Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Gestione Finanziaria

I rendimenti di ottobre 2015

Facebook
Twitter
LinkedIn

La parola d’ordine resta sempre quella: volatilità! Nessuna novità dunque? Tutt’altro.

Cambia infatti la “direzione” dei mercati, che hanno invertito la rotta, ricominciando a salire con vigore.

Gli analisti sostengono che la repentina svolta trovi giustificazione negli interventi delle banche centrali: il 22 ottobre il Presidente della BCE Mario Draghi ha confermato la volontà di proseguire ed eventualmente allargare il “Quantitative Easing” qualora l’economia non dovesse dare segnali di crescita duraturi.

I mercati finanziari (azionari ed obbligazionari) hanno cominciato a “brindare”.

All’opposto, nello stesso periodo, si sono rinforzate le aspettative circa un rialzo dei tassi USA da parte della FED (banche centrale degli Stati Uniti) anche entro fine anno. La conseguenza è stata il rialzo del dollaro.

Vediamo quali sono stati gli effetti di tali fenomeni nei quattro comparti del Fondo.

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE

Garantito Tfr



Il comparto caratterizzato da una maggior componente obbligazionaria ha fatto registrare un +0,87%, arrivando a +2,73% netto da inizio anno (benchmark +1,06%).Le dichiarazioni della BCE contribuiscono ad un ulteriore compressione dei rendimenti dei titoli di stato, ossia in un aumento di valore di quelli già presenti nel portafoglio. Il risultato da inizio anno è ben superiore al vero parametro di confronto, il rendimento del TFR (+1,16% da inizio anno).

Prudente



L’ 1,35% di ottobre porta il risultato netto da inizio anno a +2,07% netto (benchmark netto 2,69%). Similmente a quanto descritto per il comparto Garantito TFR, il Prudente beneficia del calo dei rendimenti sugli asset obbligazionari. Le aspettative sulle misure restrittive della Fed, hanno inoltre rafforzato il dollaro contro l’euro: cresce di conseguenza il valore dei titoli USA e ne trae vantaggio, in piccola parte, la quota azionario “mondo” presente nel Prudente.

Reddito



Il Reddito registra in ottobre un +2,26% netto, (+3,97% netto da inizio 2015 – benchmark netto 4,06%). Anche in questo caso la combinazione fra aumento del valore dei titoli obbligazionari e crescita dei mercati azionari consente al Comparto di chiudere il miglior mese di questo 2015, con il valore della quota che si riavvicina ai massimi toccati a maggio e luglio.

Dinamico



la maggior esposizione all’investimento azionario, lo abbiamo detto, comporta maggior volatilità. Se a settembre questo comparto aveva risentito più degli altri della “volatilità negativa”, ad ottobre ha beneficiato in misura maggiore della crescita dei mercati azionari. Il + 3,88% del mese (miglior mese dell’anno) e il +4,85% netto da inizio anno (benchmark netto +5,02%) riflettono proprio tale aspetto.

Approfondiamo: il benchmark



Cogliamo l’occasione per evidenziare un dettaglio contabile riferibile al confronto tra i rendimenti ed il benchmark, per l’anno 2015.

A seguito del regime di tassazione dei rendimenti introdotto dalla legge di stabilità dello scorso anno, nel mese di gennaio di quest’anno, è stato prelevato dal patrimonio dei comparti (secondo quanto previsto dalla Covip) l’ammontare necessario a pagare l’incremento d’imposta dell’anno precedente.

La contabilizzazione di tale costo riduce evidentemente i rendimenti netti dei comparti (in particolare per i comparti Reddito e Dinamico).

Fermo restando che i rendimenti reali maturati dai comparti sono quelli già dichiarati nell’articolo, si riporta di seguito una breve sintesi dei rendimenti che teoricamente avremmo registrato se non vi fosse stata tale novità.

Un punto di vista che ci permette di valutare con più precisione l’operato dei gestori nel confronto con il benchmark .

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
MERCATI FINANZIARI: IL PUNTO CON IL DIRETTORE
I RENDIMENTI DI SETTEMBRE: QUADRO COMPLESSIVO
SOLIDARIETÀ VENETO: AVANTI CON GLI INVESTIMENTI TERRITORIALI
CRISI GRECA: LA STRATEGIA DI SOLIDARIETÀ VENETO
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti di agosto 2022. Termina il “Sogno di una notte di mezza estate”. 

Un mese fa, cercando di “raffreddare gli animi” di fronte agli straordinari rialzi di luglio, sottolineavamo che l’economia globale, infilatasi da inizio anno in un diabolico labirinto, sembrava ancora lontana dal trovare il “filo di Arianna”. Ad agosto si ritorna con i piedi per terra.  Non vi è pace per l’investitore in questo tormentato 2022,

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

Torna su