Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Previdenza

Il primo “timoniere” parte per il viaggio più lungo

Facebook
Twitter
LinkedIn

Nato a Monfalcone nel 1934, figlio di un operaio dei cantieri navali, impegnato sin da giovanissimo nell’associazionismo cattolico, entra anch’egli, a diciassette anni, nel grande complesso industriale della città natale, distinguendosi tra i giovani attivisti della Cisl.

Rientrato ai cantieri navali di Monfalcone, è eletto nella commissione interna di fabbrica nonostante la giovane età. Dal 1964 al 1971 è segretario provinciale della Filca di Mantova e nel 1969 viene anche eletto nella segreteria nazionale della stessa federazione.

Dal 1973 al 1986, dopo aver coordinato per qualche tempo il Triveneto, svolge il ruolo di segretario nazionale a tempo pieno, occupandosi degli aspetti organizzativi e amministrativi e intervenendo personalmente come commissario per risolvere le situazioni di crisi in tutto il territorio nazionale. Nel 1986 lascia la Filca e per tre anni lavora nel Cenasca-Cisl (Cooperative).

Andato in pensione nel 1989, contribuisce a costituire il fondo pensionistico regionale Solidarietà Veneto, divenendone il primo Presidente e mantenendo la carica dal 1990 al 1995.

In questo giorno così triste, in cui il nostro pensiero va alla famiglia di Giuseppe, vogliamo ricordarlo attraverso l’energia delle sue parole, proprio su Solidarietà Veneto, raccolte durante un’intervista rilasciata nel 2006: «Il Fondo per le pensioni integrative era un progetto di grande valore».

«Nasceva – proseguiva Colautti – sulla linea previdenziale della CISL della seconda metà degli anni ’80, su base contrattuale e riguardava particolarmente i lavoratori di piccole aziende. Un’autentica dimostrazione di come bisogna fare i sindacalisti: intelligenza, progetti, realizzazione».

«Accettai l’incarico (gratuito e con solo il rimborso delle spese vive) – ricorda – che mi fu proposto, nel settembre 1989, dal Segretario Generale della FILCA del Veneto, Isaia Beldì. Cominciai ad informarmi e a prendere contatti a destra e a manca. Ho scritto la bozza di statuto e siamo andati dal notaio».

Ed è così che è iniziata la storia di Solidarietà Veneto. Una storia nata dalla lungimiranza, dalla passione e dalla tenacia di un gruppo di persone che, guidate dall’eperienza e dalla statura umana di Giuseppe, volevano realizzare un sogno: aiutare i lavoratori a costruire un futuro più felice.

Commossi nel suo ricordo, il nostro impegno, è quello di custodire e difendere questi valori per permettere a quel sogno di continuare a realizzarsi, giorno dopo giorno.

Ciao “timoniere”. Ciao Giuseppe.

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Riscatto per decesso/premorienza, cosa cambia?

Cosa succede alla posizione accumulata in Solidarietà Veneto nel malaugurato caso venissimo improvvisamente a mancare?Si attiva il riscatto totale del fondo pensione, a favore dei soggetti designati. Già in vigore da aprile 2022, il termine “soggetti designati” indica le persone beneficiarie in caso di premorienza dell’aderente. In breve, i “soggetti designati” sono coloro che riceveranno

Rendimenti aprile 2024: cambia il clima

Dopo cinque mesi di continuo incremento, i mercati finanziari, in aprile, si prendono una pausa che appare perfino fisiologica e che riporta i rendimenti da inizio anno in una dimensione maggiormente allineata alle attese. Dopo un avvio d’anno “champagne”, con i mercati ai massimi e i rendimenti dei fondi in pieno recupero, il secondo trimestre

Torna in alto