Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Gestione Finanziaria

I rendimenti di luglio 2014

Facebook
Twitter
LinkedIn

Garantito Tfr

Il portafoglio gestito da Cattolica Assicurazioni, concentrato in modo particolare nell’investimento “domestico” (titoli di stato italiani), continua a beneficiare in modo particolarissimo di questa dinamica: +0,41% il risultato netto del mese di luglio, con una performance da inizio anno che raggiunge il +6,10% (benchmark +1,39%). Come già si è avuto modo di evidenziare nei commenti sull’andamento dei periodi precedenti, si tratta di un risultato di rilievo assoluto ma certamente inusuale per un comparto che ha l’obiettivo di assicurare agli iscritti un tasso di rivalutazione almeno pari a quello del TFR.

Prudente

Il Prudente, anch’esso caratterizzato da una prevalenza di investimento a carattere obbligazionario, conferma a luglio la tendenza registrata nel primo semestre del 2014: rendimenti positivi, tendenzialmente maggiori delle aspettative e nettamente superiori al tasso di rivalutazione del TFR. Con il +0,48% di luglio, il rendimento da inizio 2014 raggiunge un buon +3,90% (benchmark netto +3,79%).

Reddito

La progressione del valore quota del Comparto Reddito (+0,29% netto) nel mese di luglio è leggermente inferiore a quella realizzata nei comparti Prudente e Garantito TFR: in questo caso si manifesta infatti più chiaramente la flessione fatta registrare da alcuni mercati azionari, in particolar modo quelli europei. Il risultato realizzato da inizio 2014 resta, in ogni caso, in linea con le aspettative: +3,86% netto (benchmark netto +4,28%).

Dinamico

La robusta performance del Comparto Dinamico nel bimestre maggio – giugno (+2,71% netto) aveva permesso al comparto gestito da Pioneer (e, secondariamente, da Finanziaria Internazionale) di allinearsi, in termini di rendimento da inizio anno, agli altri Comparti del Fondo. Luglio chiude nel segno della stabilità: l’avanzamento (+0,08% netto) è più contenuto rispetto a quello degli altri comparti e deriva della debolezza della componente azionaria, presente nel comparto in misura mediamente pari al 50%. A tal proposito ci pare interessante evidenziare comunque alcuni particolari effetti della diversificazione del portafoglio azionario: a fronte della debolezza dei mercati europei durante questo mese (Italia -3,35%; Germania -4,33%) si registra, considerando l’effetto “cambio”, una sostanziale neutralità nel rendimento delle azioni USA (il rafforzamento del dollaro compensa la riduzione di valore degli indici del mercato azionario) ed addirittura una crescita (+2,5% circa al netto dell’effetto cambio) del valore delle azioni facenti capo a società giapponesi. Elementi che hanno contribuito a mantenere in territorio positivo la performance anche questo mese. Positivo il risultato da inizio anno: +3,31% (benchmark +4,28%).

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

RENDIMENTI MAGGIO 2024

Se apprezzate le citazioni, potremmo definire il mese di maggio “radioso”, per i quattro comparti di Solidarietà Veneto. Merito dei mercati, complessivamente positivi, ma anche di una gestione efficace. Sì, è l’anno delle elezioni e, storicamente, questo dovrebbe causare incertezza nei sistemi economici e nella finanza. Tuttavia, le turbolenze elettorali questa volta sembrano non interessare

Come i fondi pensione resistono alle crisi finanziarie?

Le crisi finanziarie, spesso innescate da eventi globali imprevedibili, portano con sé ondate di perdite economiche e un generale calo della fiducia negli investimenti. Cosa accade a un fondo pensione come Solidarietà Veneto in questi momenti di incertezza? Resiste, mantenendo la fiducia delle persone aderenti.Capiamo perché. Una prospettiva di lungo periodo Uno degli elementi chiave

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Torna in alto