Gestione Finanziaria

I rendimenti di ottobre 2014

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

I valori quota, in particolare quelli dei comparti “Prudente” e “Reddito”, sono infatti (curiosamente) quasi identici a quelli del mese precedente. Pura illusione: la volatilità ad ottobre è stata particolarmente elevata soprattutto nei mercati europei, con l’Italia in testa. Il fenomeno ha raggiunto il suo apice a metà mese: l’indice della borsa italiana (FTSEMIB) registrava il 16 ottobre un -13% circa da inizio mese.

Anche Germania (DAX) e Francia (CAC40) registravano i minimi da inizio anno (-10% circa da fine settembre). Conseguenze anche sui tassi dei BTP e sullo spread BTP-Bund.

A giustificazione gli specialisti hanno posto la “delusione” dei mercati per le dichiarazioni di Mario Draghi (BCE) riguardo al “quantitative easing” (politica espansiva, stampa di moneta) ridimensionate rispetto alle aspettative.

Nella seconda metà del mese un recupero ugualmente repentino ha riportato quasi tutti gli indici a livelli non molto distanti dai valori di inizio mese, “nascondendo” al lettore meno attento un fenomeno da non trascurare. Va segnalato inoltre l’andamento molto più stabile degli indici USA e le significativa ripresa del Nikkei (indice azioni Giappone) nell’ultima settimana. Si intuisce subito che, in uno scenario come questo, diventa assolutamente importante una tematica: quella della diversificazione.

I segnali registrati, se posti in relazione ai brillanti risultati di questi ultimi anni, ci inducono a tenere alta la guardia. Alcuni opinionisti evidenziano che i mercati (tanto azionari che obbligazionari) siano sopravvalutati; resta però impossibile capire quando questo trend andrà ad invertirsi. Il suggerimento per gli iscritti è quello di monitorare con accortezza la scelta del comparto affinché risulti allineata con il proprio orizzonte temporale e con il personale livello di propensione-avversione al rischio.

Garantito Tfr

Dopo 9 mesi consecutivi caratterizzati dal ribasso generalizzato dei tassi e del relativo aumento del valore dei titoli in portafoglio, il comparto chiude ottobre con un rendimento negativo: -0,45% la cui motivazione è speculare alla dinamica registrata nei mesi passati: aumento dei tassi dei titoli di stato italiani con conseguente effetto opposto sul valore dei titoli. Il fenomeno ha registrato il suo apice in modo piuttosto violento a metà mese, per poi andare ad attenuarsi gradualmente. Il risultato da inizio anno rimane in ogni caso straordinariamente elevato: +6,85% (benchmark netto +1,51%).

Prudente

È nei periodi come questi che emerge la principale caratteristica del comparto: l’elevata diversificazione che consente di ridurre la volatilità. Quando la percezione di rischio aumenta, gli investitori specializzati nel segmento obbligazionario tendono a spostarsi verso titoli di paesi reputati più sicuri (cosiddetti “core”, quali la Germania) a scapito, ad esempio, dei titoli di stato italiani. La presenza nel portafoglio del Prudente di una consistente porzione di titoli “core” ha compensato quindi la perdita di valore dei titoli di stato dei paesi periferici. Il resto lo ha fatto la parte azionaria “socialmente responsabile” (10% del patrimonio del comparto), anch’essa molto diversificata e nella quale è consistente la componente USA (più stabile dell’Europa ad ottobre). Il mese chiude quindi appena sopra la soglia della parità: +0,01% con una crescita da inizio anno pari a +5,29% (benchmark netto +5,40%).

Reddito

Risultato quasi coincidente a quello del Prudente; nonostante la “pesantezza” dell’asset class “azionario Italia”, (5% del portafoglio) che, diversamente da altri mercati azionari, recupera solo in parte la perdita di valore registrata a metà mese, la forte diversificazione del comparto consente di giungere a fine mese alla “parità”: -0,01%. Resta quindi positivo, ed allineato al mese precedente, il risultato da inizio anno: +5,63% (benchmark +6,19%).

Dinamico

Il gestore Pioneer è particolarmente confidente nella ripresa dei mercati europei: da tale impostazione deriva la tattica attuata in questo 2014, che tende a privilegiare l’investimento azionario in Euro piuttosto che le aziende quotate statunitensi. Una scelta che non ha comportato, nel mese di ottobre, i risultati sperati: il mese si chiude infatti con un -0,66%. Resta nettamente positivo, ma inferiore al benchmark di riferimento (+6,91% netto), l’andamento da inizio anno: +4,82%.

Potrebbe interessarti anche
Ripensiamo il risparmio
Tfr in busta: ne vale la pena?
Conoscere i “minibond” in 5 semplici passi
Investimenti e territorio: Solidarietà Veneto c’è

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

SOLIDARIETA’ VENETO ASSUME: RESPONSABILE AMMINISTRATIVO E DEL PERSONALE

Solidarietà Veneto, fondo pensione negoziale più diffuso tra i lavoratori del Veneto e realtà in forte crescita, ricerca un Responsabile Amministrativo e del Personale. La figura, riportando direttamente al Direttore dovrà assicurare il presidio e la gestione dei processi amministrativi e del personale, così come di seguito declinato. AREA AMMINISTRATIVA organizzazione e gestione degli adempimenti contabili,

I rendimenti al 31 luglio. E’ l’anno dell’Italia sportiva. Anche per quella finanziaria?

Ci siamo lasciati a giugno commentando l’entusiasmo che respiravamo nella quotidiana attività di consulenza finanziaria. Un ottimismo generale, ispirato anche dal procedere a pieno regime della manifattura veneta e, come scordarlo, dai successi della nazionale italiana di calcio…   …ci ritroviamo oggi a commentare i rendimenti di luglio e, a quanto pare… non ci siamo

COPERTURE ACCESSORIE CASO MORTE – INVALIDITA’ PERMANENTE: PUBBLICATO BANDO DI GARA

ESTRATTO DI BANDO Il Consiglio di Amministrazione di “SOLIDARIETA’ VENETO – FONDO PENSIONE”, iscritto alla Sezione I dell’Albo tenuto dalla COVIP con il n. 87, ha deliberato di procedere alla selezione di una Compagnia di assicurazione con cui stipulare una Convenzione per una polizza collettiva per la copertura del rischio “Temporanea Caso Morte e Invalidità

Torna su