Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Gestione Finanziaria

I rendimenti del terzo trimestre 2016

Facebook
Twitter
LinkedIn

Diversificazione, stabilità e cambi di comparto



C’eravamo lasciati, nel bel mezzo dell’estate, al commento dei risultati del mese di luglio: il segno “+” ci stupiva positivamente, all’indomani dei timori pre – Brexit. Successivamente, nei mesi di agosto e settembre, i mercati finanziari sono rimasti abbastanza stabili, con degli accenni migliori per quanto attiene alla componente azionaria e dei sintomi di affaticamento riguardo a quella obbligazionaria

Da segnalare, per i portafogli di Solidarietà Veneto, due ulteriori temi sviluppatisi in questo bimestre: l’indebolimento della sterlina e la crisi del sistema bancario nazionale, che ha continuato ad appesantire l’indice della borsa italiana (FTSE MIB).

Pur con sfumature diverse, l’elevata diversificazione che caratterizza i quattro comparti di Solidarietà Veneto ha consentito di contenere gli effetti di tali fenomeni, tanto che possiamo senz’altro definire questi primi nove mesi dell’anno come caratterizzati da notevole stabilità per quanto riguarda i valori quota dei comparti. Si tratta di un fenomeno non banale, considerando che lo scenario economico attuale.

Si è creata, in questo senso, una sorta di “finestra di stabilità”, che si è rivelata utile, per molti aderenti al Fondo, al fine di valutare con un po’ di calma il proprio posizionamento, ponendolo in relazione con l’orizzonte temporale e con la personale avversione – propensione al rischio.

A settembre 2016 si registra un incremento dei “cambi comparto” superiore al 20% rispetto allo stesso periodo del 2015. La logica prevalente, come di consueto, è quella che vede gli aderenti slittare gradualmente verso i comparti a minore rischio, in virtù dell’accorciarsi dell’orizzonte e dell’aumentare del montante contributivo.

Nel mese di ottobre, stanno maturando sui mercati fenomeni nuovi: il rafforzamento del dollaro, lo “spread” che si riapre e la borsa italiana che si riprende. Sale quindi l’interesse per questo finale d’anno che si preannuncia movimentato anche alla luce delle prossime elezioni americane e delle decisioni delle banche centrali riguardo ai tassi di interesse, ormai a livelli che qualcuno definisce non sostenibili.

Vediamo, in seguito, i rendimenti del trimestre per ciascuno dei comparti:

SCARICA QUI IL RIEPILOGO PER LA TUA BACHECA AZIENDALE

Dinamico



Le note più positive registrate nel bimestre agosto – settembre, vengono dal Comparto dedicato ai più giovani. Il +0,68% netto, maturato in effetti nel mese di agosto e poi mantenuto, porta il risultato da inizio anno a + 0,77% netto (benchmark +1,57%). Il recupero, rispetto ai minimi toccati a febbraio, supera il 4%. Si stima che il trend positivo possa proseguire anche ad ottobre grazie soprattutto al rafforzamento del dollaro.

Ricordiamo, tra l’altro, che è in corso, proprio in queste settimane, la selezione del secondo gestore a cui, dalla fine dell’anno, saranno affidate parte delle risorse in gestione. Si tratta di un’operazione programmata alla luce della crescita del patrimonio del comparto (circa 150 milioni) e della necessità di diversificare anche gli stili di gestione, in un processo che Solidarietà Veneto ha avviato ormai da diversi anni.

Reddito



Leggera flessione (-0,18%) per il comparto nel bimestre agosto – settembre. Il risultato da inizio anno resta comunque positivo: +0,55% netto (benchmark +0,08%).

La politica di gestione del Comparto, da sempre improntata alla prudenza, è affidata a quattro partner: Arca, Generali, Duemme e Finanziaria Internazionale, che realizzano una diversificazione anche dal punto di vista degli stili di gestione, a tal riguardo va rilevato il positivo risultato di Duemme che, nell’anno in corso, supera il benchmark di oltre l’1%, contribuendo in modo decisivo alla performance.

