Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Fiscalità

Hai dichiarato il premio di risultato al Fondo?

Facebook
Twitter
LinkedIn

Cosa deve fare il lavoratore per ottenere i vantaggi fiscali legati alla destinazione al Fondo del Premio di Risultato

All’inizio dell’anno abbiamo descritto il funzionamento e i vantaggi principali derivanti dalla destinazione al Fondo Pensione dei Premi di Risultato.
Riassumendo, i premi di risultato, se destinati al Fondo Pensione:

  • non sono soggetti all’imposizione dell’imposta sostitutiva del 10%;
  • non concorrono a formare reddito anche se viene superato il limite di deducibilità di 5.164,57 euro;
  • non sono soggetti a tassazione al momento dell’erogazione da parte del Fondo.

La circolare 5/E/2018 dell’Agenzia delle Entrate dispone che il lavoratore debba dichiarare al Fondo il valore degli eventuali “Premi di risultato” versati (entro l’anno successivo al versamento stesso). La dichiarazione è fondamentale per ottenere gli sgravi fiscali sopra specificati.

Effettuare la dichiarazione del premio è semplice: recupera il valore del premio di risultato versato nel 2018 (eventualmente anche tramite l’ufficio personale della tua azienda) ed entra nella tua “area riservata”. Nella sezione “CONTRIBUZIONE” potrai effettuare rapidamente tale passaggio.

Non sei pratico di internet? Puoi utilizzare il modulo cartaceo (sito web del Fondo – sezione modulistica). Se hai bisogno di ulteriori informazioni i nostri operatori sono disponibili, eventualmente anche per organizzare uno sportello informativo aziendale.

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

CCNL Industria CEMENTO, CALCE, GESSO : DA LUGLIO, SALE IL CONTRIBUTO AZIENDALE

Dal 1° luglio 2024 aumenta il contributo aggiuntivo a carico azienda. Più risparmio previdenziale per i dipendenti iscritti ai fondi pensione contrattuali. Un altro settore, quello del CCNL Industria Cemento, Calce e Gesso, registra un incremento delle contribuzioni a favore della previdenza complementare dei lavoratori. Dal 1° luglio 2024, come previsto dall’accordo di rinnovo del 15/03/2022, è previsto

CCNL Industria LAPIDEI E MARMOMACCHINE : DA LUGLIO, IL CONTRIBUTO AZIENDALE SALE AL 2,90%

Dal 1° luglio, sarà in vigore la nuova aliquota contributiva stabilita nel rinnovo contrattuale sottoscritto il 24/11/2022. Importanti novità per i lavoratori del settore. Dal 1° luglio 2024, la contribuzione a carico del datore di lavoro passerà dall’attuale 2,70% al 2,90% calcolato sulla retribuzione utile al calcolo del TFR. Nulla cambia, invece, per il contributo

CCRL ARTIGIANO – COMUNICAZIONE: NUOVO CONTRIBUTO AZIENDA, NUOVA PRESTAZIONE EBAV

Da gennaio 2024, i lavoratori artigiani del comparto “comunicazione” beneficiano di un nuovo contributo riconosciuto dal datore di lavoro: arriva il “contributo contrattuale veneto”. Il recente rinnovo del CCRL Comunicazione Artigiano ha introdotto non poche novità per i lavoratori del settore. Le Parti firmatari dell’accordo, nell’intento di valorizzare il ruolo della previdenza complementare per i lavoratori

Torna in alto