Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Gestione Finanziaria

I rendimenti di febbraio 2015

Facebook
Twitter
LinkedIn

Prosegue anche a febbraio, quindi, l’effetto “Quantitative Easing” con tre principali conseguenze: tassi d’interesse in calo, crescita dei mercati azionari e indebolimento dell’Euro. Vediamo quindi come questi effetti abbiano influenzato le performance dei quattro comparti di investimento Solidarietà Veneto.

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE

Garantito Tfr

L’abbondante +1,45% netto registrato a febbraio, porta la performance da inizio anno a + 2,68% netto (benchmark +0,90 %). La performance, manco a dirlo, è riconducibile al generalizzato aumento di valore (prezzo) dei titoli riferibili alla parte obbligazionaria (circa il 95% delle risorse in gestione) per effetto della nuova diminuzione dei tassi dovuta all’”effetto q.e.”. Impressiona il confronto con la rivalutazione del TFR, ferma a +0,21% netto da inizio anno. Impressiona altresì il fatto che il rendimento atteso del comparto è sempre più contenuto: in prospettiva la garanzia dei rendimento minimo di cui gode l’iscritto al “Garantito TFR”, assieme ai vantaggi fiscali, diventa sempre più preziosa.

Prudente

Un “tondo” +1% netto nel mese consente alla performance cumulata di raggiungere un ottimo +2,40% netto da inizio anno (benchmark +2,57 %). Incrementi di valore che vengono dalla parte obbligazionaria, ma con toni meno accesi rispetto a quelli registrati nel Garantito TFR. A positiva compensazione si registra una crescita anche della parte azionaria (10% del portafoglio).

Reddito

Il +1,83% netto di febbraio porta il risultato netto da inizio anno ad un brillante +3,85% netto (benchmark +3,87%). Oltre all’incremento di valore sui titoli obbligazionari, nel Comparto Reddito, gli effetti delle aspettative sul “Quantitative Easing” determinano la buona performance della componente azionaria “Europa”. Il deprezzamento dell’Euro accresce inoltre il valore dei titoli extra Euro (soprattutto USA e Giappone). Da sottolineare infine il caso dell’“azionario Italia” (circa il 5% del portafoglio) che da inizio 2015 fa registrare un aumento di circa il 17% (uno di migliori risultati in Europa).

Dinamico

Un buon avvio d’anno per il Dinamico che, anche a febbraio, conferma il trend di inizio anno (+2,87% netto). La performance del 2015 raggiunge un interessante +5,13% netto (benchmark +5,23% ). Il gestore Pioneer, dopo il ritardo accusato nel 2015 rispetto al benchmark, comincia a trarre beneficio dall’impostazione che punta a trarre valore dalla ripresa dell’economia in Europa, attraverso il sovrappeso dei titoli azionari delle aziende operanti nel nostro continente.

Potrebbe interessarti anche:
I RENDIMENTI DI GENNAIO 2015
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE
CONOSCERE I “MINIBOND” IN 5 SEMPLICI PASSI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #3. LA SCELTA DEI COMPARTI E I RENDIMENTI ACCUMULATI

Dopo 6 mesi di tensioni finanziarie, la “terza puntata” di analisi della Relazione Covip “cade a fagiuolo”: l’approfondimento è infatti dedicato a rendimenti che, nel lungo periodo e soprattutto sui comparti azionari, restano soddisfacenti. Ma quali sono i benefici reali per gli iscritti? I rendimenti dei fondi pensione si misurano nel… lungo termine. L’affermazione, per quanto

Torna su