Prudente



Il comparto caratterizzato dalla gestione “socialmente responsabile” matura, nel corso del 2016, un risultato esattamente identico a quello del “Reddito”: +0,55% (benchmark +0,65%).

La performance lievemente negativa (-0,14%) maturata nel bimestre agosto – settembre è collegata anche alla debolezza della sterlina inglese nel “post Brexit” che ha inciso, pur in misura contenuta, sul risultato finale. Il Comparto è caratterizzato da una politica di investimento particolarmente prudente, che ci si aspetta possa difendere il patrimonio anche a fronte di eventuali rialzi dei tassi di interesse che dovessero riaffacciarsi sui mercati nei prossimi mesi.

Garantito Tfr



Assolutamente stabile il valore quota nel bimestre agosto – settembre (+0,02%). La performance da inizio anno, +0,40%, (benchmark +0,19%) risulta leggermente inferiore al parametro di riferimento a cui è collegata la garanzia, ovvero la “rivalutazione netta del TFR” che, da inizio anno, è pari allo 0,99%.

Il Comparto è spesso utilizzato dai lavoratori prossimi alla pensione: a costoro evidenziamo che, fino alla fine del 2019, nel caso di uscita per pensionamento, è garantita l’integrazione al rendimento minimo garantito, qualora quello realizzato dalla gestione finanziaria fosse inferiore alla soglia di garanzia.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
I RENDIMENTI DI LUGLIO 2016
MENO TASSE, PIÙ ECONOMIA: RICONOSCIUTO IL CREDITO D’IMPOSTA
COMPARTO DINAMICO: PUBBLICATO BANDO DI GARA
BREXIT, E ADESSO?
PRUDENTE: ARIA DI… CAMBIAMENTO
ARRIVA LA BUSTA: «NON MI ASPETTAVO QUESTI DATI»
SOTTOSCRITTE LE QUOTE DEL FONDO ALCEDO IV
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 3/3)
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 2/3)
SIGNORI, SI CAMBIA! (TAPPA 1/3)
AL VIA LA BUSTA ARANCIONE (STAVOLTA È VERO)
MERCATI FINANZIARI: IL PUNTO CON IL DIRETTORE
SOLIDARIETÀ VENETO: AVANTI CON GLI INVESTIMENTI TERRITORIALI
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

CCNL Industria CEMENTO, CALCE, GESSO : DA LUGLIO, SALE IL CONTRIBUTO AZIENDALE

Dal 1° luglio 2024 aumenta il contributo aggiuntivo a carico azienda. Più risparmio previdenziale per i dipendenti iscritti ai fondi pensione contrattuali. Un altro settore, quello del CCNL Industria Cemento, Calce e Gesso, registra un incremento delle contribuzioni a favore della previdenza complementare dei lavoratori. Dal 1° luglio 2024, come previsto dall’accordo di rinnovo del 15/03/2022, è previsto

CCNL Industria LAPIDEI E MARMOMACCHINE : DA LUGLIO, IL CONTRIBUTO AZIENDALE SALE AL 2,90%

Dal 1° luglio, sarà in vigore la nuova aliquota contributiva stabilita nel rinnovo contrattuale sottoscritto il 24/11/2022. Importanti novità per i lavoratori del settore. Dal 1° luglio 2024, la contribuzione a carico del datore di lavoro passerà dall’attuale 2,70% al 2,90% calcolato sulla retribuzione utile al calcolo del TFR. Nulla cambia, invece, per il contributo

CCRL ARTIGIANO – COMUNICAZIONE: NUOVO CONTRIBUTO AZIENDA, NUOVA PRESTAZIONE EBAV

Da gennaio 2024, i lavoratori artigiani del comparto “comunicazione” beneficiano di un nuovo contributo riconosciuto dal datore di lavoro: arriva il “contributo contrattuale veneto”. Il recente rinnovo del CCRL Comunicazione Artigiano ha introdotto non poche novità per i lavoratori del settore. Le Parti firmatari dell’accordo, nell’intento di valorizzare il ruolo della previdenza complementare per i lavoratori

Torna in alto