Gestione Finanziaria

GLOSSARIO DELLA FINANZA – TASSO DI INTERESSE TECNICO

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

La definizione di oggi descrive una formula tipica del mondo delle assicurazioni e dunque, per quel chi ci riguarda, della fase di erogazione delle prestazioni. In particolare il tasso tecnico rappresenta il tasso d’interesse minimo garantito all’iscritto che ha attivato la rendita, che ne fruisce in via anticipata, fin dalla prima rata erogata. Si tratta di un tecnicismo un po’ sofisticato, ma certamente di valore; proviamo di seguito a descriverlo.

Le compagine di assicurazione ergano le rendite a partire dal premio inizialmente versato dall’assicurato (nel caso di Fondi Pensione il montante che l’iscritto ha accumulato nel corso degli anni). Questo viene investito dall’assicurazione attraverso lo strumento della gestione separata, che ogni anno matura un rendimento, riconosciuto – al netto dei costi – all’assicurato. La compagnia di assicurazione talvolta può attribuire all’iscritto che avvia una rendita anche un rendimento minimo garantito che andrà ad incrementare il valore delle rate di rendita ancora da erogare.

Come accennato, tale rendimento minimo garantito può essere riconosciuto anche in via anticipata, cioè prima che effettivamente vada a maturare, ed assume in questo caso la denominazione di “tasso tecnico”.

Se, ad esempio, il tasso minimo garantito dalla compagnia fosse pari allo 0,75% annuo, e venisse riconosciuto sotto forma di “tasso tecnico” (cioè in via anticipata), la prima rata di rendita risulterebbe incrementata della “futura rivalutazione riconosciuta”. Per effetto di tale “anticipo” si intuisce come la rata non andrebbe poi ad incrementarsi nel tempo; tuttavia se il rendimento effettivo annuo della gestione separata nella quale è stato investito il premio (depurato del costo di gestione e dunque riconosciuto all’assicurato) dovesse risultare maggiore del tasso tecnico (tasso minimo garantito anticipato), la rata verrebbe incrementata della differenza di rendimento. Tornando all’esempio: se il rendimento netto della gestione separata nell’anno oggetto di osservazione fosse pari all’1%, la rata (nella quale è già incorporato l’anticipo della rivalutazione minima garantita dello 0,75%) da un anno all’altro si incrementerebbe dello 0,25%.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
IL GLOSSARIO DELLA FINANZA
I TITOLI DI DEBITO
COME SOPRAVVIVERE NEL DESERTO DEI TASSI A ZERO?

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su