Gestione Finanziaria

I rendimenti di febbraio 2015

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Prosegue anche a febbraio, quindi, l’effetto “Quantitative Easing” con tre principali conseguenze: tassi d’interesse in calo, crescita dei mercati azionari e indebolimento dell’Euro. Vediamo quindi come questi effetti abbiano influenzato le performance dei quattro comparti di investimento Solidarietà Veneto.

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE

Garantito Tfr

L’abbondante +1,45% netto registrato a febbraio, porta la performance da inizio anno a + 2,68% netto (benchmark +0,90 %). La performance, manco a dirlo, è riconducibile al generalizzato aumento di valore (prezzo) dei titoli riferibili alla parte obbligazionaria (circa il 95% delle risorse in gestione) per effetto della nuova diminuzione dei tassi dovuta all’”effetto q.e.”. Impressiona il confronto con la rivalutazione del TFR, ferma a +0,21% netto da inizio anno. Impressiona altresì il fatto che il rendimento atteso del comparto è sempre più contenuto: in prospettiva la garanzia dei rendimento minimo di cui gode l’iscritto al “Garantito TFR”, assieme ai vantaggi fiscali, diventa sempre più preziosa.

Prudente

Un “tondo” +1% netto nel mese consente alla performance cumulata di raggiungere un ottimo +2,40% netto da inizio anno (benchmark +2,57 %). Incrementi di valore che vengono dalla parte obbligazionaria, ma con toni meno accesi rispetto a quelli registrati nel Garantito TFR. A positiva compensazione si registra una crescita anche della parte azionaria (10% del portafoglio).

Reddito

Il +1,83% netto di febbraio porta il risultato netto da inizio anno ad un brillante +3,85% netto (benchmark +3,87%). Oltre all’incremento di valore sui titoli obbligazionari, nel Comparto Reddito, gli effetti delle aspettative sul “Quantitative Easing” determinano la buona performance della componente azionaria “Europa”. Il deprezzamento dell’Euro accresce inoltre il valore dei titoli extra Euro (soprattutto USA e Giappone). Da sottolineare infine il caso dell’“azionario Italia” (circa il 5% del portafoglio) che da inizio 2015 fa registrare un aumento di circa il 17% (uno di migliori risultati in Europa).

Dinamico

Un buon avvio d’anno per il Dinamico che, anche a febbraio, conferma il trend di inizio anno (+2,87% netto). La performance del 2015 raggiunge un interessante +5,13% netto (benchmark +5,23% ). Il gestore Pioneer, dopo il ritardo accusato nel 2015 rispetto al benchmark, comincia a trarre beneficio dall’impostazione che punta a trarre valore dalla ripresa dell’economia in Europa, attraverso il sovrappeso dei titoli azionari delle aziende operanti nel nostro continente.

Potrebbe interessarti anche:
I RENDIMENTI DI GENNAIO 2015
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE
CONOSCERE I “MINIBOND” IN 5 SEMPLICI PASSI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Primo semestre 2021. I rendimenti al 30 giugno.

E’ la “fiducia”, bellezza. E tu non puoi farci niente (da L’ultima minaccia – 1952) Tra vaccini e varianti, la “normalizzazione” post Covid avanza con fatica. Eppure, nei mercati azionari prevale la fiducia, nonostante il ritorno dell’inflazione. In Italia perfino i successi sportivi contribuiscono al positivo “mood”. E così la parafrasi di quel vecchio film,

Nuovo Sportello Informativo a Sedico (2)

Novità in provincia di Belluno: apre a SEDICO un nuovo recapito del fondo pensione regionale. Solidarietà Veneto potenzia il servizio nel bellunese. Lo sportello sarà attivo da settembre ogni 3° lunedì del mese, dalle 15.00 alle 18.00 presso la sede di Rete Imprese Dolomiti – Casartigiani Belluno, in via Z.I. Gresal, 5/E. I referenti diretti di Solidarietà Veneto sono

CONTRIBUZIONI SETTORE LEGNO ARREDO INDUSTRIA: SPECIALE LUGLIO 2021

Rinnovo CCNL: Cosa e Come versare la nuova contribuzione al fondo Il rinnovo contrattuale dello scorso 19 ottobre 2020 ha introdotto una serie di novità “previdenziali” per i lavoratori del settore legno arredo industria. Si tratta di 2 aumenti che coinvolgono i versamenti ai fondi pensione contrattuali di riferimento. Oltre all’aumento del contributo azienda (2,20%

Torna su