Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Gestione Finanziaria

I rendimenti di novembre 2016

Facebook
Twitter
LinkedIn

Con le incognite di “Brexit” e delle elezioni americane abbiamo respirato per tanti mesi, in tutto il pianeta finanziario, un’aria intrisa di incertezza assoluta. Non parliamo poi delle vicende aggiuntive di casa nostra, con le banche ed i referendum ad aggiungere tensione.

Poi, nell’arco di poche settimane, ecco i dubbi sciogliersi ed aprirsi uno scenario fatto di novità, magari inattese e forse non del tutto gradite, ma comunque di maggiori certezze rispetto ai mesi precedenti.

L’effetto è quello di un immediato cambio di tendenza che spinge in alto i valori quota dei comparti di Solidarietà Veneto, con l’unica eccezione del Garantito TFR affaticato, a novembre, dal rialzo dei tassi che penalizza il valore dei titoli obbligazionari in portafoglio. Ma, come sappiamo, il garantito beneficia della garanzia.

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE

Dinamico



Il comparto in realtà è in ripresa ormai da febbraio scorso, quando toccò i minimi dell’anno. Da allora la performance sfiora il 6,5% netto. Notevole il contributo dei mercati azionari nel mese di novembre, che si chiude con una crescita del +1,96% (migliore performance dell’anno) e che porta il risultato da inizio anno a +2,92% (benchmark +2,45%).

Interessante anche la capacità dei gestori (Pioneer e, secondariamente, Finanziaria Internazionale) di recuperare terreno anche nel confronto con il benchmark di riferimento proprio in queste ultime settimane. Se anche dicembre il trend sarà confermato c’è la concreta possibilità di spuntare con il Dinamico a fine anno un risultato decisamente sopra le attese.

Reddito



Molto buona la performance del comparto nel mese di ottobre: +0,61%, per un rendimento da inizio anno di misura quasi identica (+0,60%). Anche in questo caso il risultato è superiore al benchmark (+0,38%).

Premiante, nel mese di novembre, il rafforzamento del dollaro statunitense e la ripresa dei mercati azionari, soprattutto quello italiano. Anche in questo caso l’auspicio è di una conferma del trend anche a dicembre.

Prudente



Brillante il +0,57% registrato dal comparto nel corso del mese. Una performance che porta a +0,29% (benchmark +0,40) il risultato da inizio anno.

Il Prudente è il comparto che più di altri ha beneficiato, soprattutto negli ultimi dieci anni, della graduale ma costante diminuzione dei tassi d’interesse e che, in questi ultimi mesi, all’opposto, ha invece sofferto della dinamica opposta (ovvero il rialzo dei rendimenti).

L’aumento della componente azionaria nell’investimento, attivata da inizio anno, ha permesso di contenere quest’ultimo effetto, permettendo al comparto di beneficiare in misura maggiore della performance positiva delle azioni in un contesto di tassi bassi altrimenti decisamente asfittico.

Garantito Tfr



Dopo i massimi registrati ad agosto, per il Garantito TFR è iniziato un trimestre difficile: il -0,78% di novembre porta infatti il risultato da inizio anno a -1,05% (benchmark +0,01).

Valori che, peraltro, non preoccupano più di tanto l’aderente in quanto il comparto è coperto da garanzia, per cui il rendimento garantito all’iscritto corrisponde alla rivalutazione del TFR e lo tutela nel caso in cui l’andamento del mercato sia avverso. Ben si intuisce proprio in questi frangenti la significativa potenzialità di questo comparto.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
SOLIDARIETÀ VENETO È IL MIGLIOR FONDO PENSIONE ITALIANO
SORPRESA: TORNA LO SPREAD E… IL DINAMICO RIPRENDE QUOTA
TRE ANNI DI “FOCUS GEOGRAFICO”: BILANCIO DI METÀ PERCORSO
I RENDIMENTI DEL TERZO TRIMESTRE 2016
ITALIANI POCO INFORMATI (E NON AMANTI DEL RISCHIO)
MENO TASSE, PIÙ ECONOMIA: RICONOSCIUTO IL CREDITO D’IMPOSTA
BREXIT, E ADESSO?
PRUDENTE: ARIA DI… CAMBIAMENTO
ARRIVA LA BUSTA: «NON MI ASPETTAVO QUESTI DATI»
AL VIA LA BUSTA ARANCIONE (STAVOLTA È VERO)
SOLIDARIETÀ VENETO: AVANTI CON GLI INVESTIMENTI TERRITORIALI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #3. LA SCELTA DEI COMPARTI E I RENDIMENTI ACCUMULATI

Dopo 6 mesi di tensioni finanziarie, la “terza puntata” di analisi della Relazione Covip “cade a fagiuolo”: l’approfondimento è infatti dedicato a rendimenti che, nel lungo periodo e soprattutto sui comparti azionari, restano soddisfacenti. Ma quali sono i benefici reali per gli iscritti? I rendimenti dei fondi pensione si misurano nel… lungo termine. L’affermazione, per quanto

Torna su