Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Previdenza

INPS: dal 2016 aumenta l’età per accedere alla pensione

Facebook
Twitter
LinkedIn

Dal 2016 scatterà l’adeguamento dei requisiti anagrafici e contributivi per l’accesso alla pensione, per effetto dei dati sulla speranza di vita diffusi dall’Istat.

A partire dal 1° gennaio 2016 ci vorranno quindi mediamente 4 mesi in più di lavoro rispetto a prima per raggiungere il traguardo previdenziale. Vediamo quali sono i nuovi requisiti.

Pensione di vecchiaia

Per la pensione di vecchiaia i requisiti restano differenti per le donne del settore privato rispetto alle donne del settore pubblico e agli uomini. Gli uomini, dipendenti o lavoratori autonomi, dovranno raggiungere i 66 anni e 7 mesi di età (fino a fine 2015 il limite è 66 anni e 3 mesi d’età). Lo stesso requisito è fissato per i lavoratori del pubblico impiego (uomini e donne).

Per le dipendenti del settore privato, invece, serviranno 65 anni e 7 mesi, contro i 63 anni e 9 mesi del requisito valido fino a dicembre 2015. Le lavoratrici autonome, invece, passeranno dagli attuali 64 anni e 9 mesi a 66 anni e 1 mese dal primo gennaio 2016.

Crescono anche i requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia prevista per chi ha cominciato a lavorare dal 1° gennaio 1996 (e quindi con una pensione calcolata interamente con il sistema contributivo); si passa da 63 e 3 mesi previsti fino a fine 2015 ai 63 e 7 mesi a partire dal 1° gennaio 2016.

In tutti i casi sono sempre richiesti almeno 20 anni di contributi.

Pensione anticipata

Attualmente, e fino alla fine del 2015, per accedere alla pensione anticipata, gli uomini devono aver accumulato almeno 42 anni e 6 mesi di contributi e le donne 41 anni e 6 mesi. Dal 2016, il requisito salirà a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne.

Perché questo aumento?

La legge n. 102 del 2009 aveva previsto l’adeguamento automatico triennale dell’età di pensionamento alla speranza di vita. Nel 2011, la riforma Fornero ha previsto, modificando il precedente criterio, scatti ogni due anni a partire dal 2019. Inoltre, sempre secondo quanto stabilito dalla riforma del 2011, l’adeguamento alla speranza di vita non riguarda più solo l’età pensionabile (pensione di vecchiaia), ma anche gli anni di contribuzione necessari per accedere alla pensione anticipata.

Potrebbe interessarti anche
Pensioni INPS: pubblicati i dati 2013
2014: rischio svalutazione dei contributi INPS
Rapporto annuale INPS 2013
TFR in busta: ne vale la pena?

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

LE PRESTAZIONI DEL FONDO PENSIONE:
LE ANTICIPAZIONI PER SPESE MEDICHE

Il fondo pensione è un solido strumento per costruire la propria serenità previdenziale, ma solidità non è sempre sinonimo di rigidità: la flessibilità offerta dagli anticipi può adattarsi alle diverse necessità, anche nei momenti più difficili. In questo approfondimento tratteremo il tema delle anticipazioni per “spese mediche” che risultano interessanti sotto più punti di vista.

Febbraio 2024: Allegro ma non troppo

Una sintesi “musicale”, per un mese nel quale tutti i comparti appaiono intonati positivamente, anche se con tinte differenti a seconda dei casi. Ancora una volta a guidare l’avanzamento sono i mercati azionari, capaci di inanellare una serie di record e di sfiorare, se non addirittura superare, i massimi di fine 2021. Nonostante le minacce

Disponibile il “Prospetto delle prestazioni pensionistiche 2023”

Disponibile oggi il “PROSPETTO DELLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE – FASE DI ACCUMULO” per tutti gli iscritti attivi al 31/12/2023 e con posizione superiore a € 100 ed almeno un versamento nell’anno precedente. Il documento è consultabile dalla sezione “I tuoi documenti” dell’area Area Iscritti. Per maggiori informazioni, rimandiamo all’articolo dedicato PROSPETTO DELLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE: DI COSA

Torna in alto