demografica del nostro paese, è utile osservare la “piramide della popolazione” (qui sotto).

In soli 10 anni, appare evidente come la piramide si stia “rovesciando”, con la base (i giovani) che si assottiglia sempre più.

A livello territoriale, nel Nord e nel Centro del Paese la percentuale di giovani fino a 14 anni è in costante declino: 13,7% al Nord e 13,4% al Centro. Nelle stesse ripartizioni i residenti con 65 anni e oltre hanno oltrepassato la quota del 22% del totale mentre quelli con 80 anni e oltre sono circa il 7%.

Nel Mezzogiorno, invece, il disequilibrio tra giovani e anziani è più contenuto: al 19,8% di over 65 si contrappone un 14,2% di giovani fino a 14 anni di età.

Ricambio generazionale a rischio



L’Istat conferma anche quanto evidenziato anche nel nostro articolo dello scorso febbraio; nel 2014 il saldo naturale (differenza tra nati e morti) è negativo per 95.768 unità: è il picco negativo mai raggiunto dal biennio 1917-18 (ultimi due anni del primo conflitto mondiale). Lo scorso anno sono state registrate 502.596 nascite e 598.364 decessi.

Il numero dei nati è diminuito rispetto al 2013 (-11.712, pari a -2,3%), secondo il trend
registrato a partire già dal 2009. Il calo si registra in tutte le ripartizioni territoriali in misura piuttosto uniforme e principalmente nelle regioni del Nord-est (-3,0%).

Si conferma così la tendenza alla diminuzione delle nascite già osservata negli anni 2009-2013: sono circa 75.000 in meno i nati negli ultimi cinque anni.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
GLI ITALIANI TEMONO IL RISCHIO NON AUTOSUFFICIENZA
ISTAT: A RISCHIO IL RICAMBIO GENERAZIONALE
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
RAPPORTO INPS: IL 2014 SI CHIUDE IN PASSIVO
PENSIONE: SONO PESSIMISTA, MA NON SO PERCHÉ
CENSIS: IL 65% DEI GIOVANI IN PENSIONE CON MENO DI 1.000 EURO
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #3. LA SCELTA DEI COMPARTI E I RENDIMENTI ACCUMULATI

Dopo 6 mesi di tensioni finanziarie, la “terza puntata” di analisi della Relazione Covip “cade a fagiuolo”: l’approfondimento è infatti dedicato a rendimenti che, nel lungo periodo e soprattutto sui comparti azionari, restano soddisfacenti. Ma quali sono i benefici reali per gli iscritti? I rendimenti dei fondi pensione si misurano nel… lungo termine. L’affermazione, per quanto

Torna su