I rendimenti di luglio 2016

Nel mese successivo al Brexit i mercati finanziari fanno registrare rendimenti positivi grazie, in particolare, all’attesa di nuovi interventi di stimolo dell’economia da parte delle banche centrali.

A beneficiarne, in modo particolare, sono le asset class più rischiose (azioni in primis) che hanno recuperato il terreno perso molto velocemente negli ultimi giorni di giugno ed i titoli di stato periferici. Questi, in particolare, hanno visto ridurre lo spread nei confronti dei bund tedeschi e riprendere quanto lasciato sul campo

Resta presente, è bene sottolinearlo, una certa tensione nei mercati dovuta perlopiù alle incognite sulla modalità con cui il Regno Unito uscirà dell’Unione Europea. Molto dipenderà dalla gradualità e velocità del processo.

Vediamo, in seguito, i rendimenti del mese per ciascuno dei comparti:

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE

Dinamico



Il risultato del comparto a maggior componente azionaria risente più degli altri del dei risultati positivi di luglio che chiude con +1,78% e, per la prima volta da inizio del 2016, torna in positivo la performance da inizio anno +0,10% netto (benchmark 1,07%).

Reddito



Nuovamente in positivo anche il comparto Reddito. Il +0,83% di luglio porta il risultato da inizio anno a +0,73% netto (benchmark 0,32%).

Prudente



Il Prudente recupera dopo il risultato negativo di giugno con un +0,64%. Il comparto dedicato agli iscritti a cui mancano meno di 10 anni alla pensione registra da inizio anno una performance positiva dello 0,69% netto (benchmark 0,90%).

Garantito Tfr



Grazie alla diminuzione dello spread, i titoli di stato dei paesi periferici hanno aumentato il proprio valore portando il valore quota del comparto al valore più alto da inizio anno, Con il +0,25% del mese, il rendimento da inizio anno si attesta a +0,38% netto (benchmark 0,12%).

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
MENO TASSE, PIÙ ECONOMIA: RICONOSCIUTO IL CREDITO D’IMPOSTA
I RENDIMENTI DI GIUGNO 2016
COMPARTO DINAMICO: PUBBLICATO BANDO DI GARA
BREXIT, E ADESSO?
PRUDENTE: ARIA DI… CAMBIAMENTO
ARRIVA LA BUSTA: «NON MI ASPETTAVO QUESTI DATI»
SOTTOSCRITTE LE QUOTE DEL FONDO ALCEDO IV
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 3/3)
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 2/3)
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 1/3)
AL VIA LA BUSTA ARANCIONE (STAVOLTA È VERO)
MERCATI FINANZIARI: IL PUNTO CON IL DIRETTORE
SOLIDARIETÀ VENETO: AVANTI CON GLI INVESTIMENTI TERRITORIALI
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su